LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home Page Forum Il Forum della Schola LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Tag: 

Stai vedendo 15 articoli - dal 16 a 30 (di 268 totali)
  • Autore
    Articoli
  • seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 88

    Rimanere agganciati alla Catena di Miriam attraverso la rituaria, mi sta aiutando moltissimo a ritrovare equilibrio e serenità in questo momento così delicato. Grazie ai Maestri per il sostegno e la vicinanza!

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 67

    Secondo me non avranno il coraggio di portare avanti lo sterminio darwiniano (perché di questo si tratta) necessario a raggiungere l’immunità di gregge: adesso giocano a fare i coraggiosi perché il numero di casi è esiguo ma saranno costretti a rivedere la scelta annunciata per non perdere consenso elettorale e per non essere linciati.

    Voltando pagina, in questi giorni anche io ho la sensazione che la mia casa sia qui, in questo sito, vicino ai miei Fratelli, cullati dalla Miriam: è come tornare bambini e rivivere le calorose riunioni di famiglia della mia infanzia.

    kridom
    Partecipante
    Post totali: 73

    Concordo con Alef2006, anche la Gran Bretagna ritornerà sui suoi passi, come sta già facendo la Francia e molti Lander tedeschi. La Spagna l’ha già fatto. Scommetto che a breve lo faranno anche gli USA. Per certi versi questo virus sta mostrando il vero volto della classe dirigente che governa i vari paesi dell’Occidente al di là di tutto il fumo messo in piedi dai vari consulenti d’immagine e portavoce, ma esso da anche ad ognuno di noi l’opportunità di essere migliori tramiti verso gli altri dell’Idea Miriamica: ad esempio spiegando agli altri che non tutto quello che gira su Facebook o su Whatsapp è affidabile (tipo l’audio sulla vitamina C data agli ammalati di Coronavirus), cercando di far ragionare coloro che ancora adesso ne sottovalutano i rischi, non tanto per se stessi quanto per i loro familiari anziani o immunodepressi, nonchè infondendo speranza in coloro che hanno eccessiva ansia. In tutto questo ci aiuta il metodo scientifico che la Schola si sforza costantemente di trasmetterci e i post dei Fratelli e Sorelle che si occupano di medicina. Salute e Luce

    GELSOMINO
    Partecipante
    Post totali: 113

    CARITAS , ermeticamente intesa ovvero scientificamente !
    Personalmente è questo il principio che vorrei informasse l’operato di chi ha la responsabilità del governo delle nazioni.
    Oggi ed in futuro

    mara329
    Partecipante
    Post totali: 87

    Condivido quanto scrivete. Penso che coloro che sono in prima linea stanno dando il massimo e sono degni del massimo rispetto e poi che ognuno fa ciò è in suo potere di fare per collaborare in ogni modo alla soluzione di questa difficile situazione. Anche semplicemente non perdendo la speranza e mantenendosi fiduciosi, manifestandolo come si può nel rispetto delle regole. Rispetto al dopo…(speriamo al più presto e la scienza sembra stia bruciando i tempi) io invece credo che qualcosa cambierà. Certo non so immaginare a livello di nazioni e di governi… che si sa hanno sempre ragionato diversamente, ma a livello individuale si…la lezione è la solidarietà,la comunicazione, l’umanità perchè si è tutti sulla stessa barca. Mi associo nel dire che la Schola è un aiuto immenso e insostituibile.

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 245

    Infatti, kridom, la Gran Bretagna sta tornando sui suoi passi, ma questo non smorza la preoccupazione…

    Fleurdelys
    Partecipante
    Post totali: 25

    Il diritto alla salute, che è sancito anche dalla nostra Costituzione, non varia a seconda dell’età o della razza o delle possibilità economiche e per noi miriamici è ancora più sacro, se pensiamo al fatto che continuiamo ad operare per ammalati gravi e senza speranza, anche in punto di morte, per far in modo che quell’essere guarisca e non debba più confrontarsi nel suo futuro evolutivo con lo squilibrio che ha generato la malattia di cui soffre in questa vita. Al di là delle considerazioni di ordine etico e politico-economico, spesso in conflitto tra loro come dimostra la necessità di optare tra il freno alla diffusione del contagio e la semplice attesa che gli eventi abbiano il loro corso, io credo che il genere umano sia chiamato in questa circostanza a manifestare il suo stato di maturità o più propriamente di evoluzione maturata. La prevalenza di sentimenti egoistici e di atteggiamenti individualistici denota uno scarso sviluppo del senso di Fratellanza, al di là di ogni credo religioso o politico, e del senso di appartenenza al genere umano inteso come Corpo Unico. In assenza della consapevolezza di essere uniti dallo stesso destino, ogni azione di difesa nei confronti di questo piccolissimo organismo così come di ogni grande trasformazione potenzialmente dannosa dell’ecosistema, fallirà miseramente perché sarà una risposta confusa ad una domanda chiara di presa in carico delle proprie responsabilità. Il covid19 è soltanto un’occasione per mostrare se la specie sia capace o meno di meritare una chance di sopravvivere alle contraddizioni e ai falsi progressi che i suoi rappresentanti esibiscono nei G8. Occorre sperare che la benevolenza dei Numi sostenga i nostri sforzi di difesa, illumini ricercatori e personale sanitario circa le strategie da adottare e conceda ad ogni essere umano di far seguire ad una consapevole riflessione l’opportuno cambio di rotta.

    guglielmo tell
    Partecipante
    Post totali: 109

    Altra interpretazione della strategia inglese.. ricevuto da un amico:

    Come al solito la verità è molto più complessa delle semplificazioni che passano sui social

    Per cominciare il governo inglese ha predisposto un piano contro l’epidemia di coronavirus che é pubblicamente consultabile:

    https://assets.publishing.service.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/869827/Coronavirus_action_plan_-_a_guide_to_what_you_can_expect_across_the_UK.pdf

    Il piano di azione si basa sull’ipotesi che il Coronavirus si comporterà come la Spagnola (che fece tre ondate in tre inverni, la seconda e la terza più mortali della prima). Partendo da questa ipotesi si è deciso che è meglio affrontare ora l’epidemia, in primavera, quando gli ospedali non sono oberati per l’influenza.

    Contrariamente alle semplificazioni lette sui social non si prevede, dunque, di far dilagare liberamente l’epidemia, bensì di far circolare in maniera controllata il virus, con misure da attivare gradualmente per gestirne la diffusione controllata e far acquisire l’immunità a quante più persone, abbattendo il parametro di trasmissibilità, e preparandosi al meglio a eventuali future ondate epidemiche

    Eris
    Partecipante
    Post totali: 21

    che dire noi siamo stati costretti a fare ciò che stato attuato perchè altrimenti non saremmo stati in grado di mettere tutti gli ammalati sotto ventilatori , inoltre per quanto riguarda gli inglesi io leggerei questo sito https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2020/02/coronavirus-esperimento-stragistico.html .
    a questo punto mi chiedo che abbiano già il vaccino pronto per chi dicono loro ? spero di no ma sono talmente scettico sull’onesta e serietà di certe organizzazioni che davvero non so cosa pensare , un abbraccio .

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 245

    Guglielmo tell, hanno tentato di sostenere questa teoria dell’immunità di gregge con l’idea del sacrificio di una parte della popolazione a beneficio degli altri. Mi pare dai commenti sentiti che aldilà dell’aspetto umano (è un orrore!) questo sia un errore sul piano scientifico, in quanto non ne sappiamo nulla di questo coronavirus, potrebbe essere mutevole per cui i morti di ora per salvare il gregge, risulterebbero inutili il prossimo inverno. Quindi?
    In questo caos, mi associo volentieri alle tue parole Fleurdelys, poiché davvero “occorre sperare che la benevolenza dei Numi sostenga i nostri sforzi di difesa, illumini ricercatori e personale sanitario circa le strategie da adottare e conceda ad ogni essere umano di far seguire ad una consapevole riflessione l’opportuno cambio di rotta”.
    A presto e buona serata a tutto il Forum.

    Buteo
    Partecipante
    Post totali: 121

    Riporto dal prossimo post, quanto più brevemente possibile, uno stralcio delle considerazioni e dei pensieri che, giorno per giorno, ci siamo scambiati nella sezione ‘Nuove Frontiere della Medicina’ sulla CoViD-19.
    Per contestualizzare ripercorro velocemente le tappe della diffusione della malattia.
    Il 31/12/19 la Cina segnala all’OMS 59 casi di polmonite a eziologia ignota occorse nel mese di dicembre a Wuhan. L’età media dei pazienti è 49 anni; due terzi erano stati al mercato di pesce e animali selvatici; circa un terzo ha patologia di base; tutti hanno polmonite; la metà ha difficoltà respiratoria; 13 necessitano ricovero in Terapia Intensiva.
    La sintomatologia ricalca quella della SARS (2003-4): si cerca l’agente causale.
    La Cina adotta le misure di allora e riattiva il protocollo Urbani.
    Il 1° gennaio decide la chiusura del mercato di Wuhan e l’isolamento di chi ha sintomi.
    Agli inizi di gennaio isola il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2), di origine animale, e il 9 pubblica la sequenza genomica.
    Dello stesso giorno è il primo decesso confermato.
    A metà mese è pronto il test diagnostico.
    Il contagio si diffonde.
    Si ipotizza che le prime infezioni risalgano al novembre 2019 o prima.
    La malattia darebbe minor mortalità rispetto alla SARS e alla MERS (2013) ma il virus è molto più contagioso. S’intuisce la pericolosità della diffusione rapida della malattia.
    Il 23/01/20 la Cina pone Wuhan (11 milioni di abitanti) in quarantena; estende quindi misure di contenimento alla regione di Hubei (58,5 milioni di persone) e a quelle interessate dall’epidemia.
    Il Coranavirus ha già superato i confini cinesi.
    Il 30/01/20 l’OMS dichiara l’epidemia di Coronavirus in Cina Emergenza internazionale.
    A livello internazionale alcuni Stati studiano misure di contenimento; l’Italia sospende i voli diretti con la Cina.
    Il 18/02/20 l’Italia isola il virus da un giovane adulto affetto da grave polmonite, diagnosticando il primo caso di CoViD-19.
    Si praticano i tamponi ai contatti, ai sintomatici. Si contano i contagi, le prime forme gravi, i primi ricoveri in Terapia Intensiva, i primi decessi. Il mondo scientifico e medico si rende conto del potenziale dirompente dell’infezione…
    La politica tentenna…
    Il 23/02/20 esce il primo DL sulle misure di contenimento del contagio in alcune regioni del Nord.
    Nei giorni seguenti l’Italia è in balia fra chi sostiene trattarsi di forma simil-influenzale e chi di patologia grave.
    Il 28/02 l’OMS eleva il rischio a livello “molto alto”.
    Il 29/02 iniziamo a occuparci sul nostro Forum di CoViD-19.

    Buteo
    Partecipante
    Post totali: 121

    Giorno 29/02/20
    Buteo invita a riflettere sulla serietà della patologia, e, in linea con i dati che emergono in ambito medico, esprime preoccupazione per il numero di posti letto in Terapia Intensiva a rischio di diventare presto insufficienti.
    Iniziamo a osservare e a interrogarci.
    M_rosa ci rammenta l’importanza di “essere attenti al funzionamento del nostro corpo, di mantenerlo in salute ed equilibrio e di proteggerci con i mezzi che la Tradizione ci ha dato”.
    Sal, osservando le “incongruenze apparenti” , si chiede “se la paura della malattia non sia talora peggiore della malattia stessa nel causare non già la giusta prudenza, bensì l’incontenibile illogicità”.
    Mandragola11 concorda con M_rosa sull’importanza di “accompagnare agli strumenti che la Schola offre per contrastare epidemie e influenze un comportamento di buon senso e il più possibile equilibrato”.
    Mandragola11 ancora, chiede informazioni riguardo alle polmoniti dei ragazzini e alla loro riammissione in comunità.
    Gulielmo Tell posta ‘Il contagio e le epidemie’ del M.to Kremmerz .

    Buteo
    Partecipante
    Post totali: 121

    Giorno 02/03/20
    Mercuriale2011 condivide le parole di Tanquilla9 e osserva “che la paura porta a uno stato confusionale”.
    Wiwa70 ringrazia i medici e cita la figura di Carlo Urbani come “esempio su tutti noi”. Constata che l’Emilia Romagna è la terza Regione per numero di contagi e che, in questa “cultura degli eccessi” “il Metodo Ermetico e le parole dei Maestri forniscono le giuste chiavi per affrontare anche questa emergenza rimanendo in equilibrio” Ci propone come esempio della nostra “Volontà più profonda” a cui spetta “l’ultima parola” il caso della signora novantottenne dimessa dall’ospedale di Wuhan perché guarita.
    Alef2006 considera che “le stime sulla mortalità potrebbero essere di gran lunga inferiori al 2% se si considerasse che molti contagiati sono asintomatici”, che “i numeri veri li conosceremo a regime” e riconosce come sia “un vero privilegio essere Miriamici”.
    Buteo espone la modalità di diagnosi dell’infezione virale tramite il tampone naso-faringeo.

    Buteo
    Partecipante
    Post totali: 121

    Giorno 01/03/20
    Tanaquilla9 conviene che “oltre ciò che la Schola ci mette a disposizione per evitare il contagio, sia un bene essere prudenti” e s’informa sulla ‘sensibilità’ dei tamponi.
    Buteo risponde a Mandragola11 riguardo alle malattie respiratorie in ragazzi e bimbi.
    Mercurius3 si appella all’aggregato di “scienza e fede”, ovvero a “osservare le disposizioni ministeriali e utilizzare con grande forza tutti i mezzi a noi forniti, sapendo che la volontà non è l’ultimo farmaco attivo e rimpolpante l’immunodeficienza.”
    Gelsomino ci dice che “c’è una Scienza ufficiale a cui grati ci riferiamo e c’è una Scienza Ermetica a cui con fiducia ci approcciamo per sperimentare in prima persona” e riporta frasi significative dal pdf postato da Guglielmo Tell, cui rimando.
    Mandragola11 ringrazia Guglielmo Tell per l’averci ricordato “che qui nel sito c’è una parte dedicata ai contagi e alle epidemie nell’ottica ermetica”.
    M_rosa si chiede perché alcuni ritengano i tamponi inadatti alla diagnosi di CoViD-19. Chiarisce che quando Mercurius3 scrive “fede” intende “coscienza”, che “con l’evoluzione continua nella corrente di Bene della Miriam, riusciamo sempre più a darci ragione di ciò che facciamo…” e che “in questo senso si può parlare di Volontà potente, in quanto intelligente e come tale fattiva.”
    Angelo si augura “che il nostro amore sia rivolto a tutti coloro che soffrono” e nota i cambiamenti che stanno avvenendo in se stesso.
    Buteo risponde riguardo ai criteri adottati per l’esecuzione dei tamponi.
    Tanaquilla9 torna sulla “paura o panico”, sull’importanza non solo di “difenderci dal contagio, ma di non essere causa di contagio.” E che “I mezzi efficaci che la Schola ci mette a disposizione vanno integrati con comportamenti prudenti e coerenti”.
    Cingallegra ringrazia per i chiarimenti e riporta la propria esperienza personale fra mamme impaurite e incapacità degli operatori del turismo a leggere le possibili ricadute nel settore. Individua nella “Forza combattiva che vince, pugnando invitta” il nostro sistema immunitario, sul quale la paura, “affinando i nostri sensi”, agisce come ‘sonagli che suonano attivandoci a proteggerci’.
    Mandragola11 concorda.
    Seppiolina74 sente forte le parole del M.to Kremmer riportate da Guglielmo Tell e da Gelsomino.
    Garrulo1 ci ripropone frasi significative del M.to Kremmerz: “la propria individualità volitiva la quale ha come prima irradiazione effettiva l’azione sul proprio organismo, fino a sviluppare intorno a sé un’aura o involucro di difesa”. E riporta che, per esperienza personale, dalla lettura e rilettura dei testi, “rovesciando l’approccio mentale” e associando “un immunostimolante fitoterapico” ha ottenuto benefici salutari.
    Tanaquilla9 sottolinea che “l’informazione medica neutra e fedele ai fatti è fondamentale per comprendere meglio ciò che accade intorno a noi.”

    Buteo
    Partecipante
    Post totali: 121

    Giorno 03/03/20
    Angelo chiede quali siano le protezioni idonee per i pazienti immunodepressi da terapia antitumorale.
    Buteo propone un link cui attingere informazioni precise.

Stai vedendo 15 articoli - dal 16 a 30 (di 268 totali)
Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE
Le tue informazioni:




Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy