NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA
Stai visualizzando 15 post - dal 121 a 135 (di 147 totali)
  • Autore
    Post
  • mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 614

    Buongiorno al Forum.
    Cara tanaquilla, rimanderei la riflessione…
    Ti ringrazio. Un fraterno abbraccio

    Angelo
    Partecipante
    Post totali: 149

    Concordo con i pensiero di m_rosa. Anche io non voglio ne essere oscurantista ne tantomeno pessimista, ma gli ultimi avvenimenti ci riportano a tempi passati, dove la vita ed il pensiero umano non hanno fatto altro che riproprorsi con le stesse modalità, con gli stessi meccanismi.
    La scienza, nel suo concetto e specifico significato (“Insieme delle discipline fondate essenzialmente sull’osservazione, l’esperienza, il calcolo, o che hanno per oggetto la natura e gli esseri viventi, e che si avvalgono di linguaggi formalizzati”), alla quale noi ci riportiamo come riferimento per la nostra osservazione, sperimentazione e conoscenza, è stata, purtroppo, utilizzata nel peggiore dei modi laddove il suo utilizzo è stato distorto per scopi ben lontani dal concetto di “utilità” per l’uomo. Anche la scienza medica, da un mio personale punto di vista, si è piano piano piegata al solo concetto di diventare fonte economica per pochi, a danno di molti. Sto vivendo la grande difficoltà di comprendere come possa l’uomo, costantemente, ripetere gli stessi errori che portano agli stesso orrori che hanno sconvolto la nostra storia. L’Amore, la Pace, la Luce, che noi ricerchiamo, dentro e fuori di noi, sembra essere, per il resto del mondo, una pia illusione. L’Amore, in Natura è ovunque, regola il ciclo delle cose, ci circonda, ma l’uomo è diventato cieco, schiavo delle idee preconcette che ci vengaono elargite con così tanta forza dai media e dalla c.d. scienza attuale. Che questo risveglio di Primavera possa essere veramente foriero di quell’Alba tanto attesa, di quel sorgere del Sole che ci possa portare veramente a dissipare quell’oscurità che regna sul mondo, aprendoci la porta verso un cammino luminoso e splendente. E’ l’augurio che faccio a Tutti voi. Vi abbraccio con Amore e con tutto il mio cuore.

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 340

    https://www.focus.it/ambiente/animali/cosa-sono-le-meduse-immortali
    A proposito della Medusa, è proprio in lei che avviene una delle più significative metamorfosi naturali che farebbero pensare al fatto che l immortalità non è contro natura e neanche una questione solo teorica ma pratica e concreta messa in atto nella Materia vivente…una su tutte, la Medusa si trasforma e riesce a convertire le cellule già specializzate in cellule non differenziate, ritornando allo stato biologico giovanile. Riflettevo che la Natura ci parla di trasformazione e rigenerazione continuamente ma nel nostro caso di esseri umani, occorre metterlo in atto con scienza e coscienza tornando ad Essa in un percorso a ritroso….è una bella sfida, ce la faremo?? Nonostante tutto, mi piace pensare di sì….una buona giornata a tutti i naviganti

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 738

    Ma certo, mandragola…a quando vuoi

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 198

    A proposito di rigenerazione e di ritorni, il matematico Poincaré ha dimostrato che, durante la sua evoluzione, un sistema dinamico può trovarsi in uno stato arbitrariamente vicino a quello di partenza dopo un tempo sufficientemente lungo. Anche la teoria, appare quindi presagire la possibilità di una rigenerazione di uno stato del passato nel futuro dopo che sia trascorso un tempo sufficientemente lungo.

    https://it.wikipedia.org/wiki/Teorema_di_ricorrenza

    Chiaramente il Teorema della ricorrenza di Poincaré non poteva modellare anche l’esperienza maturata dal sistema nella sua evoluzione e quindi non poteva modellare il fatto che lo stato che si rigenera è in ogni caso traslato sull’elicoide.

    Vi abbraccio

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 198

    Questo è un recente progresso della scienza che mira alla generazione di energia dalla Terra: ricordo che su uno dei Quaderni Accademiali si parlava dell’Elemento Terra e della sua capacità di ricomprendere tutti i quattro Elementi. In questo caso, il progresso di cui parlo si chiama geotermia di nuova generazione: si scava la Terra in profondità con trapani alle microonde al fine di raggiungere gli strati profondi che si trovano a temperature di centinaia di gradi (appunto l’Elemento Fuoco) e trasformare il calore in energia meccanica attraverso il vapore acqueo.

    Non riesco a prevedere un impatto negativo ad un impiego su larga scala di questa tecnologia ma mi sembra molto meglio di una centrale nucleare.

    Maggiori approfondimenti al seguente link:
    https://www.fanpage.it/innovazione/scienze/scavare-il-buco-piu-profondo-della-terra-puo-farci-accedere-a-una-fonte-di-energia-illimitata/

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 340

    Ciao a tutti! Ho ritrovato due articoli scientifici che parlano di capacità rigenerativa straordinaria da parte di alcune specie marine acquatiche e in particolare un tipo di lumaca di mare, la quale, in caso di attacco batterico, è in grado di staccare dalla testa l intero corpo, per poi farlo ricrescere in breve tempo per intero…non ricorda forse il mito di Atena nata dalla testa di Zeus?? Per questa loro capacità rigenerativa,le lumache di mare sono studiate dalla medicina per la cura dei tumori intestinali, così come l idra, altra specie acquatica, è particolarmente considerata negli studi di degenerazione neuronale per la sua grande capacità rigenerativa( particolare curioso: la sua forma ricorda quella degli astrociti,fondamentali per il nutrimento e la rigenerazione cellulare che avviene nel sonno) e anch’ essa si rifà ad una figura mitologica legata al serpente l Idra, da cui il nome della Costellazione. Alla luce di ciò si potrebbe forse pensare che la Mitologia, non sia altro che una scienza antelitteram, che attraverso le immagini, parlasse di terapeutica in tempi non sospetti e che oggi la scienza si trova semplicemente ad osservare,definendole ” scoperte”? Sarebbe interessante uno studio comparato tra mitologia e scienza, apparentemente agli antipodi ma…..forse niente affatto! Una buona giornata a tutti
    P.s. interessante il tuo articolo Alef sul Teorema della ricorrenza.

    Angelo
    Partecipante
    Post totali: 149

    Sulla rigenerazione, anche nell’uomo, date un’occhiata a questo articolo: https://cordis.europa.eu/article/id/411406-trending-science-humans-have-regenerative-powers-study-says/it
    Con riferimento alle nostre pratiche, in particolare sul digiuno, segnalo: https://www.greenme.it/salute-e-alimentazione/salute/digiuno-cellule-staminali/
    Chissà, forse è proprio vero che cio che noi pensiamo di scoprire oggi è già stato scritto.
    Vi abbraccio.

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 414

    E sì cara Dafne, mi auguro come Te un risveglio di brutto dell’umanità prima che sia troppo tardi. Mi sorge il dubbio, come nei “corsi e ricorsi della storia”, che l’immensa storia dell’umanità e del Pianeta Terra sia già passata da più di un mancato risveglio, forse l’ultimo, in ordine di tempo, di Atlantidea memoria. Mi sorge anche un altro dubbio, e che cioè qua e là, in giro per il Cosmo, vi siano moltissime Terre come la nostra, magari popolate da umanità più evolute solamente per il fatto di porre l’Etica al servizio della Scienza e viceversa, così forse si creano le migliori condizioni di armonia e di esistenza, per meglio orientare la vita in chiave evolutiva, singola e collettiva.
    Speriamo davvero in Bene, con la B maiuscola.
    Un caro saluto ed una buona domenica a tutti.

    Dafne
    Partecipante
    Post totali: 35

    Ieri guardavo Freedom sull’antico Egitto e in una tomba dove non c’è rimasto nulla, dell’unico faraone donna che non mi ricordo come si chiama, l’architetto che ha fatto per lei il suo palazzo, in un luogo dedicato alla Madre perchè voleva essere protetta, architetto che era stato istruito in uno dei posti più esclusivi più ancora che per i sacerdoti e quindi era illuminato, fatto sta che in questo soffitto che lui aveva fatto intonacare è venuta fuori una conoscenza che noi non abbiamo: attorno alla stella principale di Orione ci sarebbero tre anelli di acqua e quindi siccome se c’è acqua c’è vita, su Orione ci sarebbe la vita. E c’è da stare allibiti sull’allineamento delle stelle di Orione alle tre piramidi, dove poi l’ultima stella corrisponderebbe alla Sfinge. Tutto questo, Garrulo, per dirti rispondendo alle tue riflessioni che condivido, che in fondo l’universo come dici sicuramente ha altri pianeti abitati e chi aveva conoscenza di questa mappa stellare era uno che aveva avuto accesso a cose importanti, ma da dove era uscito tutto questo? Chi c’era prima? Sono arrivati da Orione dove avevano la fissa di tornare, come si legge nei papiri? Fosse pure, perchè no! Sicuramente la storia andrebbe tutta riscritta! Guarda nelle varie civiltà quello che è rimasto in Italia, Egitto, Perù, Messico, India, dappertutto ci sono le tracce del passaggio di questi esseri venuti tranquillamente dalle stelle. Dicono Orione, ma perchè sempre Orione? forse perchè c’è l’acqua e se c’è l’acqua c’è la vita? Intanto, sono sempre conoscenze relative a cose pratiche come nella nostra Tradizione Ermetica!

    Angelo
    Partecipante
    Post totali: 149

    Cari Tutti, il fatto che noi non siamo soli, credo sia fuori di dubbio. Comprendere l’esistenza di essere al di fuori della nostra materiale umanità, è dato certo, e questo non ci può non portare a pensare che altri Esseri esistono, su altri mondi certamente, ma anche sul nostro. L’evoluzione scientifica, certamente utile, ha però portato alla distruzione di parti della storia che certamente contenevano conoscenze ben più alte delle attuali, dove la comprensione del tutto, era molto più allineata a quella che possiamo definire come realtà.
    La comprensione: una parola così tanto personale da sfuggire a definizioni generali. Per comprendere bisogna essere veramente parte del Tutto. Comprendere una cosa vuol dire diventare la cosa stessa. Per comprendere l’Universo bisogna essere parte dell’Universo. Forse qui stà il punto: chi comprende lo fa perchè è veramente parte del tutto. Chissà, forse qualche essere di un altro pianeta ha fornito indicazioni a quell’architetto, o forse quell’architetto le ha comprese perchè era parte veramente del tutto. E’ vero che sono conoscenze relative a cose pratiche, ma forse, a volte, la pratica apre porte su realtà così grandi, che rinchiuderle nella sola pratica sembra difficile, se non la intendiamo una pratica così evoluta, così pura, così forte, da riuscire a viaggiare dentro stati della materia e dentro mondi che al momento non si vedono, ma si riescono solo a percepire.
    Vi abbraccio.

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 532

    Come la nostra pratica miriamica, caro Angelo?

    Angelo
    Partecipante
    Post totali: 149

    Non avevo dubbi sul punto cara m_rosa.
    Vi abbraccio.

    kridom
    Partecipante
    Post totali: 176

    Sulla rivista Science, con un articolo ripreso sul Corriere della Sera, è stata pubblicata una nuova versione del genoma umano, inizialmente sequenziato nel 2001 (all’epoca l’8% del corredo genetico non fu decifrato). Questa nuova e più completa mappatura apre la possibilità di ulteriori scoperte nella cura delle malattie e nella personalizzazione delle terapie.
    Copio il link per chi volesse leggere l’articolo https://www.science.org/content/article/most-complete-human-genome-yet-reveals-previously-indecipherable-dna
    La cosa che mi ha colpito è connessa al metodo. Infatti nell’articolo di Anna Meldolesi sul Corriere si evidenzia che mentre nel sequenziamento del 2001 c’era stata una sorta di gara tra due team a chi arrivava prima, questa volta c’è stata la collaborazione di tanti ricercatori verso un unico obiettivo (oltre agli avanzamenti tecnologici e a qualche intuizione geniale su come fare il sequenziamento). Anche il lockdown, dovuto al Covid, potrebbe aver contribuito alla partecipazione di un numero maggiore di scienziati.
    Questa collaborazione mi ha ricordato l’habitare fratres in unum, il lavoro di tanti in concordia verso un obiettivo di salute e bene comune. Auspico che si ripeta sempre più spesso.

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 414

    Sacrosanto Angelo, a mio parere, che la pratica apre confini verso spazi sempre più ampi, al punto da percorrere stati della materia che non si vedono, ma si intuiscono. Credo che Mondi, Pianeti ed Esseri più evoluti siano semplicemente posizionati su frequenze diverse, probabilmente più accelerate e quindi dalla nostra dimensione in 3D, non vi possiamo accedere se non in stati e momenti particolari. Anche il tempo, ritengo non sia una costante, ma forse ha carattere circolare rapportato alla dimensione evolutiva di riferimento.
    Un caro saluto ed una buona giornata a tutti.

Stai visualizzando 15 post - dal 121 a 135 (di 147 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy