LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Taggato: ,

Stai visualizzando 15 post - dal 721 a 735 (di 739 totali)
  • Autore
    Post
  • tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 668

    Per ricordare quanto sia serio e anche, alle volte duro, il nostro percorso che può anche definirsi “contro corrente” nel senso che tentiamo di discostarci dalla cosiddetta corrente comune, e non per moda o per vantarsi, caro Alef, segnalo dal nostro sito:

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 519

    A proposito di andare controcorrente fino alla sorgente come dice m_rosa e ” in ambiente protetto per imparar facendo” come dice catulla2008, siccome è bene rifarsi alle esperienze vissute con la Gerarchia per poterle anche testimoniare, qualcuno ricorda l’esperienza col Delegato Generale sui Sibillini all’Infernaccio?
    Sono passati parecchi anni, ma se ricordo bene mentre salivamo le gole naturali scavate dal fiume Tenna tra il Monte Priora e il Monte Sibilla, a un certo punto si è presentato un bivio con due strade: una più agevole e breve che portava a una chiesetta romitorio abitata da un religioso eremita, padre Pietro, una figura molto nota nel territorio; l’altra più lunga e faticosa, dall’aspetto più selvaggio che portava direttamente alla sorgente del fiume. Mi sembra di ricordare che il Maestro ci chiese che volevamo fare, per quale strada volevamo andare e ricordo che noi tutti liberamente scegliemmo la via della sorgente dietro a LEI… e fu proprio lì che ci parlò dell’andare controcorrente, paragonandoci ai salmoni che vanno per l’appunto contro la corrente dei fiumi per tornare alla sorgente dove sono nati, cioè alle loro origini. Ci disse anche che al bivio avevamo analogicamente scelto la via ermetica e non la via mistica, cioè la via degli Iniziati e non dei profani… Fu una bella esperienza da miriamici…io mi ricordo così, potrei anche sbagliarmi, e se qualcuno ha ricordi più precisi è ben accetto… grazie!

    (pensando al nostro salmone che ha una spiccata simbologia ermetica: … per riprodursi è costretto a lasciare il mare dove è cresciuto per nuotare controcorrente in totale solitudine per migliaia di chilometri … nutrendosi solo di se stesso … superando a colpi di salti gli ostacoli (dighe) … sfuggendo ai predatori (orsi) … per giungere infine alla sorgente del fiume dove è nato (origini) … accoppiarsi e deporre le uova.
    Dopo cotanta (eroica) odissea è facile intuire perchè in pochissimi giungano alla meta!)

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 668

    Ricordo che l’esperienza segnalata da mandragola è descritta in Quaderni delle Accademie miriamiche – Porfiriana – n.1 Il timbro dell’accademie, pag.91

    g_b
    Partecipante
    Post totali: 92

    Buongiorno a tutti, qui in questo luogo in alta quota, aria fresca, natura incontaminata, da dove è possibile scorgere tanti specchi ( i post che pubblichiamo) che riflettono la luce, una sapienza antica di cui Admin generosamente ci ricorda la sua natura imprenscindibile. Inoltre dall’ultima lettura che Tanaquilla ci suggerisce, si sottolinea che la corrente comune ha anche una sua fisicità, fluidica. Ed infatti care Sorelle e Fratelli, personalmente quando mi acchiappa e mi vince, ne ho subito malessere fisico, in particolare scarica sui miei nervi.
    E’ certamente spregevole leggere degli aumenti dei prezzi dei vaccini, operazione emblematica del sistema socio-politico in cui è immerso il mondo, di come la mano del potere abbia preso un certo gusto alle restrizioni, come di decine e decine di cose completamente assurde che leggo nei giornali, alcune finiscono per essere quasi divertenti e spesso, purtroppo, riguardano la gestione della pandemia. Vi racconto di come nel comune in cui vivo volevano multarci perchè si beveva succo d’anans all’ombra dei carrubi….!!! Cari e fraterni saluti a tutti nel ringraziarvi per i vostri contributi, buon fine settimana.

    ( non è uno scherzo https://www.ilvespro.it/2021/08/14/ferragosto-a-carini-si-puo-bere-solo-acqua/?fbclid=IwAR1XVjYtPNVkcMtXuL9ctksEoboFkeOln9Sw2ekVtDW3JH4dmRtPrMjrVa4)

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 301

    Ringrazio Admin in quanto ancora una volta, ci ricorda quante facce nascoste abbia il misticismo e mi rendo conto che le nostre domande per quanto spontanee e nate dalla volontà di capire, chiedano risposte alla medicina che ancora non sono in grado di dare…ma l importante, come è stato scritto, credo sia sentirsi in itinere nella sperimentazione che perseguiamo.
    P.s. a proposito di domande che vengono spontanee, non ho capito bene il discorso di Holvie sulla relazione che intercorre tra il dogmatismo biologico e l epigenetica…mi sembra che quest’ultima parli dell’influenza dell’ambiente sul DNA ma non ha lo scopo di modificare i meccanismi cellulari che sottendono alle leggi di natura e invertire la direzione… sarebbe come dire che la forza di gravità possa cambiare la direzione e cominciare ad andare verso l alto? Il metodo ermetico non mi sembra che affermi questo e mi sembra che si stia parlando di livelli diversi di ragionamento ma forse ho perso il filo e mi sono confusa??!!

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 178

    Dal mio punto di vista è importante non farsi influenzare dalle opinioni comuni (qualsiasi esse siano) quando si opera una scelta. Il fatto che la scelta poi possa essere la medesima della maggioranza degli esseri umani oppure opposta oppure genericamente differente non ha molta importanza (sempre secondo me). In altri termini, è importante (sempre secondo me) poter scegliere senza condizionamenti: in quel momento si contrastano le varie correnti di volontà che cercano di avvincerci ed è quell’esercizio che forgia la volontà. Operando queste scelte libere talvolta ci si trova contro-corrente altre volte ci si trova concordi con la maggior parte dell’umanità. D’altronde, per fare un esempio banale, se devo scegliere tra respirare e non respirare scelgo di respirare come tutti gli altri essere umani.

    Grazie Tutti per le tante risposte al mio ultimo post: è meraviglioso potersi specchiare in Voi.

    Vi Abbraccio

    Alef

    Dafne
    Partecipante
    Post totali: 33

    Io c’ero all’Infernaccio nell’esperienza raccontata da mandragola e posso dire che è stata un’esperienza che mi ha fatto capire che alla fine del percorso esoterico ermetico, proprio come i salmoni che ci disse il Maestro, c’è una rinascita.
    Essendo un cammino ermetico, guarda caso, la loro fine è lì, alle sorgenti, ma è una morte di rinascita, come la concepiamo noi nel Credo, perchè nel deporre le uova loro cambiano forma, non sono più i salmoni che siamo abituati a vedere…
    Naturalmente ringrazio il Maestro per le parole e un saluto affettuoso a tutti i Fratelli.

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 519

    Cara Dafne, son d’accordo con te che la risalita alla sorgente col +++++ Maestro sia stata un’esperienza di rinascita a beneficio di TUTTA la Fratellanza. Senza la Sua presenza, che ha sacralizzato spazio e tempo trasformando il tutto in un Rito con specifica finalità, sarebbe stata una semplice risalita turistica… profana … come fan tutti…!
    Dato che Tanaquilla ha ricordato la p. 91 del Quaderno della Porfiriana, ne riporto un passo, ma sarebbe bene leggere tutto “L’elemento acqueo” (pp.89-95) x meglio comprendere l’esperienza alla sorgente del Fiume Tenna:
    “…Risalire il fiume per scoprire la sua sorgente rappresentava il tentativo di arrivare alle radici della vita e dell’immortalità, mentre il discenderlo simboleggiava seguire il corso ordinario dei costumi dei tempi. La prima modalità coincideva con l’andare contro corrente, la seconda nel verso della corrente, la quale poteva realmente essere dominata solo quando si fosse compiuto in precedenza il primo percorso…”

    Mercurius3
    Partecipante
    Post totali: 176

    Buongiorno a Tutti i Fratelli e agli amici del Sito.
    Grazie Mandragola per la spiegazione circa il corso del fiume che con varie peripezie e fatica tenta di risalire alla sorgente.
    Molto significativo…
    Io sto passando le mie giornate sul terrazzo di casa, finalmente senza cellulare, o al minimo, e con rilassamento corpo, mente, anima.
    Ho sperimentato che si puo’ viaggiare anche senza muovere il corpo, in compagnia di buone letture.
    Le spiagge sono formicai e solo al vederli, mi si accappona la pelle, eppure ci abito a pochi metri.
    Sono stata in Urbino , in un bagno di verde, respirando Natura fresca.
    L’acqua è sempre stato il mio elemento, la si puo’ trovare in tanti modi, soprattutto in tanti periodi.
    Andare controcorrente nella furia della profanità, anche nelle vacanze, è diventata una scelta naturale ed automatica.
    Solo pensandoci su, mi accorgo che sono eliminazioni istintive, esattamente come il fiume Tenna che ha un solo corso…
    Un abbraccio caro per tutti

    Buteo
    Partecipante
    Post totali: 211

    Anch’io ringrazio Admin per il richiamo che mi ha fatto: quando si parla, e ancor più quando si scrive, sono da soppesare le parole nel loro significato. Aver definito ‘assolutamente’ improbabili gli effetti collaterali a lungo termine dell’mRNA vaccinale è scorretto: ciò che si conosce di volta in volta in ambito scientifico, con i mezzi di ricerca disponibili, non assume valore assoluto, ma necessita di conferme o smentite per successive osservazioni. I dati che si vanno raccogliendo sui vaccini a mRNA fanno ritenere oggi, agli scienziati, improbabili gli effetti avversi a lungo termine, perché l’mRNA presente nel vaccino si degrada in tempi brevi, e perché, come già riportato, si imputano gli effetti post-vaccinali (micro-trombi, miocarditi) alla porzione della proteina Spike, sintetizzata per stimolare la risposta immunitaria, che eserciterebbe un’azione lesiva simile a quella rilevata in corso di infezione naturale, anche se in misura molto meno grave. Se queste sono a oggi le ipotesi accreditate, chi si occupa di scienza sa che le stesse potranno essere riviste e corrette in tempi anche brevi, avendo la ricerca sul SARS-CoV-2 ‘vampirizzato’ l’attenzione di ricercatori in tutto il globo. Come riporta Alef nel post del 20/08, gli scienziati sono consapevoli che ogni risultato è temporaneo e necessita di valutazione per conferme o smentite attraverso osservazioni e studi successivi. Se ciò è vero in tutti i campi scientifici, ancor più lo è in Medicina, dove ogni azione terapeutica o preventiva comporta sempre incertezza e dove è costantemente necessaria una stima del rischio-beneficio. Importante è aver presente che il metodo scientifico comporta la discussione e la verifica dei dati e che gli stessi sono confutabili non dalle opinioni, anche se illustri, ma dai dati che di volta in volta emergano da studi seriamente condotti. Se è lecito e giusto esprimere ipotesi e opinioni, è importante che le stesse siano riportate per tali e non spacciate per certezze, nel rispetto delle norme che la comunità scientifica si è data. Tutto ciò al fine di evitare confusione o false aspettative o paure nel pubblico che legge o ascolta e che difficilmente saprà dare il giusto peso alle parole, non avendo di base una formazione scientifica. In riferimento a questo tema, vorrei precisare che, nei miei post di questi mesi relativi Covid, ho cercato di presentare, nei limiti delle mie capacità e in modo possibilmente ‘asettico’, quanto emergeva dalle conoscenze che si andavano via via accumulando nella ricerca ‘profana’. Nulla a che fare con la ricerca ermetica, che è personale e alla quale sono deputati i Maestri.
    Mi accorgo di come il mio approccio alle ‘cose’ di scienza, e alla Medicina in particolare, si fondi sulla fiducia direi non nella ‘Scienza’ in sé (cui non saprei dare significato e che si configurerebbe probabilmente in misticismo scientifico), quanto nella mente e nelle opere degli uomini di scienza. Fiducia che molti di noi non nutrono o non nutrono più. È mia convinzione che, pur negli interessi dei gruppi economici, molti siano i ricercatori che si applicano con entusiasmo e onestà nel lavoro, consapevoli che ogni risultato sia un passettino in più nella conoscenza, sempre soggetto a conferma e revisione.

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 449

    Sono d’accordo, cara Buteo, ci sono molti ricercatori che si dedicano al proprio lavoro con onestà e per spirito di bene, ma come tu dici, ogni passo deve sempre essere soggetto a conferma e revisione e dunque se accettare o meno delle cure deve essere un atto cosciente e volontario del soggetto che ad esse si vuol sottoporre e mai una imposizione
    Buona giornata a tutti

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 668

    Cara Buteo, da sorella apprezzo la disponibilità che hai sempre avuto e la capacità autocritica, che oggi leggo, qualità fondamentale per poter cambiare e migliorare.
    “Se è lecito e giusto esprimere ipotesi e opinioni, è importante che le stesse siano riportate per tali e non spacciate per certezze..”, perfettamente d’accordo. Ciò è conforme ai principi ermetici di non dogmatizzare, di essere sinceri e non imporre il proprio credo agli altri, specie se non tutti hanno gli stessi strumenti per formarsi una propria opinione, a prescindere dalla formazione scientifica.
    Rispetto la tua considerazione di taluni uomini di scienza, la mia è diretta agli iniziati, anch’essi uomini di scienza in un senso più ampio.

    Dafne
    Partecipante
    Post totali: 33

    Credo anch’io come te Buteo che ci siano i ricercatori veri, quelli che lo fanno per spirito veramente di conoscenza e per aiutare gli altri. Di questo sono certa. Ma sono pochi perchè ci sono interessi per cui non li fanno parlare. L’altra sera in televisione molto tardi ho sentito ad esempio che il vaccino intacca il nostro dna, procura come una modificazione, che è però momentanea, cioè che poi dovrebbe andarsene. Ci stanno studiando per cui dovrebbe… andarsene. Che danno è? Vedi tu eh! Ci stanno studiando…Allora quando dicono queste cose, poi sempre tardi quando in pochi sentono, io dico che forse è perché meno gente sa e meglio è.
    Ti ringrazio perchè vai avanti nello studio e cerchi di aiutare coloro che ti circondano.

    Angelo
    Partecipante
    Post totali: 112

    Cari Fratelli, sono perfettamente d’accordo con quanto esposto da tanaquilla9 e da m_rosa.
    Se è vero (ma anche sul concetto di vero si dovrebbe aprire una discussione ampissima) che la medicina è ritenuta “scienza”, quando ci si imbatte, personalmente, in valutazioni di “dubbia” consapevolezza dei medici, è normale porsi domande e provare ad affrontare le situazioni con uno spirito critico al di fuori delle valutazioni di massa.
    Essendo immunocompromesso, con numerose allergie a farmaci e alimenti, non essendo in grado di produrre linfociti CD19 e CD20 (essendo sottoposto a terapia con farmaco biologico), la risposta ottenuta da parte dei medici del mio ospedale (del quale non faccio il nome) in ordine alla convenienza di sottopormi al vaccino è stata: io ci proverei…..
    Sono molto attento al problema, in quanto mi riguarda molto da vicino, ma se la scienza ufficiale non è in grado di dare risposte certe, per quanto possibile, in ordine all’effetto ed all’efficacia del vaccino, perchè “spacciarlo” come la cura non sostituibile ed imporne, di fatto, la sua infusione a tutta la popolazione? La libertà di scelta, elemento imprescindile della nostra vita e legato, in maniera così stretta alla strada che ognuno di noi sta percorrendo, non dovrebbe essere lesa per un concetto di “bene comune” che, allo stato, non è dato di essere accertato. I vaccinati veicolano comunque il virus, e non portano più la giusta attenzione ai veri mezzi di protezione (mascherine e lavaggio delle mani), diventando, in realtà, i veri e possibili diffusori del virus.
    Troppe domande senza risposte… Mi auguro che le scelte che andremo a prendere, siano veramente nella direzione di quel bene comune per il quale noi Tutti, quotidianamente, combattiamo.
    La nostra Scienza, vera Scienza dell’Uomo, ci guiderà verso scelte, mgri non condivise dalla massa, ma che hanno un senso in un’ottica più profonda rispetto lla scienza ufficiale, che troppo spesso dimentica cosa sia l’uomo svincolato dalle crednze imposte e fatte verità.
    Un abbraccio di Amore e Bene a Tutti Voi, ringraziando sempre i Maestri e la Delegazione Generale per la loro vicinanza a noi.

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 519

    Concordo con Dafne, Tanaquilla, m_rosa, Buteo …
    Buon inizio settimana agli Utenti di kremmerz.it!

Stai visualizzando 15 post - dal 721 a 735 (di 739 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy