Attività e Curriculum

La vita e gran parte delle attività culturali della nostra Associazione riassunte dal 1985 ad oggi nel curriculum cronologico che segue, vanno considerate in gran parte coincidenti con quelle della Schola ortodossa del Kremmerz.

 

1985 – La storica Accademia Pitagora di Bari, divenuta sede operativa dell’Associazione, si è attivata per riannodare le fila di tutti gli iscritti regolari alla Fratellanza di Miriam sparsi in Italia e all’estero.

1987 – Patrocinio alla ristampa delle Riviste pubblicate nel 1949/50 dalla Schola del Kremmerz: La Fenice e Ibis in collaborazione con l’Editrice Rebis – Viareggio.

1988 – Si da il via alla redazione del “Bollettino”, un periodico trimestrale per i soli soci e fuori commercio, la cui pubblicazione si protrarrà fino a tutto l’anno 1992.

1989 – Si patrocina e commissiona all’Editrice Rebis la pubblicazione del volume “La pietra angolare miriamica – Storia documentata della Fratellanza di Miriam di Giuliano Kremmerz” a cura di Iah-Hel, le cui copie, acquistate dall’autore, furono inizialmente distribuite direttamente dallo stesso, e indi dall’Editrice Miriamica. Istituzione a Lucca di una nuova sede operativa: l’Accademia Etruria.

1991 – Istituzione come sede operativa e riattivazione a Napoli dell’Accademia Sebezia.

1991-1995 – l’Editrice Miriamica quale organo di propaganda della S.P.H.C.I. Fr+ Tm+ di Miriam dà il via alla pubblicazione delle seguenti opere:

– Giuliano Kremmerz: I dialoghi sull’ermetismo”;

– Giacomo Catinella: “Tetralogia ermeneutica sul grande arcano della natura”;

– Albert Poisson: “L’iniziazione alchemica”;

– Augusto Lista: “Philosophia Hermetica – Le basi spirituali della Massoneria universale”;

– Giuliano Kremmerz: “Lunazioni I-II-III ciclo”;

– J.M.Kremm-Erz: “Un secolo di missione

– Avviamento alla scienza dei magi”;

– Giacomo Catinella: “Liber Mutus alchemico”;

– Auguste Simon: “Il ventre di cristallo”.

1995-1996-1997 Sospensione dell’attività delle tre sedi operative (Accademie) e conseguente avvio di un programma di propaganda e apertura all’esterno della Schola, nell’ambito dell’Editrice Miriamica, denominato “Progetto Elissa” che organizza, nel 95/96/97 in collaborazione con liberi ricercatori cinque seminari (Assisi, Spoleto, Montemonaco):

– Ritorno alla sorgente primordiale

– Tradizioni e culti pagani di primavera

– Sibilla Appenninica, I volti di pietra della Matriarchia

– Oracoli, con in appendice “I tarocchi dal punto di vista filosofico” di Giuliano Kremmerz

– I percorsi alchemici.

Pubblicazione degli Atti relativi ai primi 4 seminari.

– Ospitalità nel sito HYPERLINK “https://www.kremmerz.it/new/sphci_4.html” \l “#” www.elissa.net per diffondere on-line attività culturali e propagandare la Schola di Giuliano Kremmerz, riscontrando una frequentazione di oltre 80.000 visite annuali.

1998 – 2000 – Progetto Elissa e il suo Comitato Scientifico presieduto dal Prof. Paolo Aldo Rossi (UniGenova) organizza con la partecipazione di accademici delle università di Macerata, Genova, Torino, Firenze, Camerino, Deutsches Historisches Institut in Roma, Technische Universität Berlino, Accademia Ligustica Genova, Osservatorio astronomico Capodimonte, con liberi ricercatori e il Patrocinio di Regione Marche Provincia di Ascoli Piceno, Ente Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Fondazione Carisap, Comunità Montana dei M.ti Sibillini, Pio Sodalizio dei Piceni, comuni di  Ascoli Piceno, Montemonaco, Amandola e altri comuni della Provincia picena, tre convegni:

–Le terre della sibilla appenninica antico crocevia di idee scienze e cultura.

–Errante erotica eretica: l’icona sibillina tra Cecco d’Ascoli e Osvaldo Licini.

–Sibilla sciamana della montagna e la grotta appenninica

a cui faranno seguito la pubblicazione dei relativi atti.

– Organizzazione, in proprio, di una serie di conferenze itineranti in varie città italiane, e patrocinate da Regioni, Province e/o dai Comuni ospitanti (Napoli, Bari, S. Benedetto del Tronto (AP), Torino, Milano, Firenze) dal titolo: “Giuliano Kremmerz – La via della Rosa”, affiancate dall’omonima Mostra fotografica arricchita da foto e documenti inediti. Pubblicazione in collaborazione con l’Editrice Miriamica, del volume “La Via della Rosa” ampiamente illustrato con foto e riproduzioni d’importanti documenti d’archivio.

Sintesi dei contenuti delle Conferenze ItinerantiGli esponenti dell’Associazione culturale S.P.H.C.I. hanno illustrato per la prima volta in pubblico, anche attraverso diaproiezoni, quanto attiene al patrimonio documentale, dottrinale e sperimentale della via evolutiva tracciata da Giuliano Kremmerz, considerato dagli studiosi del pensiero scientifico occidentale come l’ultimo e maggior esponente della Tradizione Ermetica. Quale Cultore dei misteri della Natura, è stata delineata la sua figura di precursore delle scienze di frontiera ed è stato illustrato il suo messaggio, più che mai attuale, che coniuga i più alti valori umani alle moderne aspirazioni e speranze di una società ormai proiettata nella nuova era. 

2001 – Realizzazione, col Patrocinio della Provincia di Napoli a Bari, Napoli e Torino degli “Incontri Itineranti 2001”: Conferenze e corsi d’istruzioni pratiche su consigli, rimedi e curiosità dalle “Lunazioni” di Giuliano Kremmerz–I II III ciclo.

Sintesi dei contenuti delle Conferenze Itineranti: Segnalati, per i loro contenuti chiarificatori, fra gli interventi: “Iside nella tradizione italica e mediterranea”,“Il magnetismo e sue applicazioni nella terapeutica ermetica kremmerziana” e “Osiride e Nebo: la tradizione Osirideo-Egizia e Partenopea-Nilense”. Sono state illustrate, anche con l’assistenza dei Medici dell’Associazione, le annotazioni lunari di Giuliano Kremmerz che, oltre a prevedere utili consigli di carattere terapeutico, sono prodighe di suggerimenti validi per le situazioni più disparate; suggerimenti che possono giovare a tutti, in tutti i casi e che svelano, peraltro, il pensiero arcaico e tradizionale sull’arte medica, sull’origine dei morbi e delle patologie. Si possono considerare il primo saggio di modernizzazione della Medicina Astrologica degli Egizi, adattato cioè alla mentalità e ai tempi moderni.

2002 – Patrocinio alla pubblicazione dell’Editrice Miriamica e a cura della S.P.H.C.I. Fr+ Tm+ di Miriam: “Giuliano Kremmerz, l’eredità isiaca e osiridea dell’Egitto sacerdotale”. A Napoli, Bari, Lucca e Torino, col Patrocinio della Provincia di Napoli si sono svolti gli “Incontri Itineranti 2002”: “Letture interattive dei Dialoghi sull’ermetismo di Giuliano Kremmerz”, durati svariati mesi.

Sintesi dei contenuti delle Conferenze Itineranti: In una forma del tutto inusuale e dialogata, cioè coinvolgendo il pubblico nella lettura, si è analizzata l’ultima opera scritta dal Kremmerz anche alla luce delle motivazioni da Lui Stesso espresse nella Prefazione al libro, che lo hanno portato a fondare la Sua Schola, ortodossamente arrivata sino ad oggi a divulgare i principi ermetici.

Da Settembre a Novembre in collaborazione con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici: “Letture interattive dell’opera di Giuliano Kremmerz: I tarocchi dal punto di vista filosofico. Il matto, gli amanti, la morte” e conversazioni col pubblico – questionari e letture scelte per argomenti.

Sintesi dei contenuti delle Letture interattive all’Istituto Filosofico di Napoli: L’innovativo commento del Kremmerz ai tre arcani dei Tarocchi è stato un ottimo spunto di riflessione sulla Tradizione Ermetica e sulla sua attualità nel III millennio, anche in relazione al collegamento tra Tarocchi e simboli naturali, e alla comprensione delle cose come la Natura le presenta. La forma prescelta di esposizione ha suscitato vivo interesse e coinvolgimento del pubblico.

2003 Il 25 Aprile – Inaugurazione a Montemonaco (AP), ospite del Centro polifunzionale Elissa, del Centro accoglienza e informazione della S.P.H.C.I. aperto da Aprile a Ottobre ai soci e al pubblico interessato a ricevere informazioni sulla tradizione ortodossa della vera Schola di Giuliano Kremmerz. Iscritti regolari, simpatizzanti e studiosi di varia estrazione culturale, hanno dato così il via ad un laboratorio sperimentale di studi e attività interdisciplinari e hanno impostato un programma basato anche su momenti esperenziali collettivi. Si è costituito un folto gruppo di ricerca (circa 80 aderenti) per affrontare, dalle più svariate angolature, il tema proposto della MATRIARCHIA (da Meter = matrice, utero e Arché = principio, origine) da un punto di vista storico-filosofico, letterario, artistico, socio antropologico, naturalistico, mettendolo a confronto con la tradizione ermetica codificata e il percorso culturale e scientifico dell’umanità in fieri. Inoltre, durante il I incontro del 25 Aprile, per la prima volta sono stati resi noti importanti documenti inediti della S.P.H.C.I. di Giuliano Kremmerz relativi agli anni 1898-1930 ed è stata documentata sia la continuità ininterrotta della S.P.H.C.I. Fr+ Tm+ di Miriam, sia l’avvenuto trasferimento nella Stessa della Tradizione Iniziatica Ortodossa, iniziato da Giuliano Kremmerz e proseguito dai Maestri Suoi Successori. Parallelamente, a Marzo, sia a Napoli sia a Bari, sono proseguiti col patrocinio della Provincia di Napoli e in collaborazione con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, gli Incontri 2003: Letture interattive dalla Rivista “Commentarium 1910/11” di Giuliano Kremmerz: “La ricerca della verità ermetica” e conversazioni col pubblico.

Sintesi dei contenuti delle Letture interattive all’Istituto Filosofico di Napoli: Tema dell’incontro è stato l’importante saggio del Kremmerz incentrato sulla Tradizione Ermetica, esposta e commentata dallo stesso Kremmerz in maniera sorprendentemente attuale.

2004 A marzo – Col patrocinio della Provincia di Napoli e in collaborazione con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici sono proseguiti a Napoli gli Incontri a tema su: “Il materialismo sacro di Giuliano Kremmerz”.

Sintesi dei contenuti delle Letture interattive all’Istituto Filosofico di Napoli: Sono stati discussi gli elementi fondamentali del pensiero di Giuliano Kremmerz, tratti dall’opera “Un Secolo di Missione”, pubblicata integralmente negli anni ’90 dall’Editrice Miriamica. Dalla fisiologia ad una superchimica delle potenzialità latenti nell’organismo umano.

Il 20 Marzo si è inoltre tenuta a Portici, città natale del Maestro, presso il Centro InformaGiovani di Bellavista la Conferenza: “I misteri dell’uomo e della natura nell’opera di Giuliano Kremmerz”.

Sintesi della Conferenza di Portici: Si è parlato delle radici italiche e pitagoriche della Schola del Kremmerz atte a restituirci alle nostre origini, in un clima di esterofilia in cui molti, e del tutto ignari delle nostre tradizioni, sono i commossi ammiratori di sapienze d’importazione pregne di ogni sincretismo.

Da Aprile a Novembre presso il Centro Elissa, a Montemonaco, si è proseguito il programma di studi e ricerche iniziato nel 2003, arrivato a ottimi punti di riflessione, in particolar modo sugli aspetti scientifici delle tematiche proposte.

2005 A Gennaio – Inaugurazione ufficiale a Napoli, presso la sede legale dell’Associazione, in Largo Ferrantina n°1, di un altro Centro per proseguire anche nei mesi invernali, le attività associative ed altre ed eventuali, e per consentire al pubblico interessato, di richiedere informazioni sulla Schola.
Parallelamente sono stati attivati info-point a Lucca, Torino, Roma e Bari.

Ad Aprile (dal 23 al 25) e ad Agosto (dal 18 al 28) si sono svolti gli Incontri aperti anche al pubblico al Centro Studi di Montemonaco (AP) incentrati sull’interpretazione ermeneutica ed esperenziale di antiche rituarie italiche ed etrusche, sia nella sede del Centro sia in luoghi all’aperto.
A Novembre presso il Centro di Largo Ferrantina in Napoli si è tenuta una conferenza aperta anche al pubblico sul simbolismo ermetico del fuoco, a seguito di una precedente visita guidata al Monte Nuovo e alla Solfatara, ove sono stati letti pubblicamente brani significativi del Kremmerz.

Creazione del Sito www.kremmerz.it il cui dominio è stato registrato tramite l’Associazione Culturale S.P.H.C.I. Fr+ Tm+ di Miriam.

2006 Il 13 Maggio – Partecipazione al Maggio dei Monumenti, organizzato dal Comune di Napoli, con un progetto dal titolo “La tradizione partenopea-nilense dal mito alla storia fino al nuovo millennio: la numerologia pitagorica, i sogni e le utopie nel sodalizio fra sapienza ermetica e saggezza popolare” che si è sviluppato in una conferenza tenuta dalla dott.sa Annamaria Piscitelli nella Sala T. Campanella: “ Transizioni del mito di Iside e del Nilo-Osiride a Napoli. Sogni, numeri e arti divinatorie nella saggezza popolare”, e in una visita guidata dalla storica dell’arte dott.ssa Lorella Starita (Progetto Museo) attraverso il quartiere egizio della città. Nel mese di Giugno (dal 2 al 4) e nel mese di Agosto (dal 5 al 9) presso il Centro Studi di Montemonaco (AP) si sono svolti, sia nella sede del Centro sia in luoghi all’aperto, gli Incontri ancora incentrati sull’interpretazione ermeneutica ed esperenziale di antiche rituarie italiche ed etrusche, nonché sulla iper-comunicazione.

2007  – Chiusura del Centro di Montemonaco e contemporanea riattivazione della sede operativa Accademia Pitagora di Bari, che ha raccolto nuovamente, nelle sedute settimanali, tutti i soci iscritti alla Fratellanza di Miriam.

2008 – Sono state riattivate, quali sedi operative dell’Associazione, l’Accademia Sebezia – Napoli, l’Accademia Vergiliana – Roma e l’Accademia Giuliana – Torino cui fanno capo i soci iscritti alla Fratellanza secondo le Regioni di provenienza, riunendosi con cadenza mensile. E’ stata celebrata il 17 Agosto l’Agape rituale plenaria in terra di Puglia.

2009  E’ stata riattivata, quale sede operativa dell’Associazione, l’Accademia “Porfiriana” di Lecce, cui faranno capo i soci iscritti delle zone limitrofe, riunendosi con cadenza mensile. E’ stata celebrata il 6 Agosto l’Agape rituale che ha visti riuniti gli iscritti facenti capo alle Accademie Vergiliana e Sebezia nel cuore dell’Italia Vetusta, gli iscritti facenti capo alla Pitagora e alla Porfiriana in Puglia e gli iscritti facenti capo alla Giuliana in Piemonte. Sono partiti i lavori accademiali sui programmi speciali di studio assegnati ad ognuna delle Accademie della S.P.H.C.I. Il 22 dicembre 2009, la S.P.H.C.I. ha festeggiato un secolo di fedeltà al Patto stipulato nella Pragmatica Fondamentale fra Giuliano Kremmerz e il Grande Ordine Egiziano sotto la cui alta protezione il Maestro pose la Schola. È stato altresì preannunciato un grande evento per celebrare il Centenario della pubblicazione, come Fascicolo A, della Pragmatica Fondamentale della S.P.H.C.I. il 21 Marzo 2010 presso il Castello Giusso di Vico Equense.

2010 Il 21 marzo Si è svolta la Convention celebrativa “Cento Anni di Pragmatica Fondamentale – Mito, utopia, scienza e prassi nella Schola di Giuliano Kremmerz” al Castello Giusso di Vico Equense (NA) con i patrocini della Regione Campania e della città di Vico. Il pubblico dei 250 partecipanti ha visto riuniti docenti universitari, medici, giuristi ed esperti che hanno esaminato da varie angolature i numerosi aspetti identificativi di questa scuola-associazione, soprattutto alla luce delle direttive statuite dal suo fondatore nei 60 commi della “Pragmatica Fondamentale” del 1909/10. Inoltre si è svolta la mostra espositiva di originali e antichi documenti dell’Archivio storico riguardante la S.P.H.C.I. di proprietà della dott.ssa Anna Maria Piscitelli, e sono stati riservati intensi momenti d’emozione suscitati sia dalle performance artistiche di canto e di danza egiziana, sia dalla riduzione teatrale del mito sul transito della tradizione ermetica egizia nella terra delle Sirene, pubblicato da Giuliano Kremmerz intorno al 1910. Il 26 Luglio si è svolta l’Agape in forma plenaria per continuare a celebrare, in forma privata e con tutti gli iscritti provenienti da varie parti d’Italia, con i simpatizzanti e beneficati dalla Miriam, i 100 anni della Pragmatica Fondamentale.

2011 – Nel mese di Gennaio presentazione del volume “Cento anni di Pragmatica Fondamentale. Mito Utopia Scienza e Prassi nella Schola di Giuliano Kremmerz” nelle città di Bari, Lecce e Napoli. Rispettivamente a Bari presso la Sala “Circolo Unione”; a Lecce presso la Sala “Teatrino” – Biblioteca Provinciale Nicola Bernardini; a Napoli presso la Sala “Sede Sociale della S.P.H.C.I.”. Il 13 Marzo la presentazione si è svolta a Roma presso la Sala delle Gallerie del Chiostro del Bramante e l’8 Maggio a Milano presso la Sala della “Casa della Cultura”. Insieme al Presidente dell’Associazione, alcuni degli autori del libro hanno evidenziato sia i principi giuridici della Pragmatica Fondamentale, sia l’intreccio tra la terapeutica ermetica della Schola e la nuova concezione olistica ed epigenetica della medicina. Mese di Marzo: Accordi con le Edizioni Giuseppe Laterza S.a.s. di Bari per la vendita dei libri della Collana Miriamica. Dal 12 al 16 Maggio: La Collana Miriamica è stata esposta al Salone del Libro di Torino presso lo stand delle Edizioni Giuseppe Laterza. Il 13 Agosto, giorno precedente la celebrazione dell’Agape rituale della SPHCI, si è svolta a Cerreto di Spoleto – Hotel Panorama – la manifestazione Astra on-line. Notte di Plenilunio di Solleone in Valnerina, a cura della SPHCI. Il programma è iniziato con le “Letture ragionate” delle Opere Astrologiche di Giovanni Pontano, con brani inediti dello stesso (tradotti da Giovanni Colapietro dell’Istituto Pontano di Napoli), ed è proseguito con la commedia “Pitagapè”, pretesto storico per un “Atto Unico” della Compagnia teatrale “Italici in cammino” della S.P.H.C.I. Il giorno successivo, nello stesso luogo si è celebrata l’Agape Plenaria. Il 19 Novembre presso la Sala Conferenze della “Stazione Sassi” a Torino si è svolto il Convegno: “La dieta hermetica nella prevenzione e nella cura delle patologie alimentari e metaboliche. Dai nutrienti autopoietici alle influenze lunari e siderali sugli alimenti in natura”. La conferenza tenuta dal Presidente e da medici della S.P.H.C.I. ha evidenziato l’importanza di una sana alimentazione, composta di non solo cibo, nell’ambito di una natura sistemica e autopoietica e della necessità di una eco-alfabetizzazione alla nutrizione, anche alla luce degli sviluppi più all’avanguardia della scienza alimentare.

2012 Il 26 Febbraio – Presso la Residenza d’Epoca ex convento “Madonna di Costantinopoli”, Località S. Maria di Costantinopoli a Cerreto di Spoleto (PG), è stato riproposto il convegno, già tenutosi in Torino il 19 novembre 2011, “La dieta hermetica nella prevenzione e nella cura delle patologie alimentari e metaboliche – Dai nutrienti autopoietici alle influenze lunari e siderali sugli alimenti in natura”. Anche questa edizione ha visto un pubblico attento e interessato al susseguirsi di argomenti tutti trattati con competenza e rigore scientifico. La terza edizione si è svolta il 10 marzo a Napoli col patrocinio del Comune, presso la sala al 3° piano del Pan Palazzo delle Arti in Via dei Mille 60. Nell’occasione, sono stati affrontati due argomenti nuovi: “Alimentazione e chirurgia del suo apparato” e “Complessità e completamento nei processi di cura transpersonali”. Il 1° Agosto, giorno precedente la celebrazione dell’Agape rituale della S.P.H.C.I., ha avuto luogo, presso la Residenza d’Epoca ex convento “Madonna di Costantinopoli”, Località S. Maria di Costantinopoli a Cerreto di Spoleto (PG), la manifestazione “Astra on-line – Notte di Plenilunio di Solleone in Valnerina”, a cura della SPHCI. Il programma si è aperto con le musiche del Maestro Sergio Rendine: “Passacaglia (Polimetria III per pianoforte solo)”; “Cantus per una sposa invisibile (per tromba e pianoforte)” e, infine, in prima esecuzione assoluta e dedicata e appositamente composta per la S.P.H.C.I., “La Tavola di Smeraldo (per voce, flauto, clarinetto e pianoforte)”. L’evento è proseguito con “L’eco della Sibilla nella storia e nel mito”, un excursus ragionato sulla icona della Sibilla e sulle sue diverse personificazioni, così come sono state tramandate dalla storia e dal mito. Supportato dalla proiezione di suggestive immagini relative al tema trattato, il filo della narrazione si è spostato quindi sui luoghi ove il mito della Sibilla Appenninica ha affondato nel tempo le proprie radici. A conclusione dell’evento, il numeroso pubblico convenuto ha assistito a uno “scambio di confidenze” immaginario, ma non per questo meno verosimile sul piano storico e per l’attualità di alcuni dei temi affrontati nel corso del dialogo semi-serio, fra le tre Sibille della tradizione italica: l’Appenninica Elissa, la Cumana Demofile e la Tiburtina Albunea.

2013 – Avvio dei lavori di ricerca e di sperimentazione del metodo ermetico sul significato dei timbri assegnati ad ognuna delle 5 sedi operative (Accademie) dal punto di vista storico, simbolico, analogico, scientifico ed ermetico, con la collaborazione di tutti i soci. Il programma di studio e ricerca prevede al suo compimento, al fine di mettere meglio a frutto le attività di studio delle Accademie, la pubblicazione di una nuova serie di libri denominati i “Quaderni delle Accademie”, fuori commercio che saranno distribuiti gratuitamente a chiunque ne farà richiesta.

2014 – Riunione di tutti i soci presso il Castello di Postignano, antico borgo medievale, nel cuore dell’Umbria, per fare il punto dello stato dell’arte sui lavori interpretativi dei 5 timbri delle sedi operative. Il 10 Agosto l’Associazione ha celebrato l’Agape plenaria presso il Castello di Casigliano a Todi ove prima della cena i Presidi delle 5 sedi operative hanno tenuto i loro discorsi relativi alle attività accademiali.

A Dicembre viene finito di stampare il I Volume della Trilogia “La Pietra Angolare miriamica”, nuova edizione aggiornata e ampiamente arricchita da documenti originali e inediti. L’opera è stata curata dal Delegato Generale della S.P.H.C.I. Maestro M. A. Iah-Hel, ed è relativa alla vera storia della Fratellanza di Miriam di Giuliano Kremmerz dalle origini sino ad oggi. Il I Volume arriva sino agli inizi degli anni ’40 del ‘900 e il curatore ha attinto solo a fonti autentiche, quali gli scritti di Giuliano Kremmerz (Ciro Formisano) e i carteggi olografi di Jesboama (Luciano Galleani). M. A. Iah-Hel (Anna Maria Piscitelli) ha delineato la consecutio storico-cronologica della S.P.H.C.I. senza cedere a personali valutazioni, così da lasciare agli studiosi la facoltà di giovarsi di quegli elementi documentali che, raccordati dal filo-logico della ragione e dal buon senso italico, ne testimonino a tutti gli effetti il Fondamento.

2015 – Solstizio d’Estate – Pubblicato il I Quaderno dell’Accademia Sebezia relativo all’analisi scientifica, ermeneutica e analogico-ermetica del Timbro che la identifica nella sua specifica funzione di sede operativa della Associazione.

Solstizio d’Inverno – Pubblicato il I Quaderno dell’Accademia Giuliana relativo all’analisi scientifica, ermeneutica e analogico-ermetica del Timbro che la identifica nella sua specifica funzione di sede operativa dell’Associazione.

2016 – Equinozio di Primavera – Pubblicato il I Quaderno dell’Accademia Vergiliana relativo all’analisi scientifica, ermeneutica e analogico-ermetica del Timbro che la identifica nella sua specifica funzione di sede operativa dell’Associazione.

Il 18 agosto nelle accoglienti e verdeggianti terre centro-italiche Agape plenaria delle Accademie miriamiche dell’Associazione presso l’Hotel La Reggia di Cascia. In serata sotto il cielo stellato e in uno scenario raffinato un socio affiancato da due attori professionisti ha dato lettura di brani selezionati inerenti gli appellativi delle 5 sedi operative: Pitagora, Sebezia, Giuliana, Vergiliana e Porfiriana e dei personaggi cui si ispirano. Bellissimo, fra gli altri, il brano tratto da Matilde Serao su Partenope. Come sottofondo il concerto per pianoforte del Maestro Giovanni Varisco.

2017 – Equinozio di Primavera – Pubblicati i primi Quaderni delle Accademie Pitagora e Porfiriana relativi all’analisi scientifica, ermeneutica e analogico-ermetica dei Timbro che le identifica nella loro specifica funzione di sedi operative dell’Associazione.

Da Luglio il sito www.kremmerz.it è stato aggiornato con una nuova veste grafica e nuovi contenuti. Il sito ripercorre il nuovo assetto organizzativo della Associazione e delle sue sedi operative facenti capo a due circoscrizioni: Nord e Sud. Il nuovo sito è più agile per la navigazione e comodo da leggere anche da smartphone. E’ stato arricchito da nuove iniziative: i corsi on-line (tutorial diviso in 3 livelli progressivi) corredati da video, che artisticamente e sapientemente collegano l’autentica tradizione iniziatica alla modernità. Si tratta di percorsi guidati di conoscenza dedicati agli Aspiranti alla Luce e alla Salute che anelino a una via evolutiva e iniziaticamente autentica, trasparente e di solo Bene. I corsi sono aperti a tutti coloro che hanno interesse a conoscere meglio la S.P.H.C.I. Fr+ Tm+ di Miriam, anche senza scopo di iscrizione. A richiesta i frequentatori dei corsi potranno essere seguiti dai tutors della Associazione. Inoltre chat e nuovo Forum tematico. Oltre all’inserimento gratuito del pdf de I Dialoghi sull’Ermetismo, si potranno acquistare: il I volume de La Pietra Angolare Miriamica, a cura di M. A. Iah-Hel, i libri non ancora esauriti dell’ex Editrice Miriamica e ricevere gratuitamente – se richiesti – i 5 Quaderni delle Accademie Miriamiche.

Il 13 e 14 Ottobre – Convention a La Spezia per la presentazione dei 5 Quaderni delle Accademie miriamiche presso il Museo del Sigillo (Palazzina delle Arti “Lucio R. Rosaia”), intitolata: “DAI SIGILLI AI SEGNI DISTINTIVI – ATTUALITÀ DI UNA COMUNICAZIONE”. Nella stessa convention è stata presentata l’Associazione S.P.H.C.I. con la proiezione di un apposito video e col collegamento al nuovo Sito. Hanno presenziato la Direttrice del Circuito museale Spezzino, Marzia Ratti, e la Direttrice del Museo del Sigillo, Anna Nancy Rozzi, con propri interventi. Al termine dell’evento sono stati offerti in omaggio ai partecipanti (fino ad esaurimento copie) i Quaderni delle 5 Accademie.

Sintesi dei contenuti della Convention di La Spezia

La convention è stata imperniata sulla presentazione dei 5 Quaderni – fuori commercio – con gli studi effettuati sui Timbri, risalenti a oltre un secolo fa, che individuano e caratterizzano le Accademie miriamiche ortodosse: Sebezia, Giuliana, Vergiliana, Pitagorica e Porfiriana. Fra gli interventi: I Timbri delle Accademie nelle Scienze e nelle Arti dal Primo Novecento ad oggi”; “L’Oltre della Comunicazione: la Tradizione in rete o la rete della Tradizione?”; “Ermeneutica e analogie fra l’iconografia dei timbri e la tradizione kremmerziana”, tema articolato in cinque punti cardine: la Tradizione egizia, l’italicità della Schola; il Patto; i mezzi e gli strumenti patrimonio della Schola; la Matriarchia di Miriam.

2018

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy