ippogrifo11

Home/Forum/ippogrifo11

Risposte al Forum Create

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 80 totali)
  • Autore
    Articoli
  • ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80

    Molto pragmaticamente e per restare con i piedi ben piantati per terra, anche se mi rendo conto di quanto sia calamitante il fascino che accompagna le suggestioni del pensiero, in particolare quelle sospinte dalle incursioni ardite della scienza di frontiera, suggerirei di focalizzare l’attenzione sul tempo della quotidianità e di provare a dilatare gli intervalli di consapevolezza della nostra condizione di miriamici. L’ideale sarebbe far coincidere tali intervalli con l’intero periodo di veglia, e magari non solo quello.
    Ma, chissà, forse è proprio quello che voleva intendere il nostro Alef2006. O no?

    • Questa risposta è stata modificata 2 mesi, 1 settimana fa da  ippogrifo11.
    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80

    Giusto! Quelli della sera e del nord, che fanno ancora più tardi!

    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80
    in risposta a: Notizie dal web #14905

    Non so, cara Mandragola, se e fino a che punto i giovani che stanno manifestando in tutto il mondo contro lo scempio che si sta perpetrando verso il Pianeta siano strumentalizzati; resta tuttavia il fatto che dall’iniziativa individuale, tenace e determinata di una “ragazzina” sono nati e si sono diffusi a macchia d’olio una sensibilità e un impegno partecipativo sorprendenti e sono convinto che tu sia d’accordo con me se affermo che ai giovani e alle loro istanze, soprattutto se orientate al bene collettivo, la nostra fascia di età deve guardare con attenzione e con rispetto: sono loro l’umanità di domani.
    Un caro saluto a te e ai frequentatori del sito.

    • Questa risposta è stata modificata 4 mesi fa da  ippogrifo11.
    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80
    in risposta a: Notizie dal web #14814

    Ho letto con curiosità – e attenzione – l’articolo segnalato da guglielmo tell e ho provato a immaginare cosa sarebbe accaduto da noi in una situazione analoga… Meglio lasciar perdere!
    Resta tuttavia la considerazione generale sulla diffusa e cieca insensibilità verso la natura e i suoi delicati equilibri. Il mondo delle fate, il mondo fantastico e magico delle tradizioni popolari è forse la proiezione dell’esigenza profonda, legata a una condizione solo apparentemente fanciullesca di innocente credulità, di stabilire rapporti più immediati e genuini con le forze, i ritmi e l’armonia della natura, di cui le fate sono la rappresentazione emblematica. E le fate, guarda caso, sono coniugate al femminile. Quel femminile che nella specie umana si incarna nella donna, della quale proprio ieri si è celebrata la giornata mondiale; quel femminile a cui Admin, in un altro spazio del sito, ha voluto rendere omaggio attraverso il linguaggio universale della poesia. Omaggio che ci vede solidali come lo sono i petali della stessa Rosa.
    Un caro saluto ai naviganti in rotta verso la Primavera.

    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80

    Buongiorno a te, M_rosa, e all’intero popolo di Miriam!
    Sì, mettiamocela tutta! E tutti in uno sforzo solidale e unitario, oltre le difficoltà del quotidiano, oltre le asperità spigolose del carattere, oltre le resistenze dei personalismi, oltre le incomprensioni generate dalle gabbie mentali erette a illusoria protezione delle intime debolezze. Ognuno di noi, per scelta libera e per necessità di evoluzione, ha posto a dimora dentro di sé il seme del Bene, seme destinato inesorabilmente, fatalmente, a germogliare nel rigoglio della primavera della vita che non ha età. Riconosciamoci Uno nella tensione ideale, fusi insieme e fraternamente sostenendoci l’un l’altro, sentendo nostre le sofferenze e le difficoltà della Sorella e del Fratello e gioiendo per ogni conquista, seppure apparentemente piccola e insignificante, che si accenda per illuminare il cammino di qualcuno di noi. Che è il cammino di tutti noi.

    • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da  ippogrifo11.
    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80

    L’equazione riportata da Alef2006, di per sé molto elegante, è il risultato della rappresentazione trigonometrica di un numero complesso che, come si sa, è formato da una parte reale e da una parte immaginaria (la sua rappresentazione tipica è: z = a + ib, dove z è il numero complesso, a la parte reale e ib la parte immaginaria, ossia l’unità immaginaria i moltiplicata per la quantità b).
    Nella rappresentazione trigonometrica si ha a che fare con angoli, quindi con rotazioni, e quando la rotazione è completa, ossia di 360 gradi, accade che il numero complesso e il modulo che lo rappresenta graficamente coincidano in valore, da cui l’uguaglianza a 1 del loro rapporto. Infatti l’equazione generale è z = re^iθ, dove ancora una volta z è il numero complesso, r il suo modulo nella rappresentazione trigonometrica (ossia la distanza del punto rappresentato da z dall’origine O del sistema di riferimento), e il numero di Nepero e θ l’angolo che il segmento O-Z forma con l’asse di riferimento. Quando θ è di 360 gradi, ossia 2π, ecco che, per l’eguaglianza di z e r sopra detta, si ha l’equazione riportata da Aleph2006.
    Detto questo a beneficio di chi non mastica molto di matematica (spero di essere stato sufficientemente chiaro, ma non ne sono sicuro), devo dire che l’interpretazione che ne dà Alef2006, anche se si sposta sul piano metafisico, resta intrigante e voglio aggiungere che ogni rotazione completa descrive immancabilmente un cerchio e ogni cerchio ha un Centro come punto di origine, così come ogni punto della circonferenza che racchiude il cerchio è una delle infinite proiezioni delle stesso Centro. Buon fine settimana a tutti i naviganti.

    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80
    in risposta a: Il Carnevale #14503

    Anima critica ci ricorda, trascrivendola fedelmente, un’indicazione metodologica fondamentale della nostra Schola Italica e fa bene. Il carattere sperimentale che contraddistingue il nostro metodo, che si sintetizza nel “cavare la teoria dalla pratica”, ci richiama all’importanza di parlare di ciò di cui si ha riscontro diretto, così da tenere nettamente distinta la conoscenza, acquisita per esperienza soggettiva e oggettiva, dalle opinioni e dalle credenze che sostengono i nostri convincimenti, per altro tutti da passare al vaglio impietoso della verifica probante. Per impegno assunto, ciascuno di noi tende a diventare strutturalmente finalizzato al Bene e perciò ogni nostra azione e parola, orale o scritta, dovrebbe porsi come obiettivo il Bene, nostro e altrui. In tal senso – e qui porto la mia personalissima esperienza – prima di agire o dire sto imparando a chiedermi: ciò che sto per fare o per dire a cosa e a chi è utile? E se sorge qualche dubbio, mi astengo, perché mi sto convincendo che un’azione non finalizzata, non utile, finisca per alimentare il caos. É pur vero che in tema di Carnevale, come si è detto e come ci ricorda la Direzione nel link in riferimento, il caos “preludia l’ordine nuovo e idee e creazioni sempre più perfette”, ma si tratta, in questo caso di un caos funzionale al rinnovamento e non fine a sé stesso. Il Carnevale ci riporta alle mille maschere che indossiamo per convenienza, per ruolo, o per necessità come ci ricorda ancora anima critica, e ci richiama allo sforzo per liberarcene e far prevalere la semplicità sostanziale del nostro Essere. In assenza di questo lavorìo continuo di spoliazione di sé si finirebbe per sottostare giocoforza all’esercizio di un ruolo fittizio che, sul cammino da noi intrapreso, configurerebbe il rischio enorme – e le tante chiesuole che si richiamano al nome di Kremmerz stanno a dimostrarlo – di appiccicarsi al viso n’altra maschera, quella dell’Iniziato. E qui la cosa, oltre che la maschera, finirebbe davvero per diventare paradossalmente grottesca.
    Un caro saluto ai naviganti del sito.

    • Questa risposta è stata modificata 5 mesi fa da  ippogrifo11.
    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80
    in risposta a: Il Carnevale #14461

    Non mi sorprende, cara Tanaquilla, che ti sia trovata solo con pochi altri a gridare di credere alle fate; le fate sono il centro delle fiabe e, purtroppo, alle fiabe si smette troppo presto di credere. Forse è per questo che le fate sono scomparse dai nostri orizzonti, rendendosi invisibili a occhi che non sono più in grado di riflettere la virtù dell’innocenza. All’incirca un secolo fa, il Maestro Kremmerz osservava non senza una punta di amarezza che “per noi il mondo delle fiabe, anche delle fiabe a tinte e mezze tinte di carattere occulto, è finito per sempre”.
    Buon carnevale a tutti.

    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80

    Apprendo con piacere che anima critica, dopo il lungo periodo di silenzio, abbia ripreso a frequentare il nostro sito e a scrivere nel Forum. Come iscritto alla Schola, poi, mi fa ancora più piacere che abbia intenzione di seguire i corsi on line; in proposito, immagino che, in coerenza col nick name scelto, li approcci con spirito libero e “critico”, così da offrirci, nelle considerazioni che vorrà condividere con noi in questo Forum, punti di vista stimolanti. Mi permetto solo un consiglio benevolo e disinteressato (anima critica non me ne voglia per questo): la Schola, come è detto nel video introduttivo, mette a disposizione del frequentatore dei corsi un tutor, sempre che l’interessato ne faccia richiesta, con lo scopo di aiutarlo nel percorso di approfondimento e di comprensione; ebbene, il consiglio è di approfittare al meglio di questa opportunità; certo, si può sempre fare da soli ma, come il metodo della Schola insegna, l’oggettivazione (di dubbi, perplessità, e quant’altro possa ostacolare il processo di comprensione) è fondamentale per non incorrere nella trappola dell’autoreferenzialita’, tanto più rischiosa quanto più si ritiene sia robusta la propria attrezzatura concettuale e culturale, la quale, non di rado, è un mero assemblato sovrastrutturale.
    Buon inizio di percorso, dunque, e a presto. A tutti un caro saluto.

    • Questa risposta è stata modificata 5 mesi, 1 settimana fa da  ippogrifo11.
    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80

    È proprio vero, cara Mercurius3, abbiamo bisogno di semplicità, di immediatezza, di genuinità, insieme alle considerazioni o agli interventi un tantino più impegnativi. Passare di qua è come fare una capatina a casa, anche solo per un momento, giusto per vedere se ci sono novità o per respirare una boccata di confortevole familiarità. Questo spazio serve anche a questo: darci modo di alimentare e rinsaldare l’unione che ci affratella, oltre che tenere la porta aperta per chi viene a farci visita, perché ci vuole conoscere o anche solo intavolare uno scambio o un confronto di opinioni.
    Buona serata ai naviganti: la Stella Polare è sempre al suo posto e a guardarla non si sbaglia rotta.

    • Questa risposta è stata modificata 5 mesi, 2 settimane fa da  ippogrifo11.
    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80

    Poesia è arte della parola e dietro ogni espressione artistica vi è l’immediatezza del “sentire”, del quale l’artista cerca in qualche modo di farsi tramite. Grazie per i versi, m_rosa: anch’essi, come ogni altra cosa di bello che ci regala la Vita, possono esserci di conforto nel lavorio quotidiano e incessante di trasformazione del nostro essere. Ancora un caro saluto a tutti i naviganti del sito.

    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80

    Finalmente sono riuscito a dedicarmi il ritaglio di tempo, come lo volevo e con le condizioni che volevo, per immergermi nel breve filmato postato dalla Direzione e farmi catturare dal miracolo della Vita. La Vita è nelle sue infinite trasformazioni; la Vita è cooperazione e armonia. La Vita è bellezza e spesso, anzi quasi sempre, la bellezza è semplicità. E la semplicità è diretta, immediata, e non ha bisogno di troppe parole per farsi comprendere. Un caro saluto ai naviganti tutti e che nell’attraversamento dell’oceano della vita resti ben salda la barra del timone.

    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80

    Mi unisco agli apprezzamenti di Mens.libera: trovo anch’io che gli ultimi accorgimenti apportati alle funzionalità del sito ne rendano più agevole e immediato l’utilizzo.

    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80

    Condivido in toto, senza riserve, quanto testimoniato da Diogenonn perché anche la mia esperienza vissuta nel seno della Miriam ortodossa, seppure svoltasi lungo un arco temporale un po’ più breve, racconta le stesse cose e parla della identica “tensione”, nonostante le tante resistenze e gli innumerevoli ostacoli frapposti dalla nostra condizione di esseri umani in itinere. Il Faro che ci guida sul cammino è sempre quello: anteporre l’ideale di Bene, altrui e nostro, alla vacuità dei personalismi sempre in agguato e sempre pronti a intrappolarci in una malintesa quanto sterile difesa della nostra individualità.
    Un caro saluto ai naviganti.

    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 80

    Chissà, caro Kridom, forse anche le profezie buttate lì “a casaccio”, se osservate un po’ più dall’alto, come da invito del Maestro L.J. Aniel, e quindi con un orizzonte spazio-temporale più ampio, magari si presentano con un filo connettivo e con una “ratio” che invece sfuggono alla visione circoscritta e limitata imposta dagli spazi angusti e intricati che concede il labirinto…E allora anche le scelte conseguenti potrebbero essere diverse… Purtroppo, ci muoviamo lungo il filo dei “se”, filo che serve poco anche per chi voglia, non dico cucire, ma almeno imbastire. Meglio allora, come tu dici, servirsi del Filo d’Arianna che con grande generosità ci viene affidato nella e dalla Schola e che ci consente di restare sul “percorso” anche quando questo, come è nel caso del percorso della vita, ci appare aggrovigliato e senza capo né coda.
    Raccolgo con piacere il tuo augurio di buon inizio, che estendo a tutti i naviganti del sito, così come faccio mio il tuo “grazie” ai Maestri, sempre con noi e per noi.

    • Questa risposta è stata modificata 6 mesi, 3 settimane fa da  ippogrifo11.
Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 80 totali)

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy