“… sono uno studioso e pratico le conclusioni dei miei studi per tentarne gli effetti. Che tutti riescano, questi esperimenti, e che io risusciti i morti, non l’ho mai detto a nessuno. So che amo tutti quelli che soffrono e che vengono in mio contatto, in certi istanti potrei dire: io sono Amore” – J.M. Kremm-Erz

Chi fu Giuliano Kremmerz?

Quale fu il suo magistrale progetto, ovvero il suo mandato iniziatico quale traghettatore nel Nuovo Millennio della quintessenza autentica della Scienza Sacra applicata alla salute psicofisica di ogni essere vivente? Fino ad oggi, all’immagine mitica documentata dal misticismo posteriore dei suoi più illustri discepoli, si è contrapposta quella più nebulosa tratteggiata da alcune correnti deviazionistiche intente ad evidenziare gli aspetti più oscuri (poiché incompresi) della tradizione da Lui tramandata.

MAESTRO di magia naturale e trasmutatoria (alchimia)

che ammoniva i suoi stessi discepoli di “non credere” neanche a Lui se non sorretti dall’esperienza, l’amante della vita in tutte le manifestazioni universe.

AMORE.

E in sintesi il messaggio con cui Egli ha risposto, anticipatamente e in tempi non sospetti, alla legittima aspirazione degli esseri di scoprire e vivere il rapporto con la propria sacralità secondo processi ed esperienze individuali da collettivizzare solo mediante il confronto delle diversità, per la realizzazione di un comune fine evolutivo, è un messaggio di amore, di evoluzione e di salute. In tal senso deve essere intesa la sua opera e l’attività della sua Schola.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy