Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …

Home/Il Forum della Schola/Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …

Taggato: 

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 170 totali)
  • Autore
    Post
  • tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 623

    Stamattina ho ricevuto una graditissima email, con un video di una canzone, e le parole: “Bella canzone, ogni tanto l’ascolto pensando alla Miriam dentro di me”.
    E così, visto che viviamo di emozioni, che sarebbe la vita senza? e che queste possono scaturire e svelare momenti della nostra vita miriamica, pensieri, stati di coscienza, ricordi, idee, sensazioni, ognuno potrebbe inserire qui canzoni, segmenti di musica, poesie, brani di prosa che hanno indotto quelle emozioni … lungo un cammino ermeticamente inteso.
    Sperando che vogliate condividere e farne dono a tutto il Forum.

    Inizio a inserire il testo di “Un sorriso dentro al pianto” cantata da Ornella Vanoni.
    E adesso che dovrei posare per l’ennesima fotografia
    Sai dirmi tu per caso la migliore inquadratura quale sia?
    Ormai che con un selfie fai vedere tutto a tutti e così sia
    Ce la incorniciamo?
    O la butto via?
    Parole sulle note sono state la migliore compagnia
    Per affrontare la stupidità abbiamo ancora l’allegria
    Se il cielo concedesse un po’ di grazia ad ogni anima quaggiù
    Io sarei una santa
    Anima che canta
    Che canta in equilibrio sopra un’emozione
    Che capovolge l’esistenza alle persone
    Che non si può spiegare fino in fondo
    Ma che resta in fondo al cuore
    Io sono tutto l’amore che ho dato
    Tutto l’amore incondizionato
    L’imbarazzo dietro al vanto
    Un sorriso dentro al pianto
    Io sono tutto l’amore che ho dato
    Mare in tempesta e cielo stellato
    Poco prima di uno schianto
    Un sorriso dentro al pianto
    E adesso che mi chiedi di sorridere vorrei dimenticare
    Ferite da leccare e grandi amori solo da desiderare
    Se l’universo scomparisse in un istante e non ci fosse più
    Io sicuramente
    Resterei per sempre
    Per sempre in equilibrio sopra a un’emozione
    Che capovolge l’esistenza alle persone
    Che non si può spiegare fino in fondo
    Ma che resta in fondo al cuore
    Io sono tutto l’amore che ho dato
    Tutto l’amore incondizionato
    L’imbarazzo dietro al vanto
    Un sorriso dentro al pianto
    Io sono tutto l’amore che ho dato
    Mare in tempesta e cielo stellato
    Poco prima di uno schianto
    Un sorriso dentro al pianto
    E adesso che mi chiedi di sorridere vorrei dimenticare

    admin Kremmerz
    Amministratore del forum
    Post totali: 870

    Grazie! 👏👏👏🖐

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 623

    Grazie sempre a Te, carissima Admin
    è solo grazie a Te che riesce a uscire qualcosina di buono da noi

    ippogrifo11
    Partecipante
    Post totali: 159

    Grazie Tanaquilla, le emozioni sono parte della vita ed è bello viverle con intensità e consapevolezza. Da qualche tempo, ormai, mi capita di ricondurre ogni emozione profonda, intensa, alla Miriam e a ciò che Essa rappresenta di inamovibile nel fluire talvolta vorticoso e non sempre piacevole del quotidiano.
    Un caro e fraterno abbraccio.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 176

    Come scorrono libere le emozioni! Se fossi un gabbiano ora spalancherei le mie ali e griderei al vento ” io sono tutto l’amore che ho dato”! Perché è vero che quello che ci fa sopravvivere al turbinio dei giorni e che ci nutre, è ciò che di Bene abbiamo costruito con le nostre mani, offrendolo a chi avevamo vicino, perché era troppo bello per tenercelo tutto per noi. Ma il senso di questa gioia profonda, seppur estemporanea, è la Miriam ad avercelo insegnato e mostrato. Alla Miriam e a Chi, in lunghi ed intensi anni, ha saputo reggere cotanta Bellezza, un evviva! Dal più profondo del ❤ cuore!

    tulipano
    Partecipante
    Post totali: 79

    A volte quando qualcosa ti emoziona come questa canzone che ho ascoltato in tv per la prima volta, non si riesce a focalizzare il perché quella canzone o quell’ immagine o quella melodia abbia suscitato l’emozione, presa a volte dalla superficialità di ogni giorno non riesco a comprenderne il significato. Certo è che mi ha emozionato! Allora bisognerebbe vivere queste emozioni proprio come tu dici Ippogrifo11, con intensità e consapevolezza e ricondurre tutto alla Miriam, perché E’ in LEI la spiegazione di quella particolare emozione! E questo sito lo fa! Porta tutti noi con i video, le parole, le riflessioni a vivere e rivivere queste emozioni! Grazie Tanaquilla9! Grazie Admin!

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 464

    E’ davvero bello questo spazio, grazie cara Sorella! Dai versi della canzone un torrente di emozioni legate all’esperienza miriamica…mi sono commossa.❤️

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 408

    Grazie tanaquilla, bello il thred che hai iniziato! delle emozioni è difficile parlare perché, come dice la parola stessa, hanno a che fare con il movimento (dal latino emovere = portare fuori) qualcosa, dunque, che emergendo dai recessi più profondi dell’animo arriva fino alla nostra pelle. Però, come tu dici, può essere trasportata sulle ali di una poesia, di una canzone, di una musica e arrivare nel nostro sito per essere condivisa con tutti noi. Questa canzone è bellissima, specie il verso che dice “io sono tutto l’amore che ho dato” che per noi è inscindibile dall’I-Dea miriamica

    g_b
    Partecipante
    Post totali: 85

    Canzone bellissima, e si, dice proprio le cose che si provano nel percorso.
    Sapete, quando iniziai a studiare tanti anni fa i testi del Maestro Kremmerz e poi del maestro +++++ M. A. Iah-Hel sentivo un qualcosa da esprimere a un altro livello emozionale. La prima cosa che spontaneamente é successa dopo aver recentemente iniziato con le prime pratiche, é stato proprio riprendere a studiare il pianoforte, in modo costante e posso dire, davvero per la prima volta, seriamente. Ogni volta che suono é come se la Miriam mi parlasse, qualcosa di indescrivibile. La musica, più di ogni altra cosa si avvicina alle emozioni che non riesco ad esprimere a parole. Buona notte a tutte e tutti! Grazie per questo thread

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 623

    Carissime Sorelle e Fratelli da ringraziare non sono io, ma Chi ha inviato la canzone.
    Con semplicità condividiamo qui le nostre emozioni che ci uniranno ancor più.
    Questi versi della canzone sono per me molto significativi:
    “Per sempre in equilibrio sopra a un’emozione
    Che capovolge l’esistenza alle persone
    Che non si può spiegare fino in fondo
    Ma che resta in fondo al cuore”
    Ciò che mi tocca nel profondo e resta un mistero è il capovolgersi dell’esistenza
    è vivere una dimensione ignota
    è tutto ciò che la razionalità ripudia.

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 154

    Grazie Tanaquilla per il brano molto significativo: pensavo a quanto sia importante la musica nelle nostre vite. Quelle vibrazioni che ti mandano in risonanza e ti fanno sentire meglio sono sempre piacevoli da sentire. Io per esempio quando voglio tirare su il mio morale ascolto questo brano swing che canta in modo spensierato alle proprietà terapeutiche della Luce del Sole:

    Era da tempo che volevo condividerlo con tutti Voi ma solo oggi mi hai dato lo spunto con il tuo bel post!

    ondina
    Partecipante
    Post totali: 69

    Bellissimo questo spazio grazie Tanaquilla ❤️
    Nelle parole della canzone della Vanoni ho ritrovato il concetto di tramite disinteressato e del do ut des… mi ha emozionato riascoltarla qui insieme a tutti voi e, come dice Tulipano, mi ha fatto cogliere aspetti che non avevo letto prima.
    Qualche giorno fa una cara sorella mi ha inviato una canzone che vorrei condividere con voi perché ascoltandola il pensiero è andato immediatamente alla Miriam ai Maestri e a tutti noi perché la Miriam è la Vita!! Vi abbraccio❤️🌹🖐🏻
    Provo a inviare il link spero si apra

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 408

    Anche io pensavo di postare questa canzone, ondina, grazie, è bellissima, è un inno alla Vita e all’amore, dunque alla Miriam. Riflettevo su quanto dicevi a proposito del post di tulipano, a cui li per li non avevo pensato. In questo periodo di difficoltà, in cui i pensieri continuano a girare su se stessi, finirà la pandemia, non finirà, potremmo tornare ad incontrarci, non potremo, ecc., quello che ci serve è proprio superare questa empasse e farlo attraverso le emozioni è, probabilmente la chiave giusta. Affidarsi ad una canzone, a dei versi, a un’immagine e lasciar fluire, dal cuore alla pelle, quanto di più bello abbiamo, ci fa palpitare il cuore, ci riempie d’Amore. Vorrei cantare con tutti voi, come qualche volta è successo.
    Riporto la traduzione della canzone:
    Grazie alla vita che mi ha dato tanto
    Mi ha dato due occhi, che quando li apro
    Distinguo perfettamente il bianco dal nero
    E in alto nel cielo il suo fondo stellato
    E tra la moltitudine l’uomo che io amo

    Grazie alla vita che mi ha dato tanto
    Mi ha dato l’udito che in lungo e in largo
    Registra giorno e notte, i grilli, e canarini,
    Martelli, turbine, latrati, acquazzoni
    E la voce tanto dolce del mio amato

    Grazie alla vita che mi ha dato tanto
    Mia ha dato il suono e l’abecedario
    Con le parole che penso e declamo
    Madre, amico, fratello, e luce che illumina
    Il cammino dell’anima di chi sto amando

    Grazie alla vita che mi ha dato tanto
    Mi ha dato il passo dei miei piedi stanchi
    Con essi sono andata nelle città e pozzanghere
    Spiagge e deserti, montagne e pianure
    E a casa tua, nella tua via e il tuo cortile

    Grazie alla vita che mi ha dato tanto
    Mi ha dato il cuore che batte forte
    Qundo vedo il prodotto del cervello umano
    Quando guardo il bene molto lontano dal male
    Quando guardo in fondo ai tuoi occhi chiari

    Grazie alla vita che mi ha dato tanto
    Mi ha dato il riso e mi ha dato il pianto
    Così distinguo la cuccagna dalla rovina
    Le due materie che formano il mio canto
    E il canto vostro che è il mio stesso canto
    E il canto di tutti che è il mio proprio canto
    Grazie alla vita che mi ha dato tanto

    kridom
    Partecipante
    Post totali: 157

    Mi è piaciuto molto il testo della canzone della Vanoni e provo a dare un contributo con Viva La Vida dei Coldplay, che per me significa che soltanto nel momento in cui comprendiamo che i valori evidenziati come importanti dalla società profana sono basati su castelli di sabbia, solo allora abbiamo una possibilità di cominciare a vivere, connettendoci con la Miriam.
    Ecco anche la traduzione del testo in italiano:
    Una volta dominavo il mondo
    I mari si sarebbero aperti se solo avessi proferito parola
    Ora al mattino dormo da solo
    Spazzo le strade che una volta possedevo

    Una volta decidevo il destino facendo rotolare il dado
    Percepivo la paura negli occhi dei miei nemici
    Ascoltavo la folla che cantava:
    “Ora il vecchio re è morto! Lunga vita al re!”
    Un attimo prima avevo la chiave
    Quello dopo le mura si sono chiuse su di me
    Ho scoperto che i miei castelli si ergevano
    Su pilastri di sale e pilastri di sabbia

    Sento le campane di Gerusalemme suonare
    I cori della cavalleria dei Romani cantare
    Siate il mio specchio, la mia spada e il mio scudo
    Missionari in terra straniera
    Per un qualche motivo che non so spiegare
    Dopo che ve ne siete andati non c’è mai più stata
    Mai più stata una parola onesta
    Ed era quando dominavo il mondo

    C’era un vento malvagio e feroce
    Buttava giù le porte per farmi passare
    Finestre mandate in frantumi e il suono dei tamburi
    Le persone non riuscivano a capacitarsi di cos’ero diventato
    I rivoluzionari aspettano
    Di ottenere la mia testa su un piatto d’argento
    Solo un pupazzo appeso ad un’unica corda
    Chi mai vorrebbe diventare re?

    Sento le campane di Gerusalemme suonare
    I cori della cavalleria dei Romani cantare
    Siate il mio specchio, la mia spada e il mio scudo
    I miei missionari in terra straniera
    Per un qualche motivo che non so spiegare
    So che San Pietro non chiamerà il mio nome
    Mai una parola onesta
    Ma era quando dominavo il mondo

    Senti le campane di Gerusalemme suonare?
    I cori della cavalleria dei Romani cantare?
    Siate il mio specchio, la mia spada e il mio scudo
    i miei missionari in terra straniera
    Per un motivo che non so spiegare
    So che San Pietro non chiamerà il mio nome
    Mai una parola onesta
    Ma era quando dominavo il mondo.

    e qui c’è il link al video

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 464

    Avete postato dei brani che amo. Ricambio con un ricordo legato alla Miriam.

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 170 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy