Novilunio ed eclissi

Home/Il Forum della Schola/Novilunio ed eclissi

Home Page Forum Il Forum della Schola Novilunio ed eclissi

Taggato: 

Stai visualizzando 12 post - dal 46 a 57 (di 57 totali)
  • Autore
    Post
  • garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 331

    Voglio anch’io ringraziare la Direzione, i Maestri, le preziose parole del Maestro L.J. Aniel, che ci ricordano sempre e comunque quanto siano connaturate le corrispondenze tra macro e micro, dove il Macro è l’Universo/a ed il micro ogni essere vivente, fino appunto alla massima espressione nell’essere umano. Grazie anche per le indicazioni su come affrontare nella praticità della vita tali combinazioni che le Leggi Cosmiche fanno fare agli Astri, alla fine, in estrema sintesi, mantenendo l’animo aperto al Bene, lasciando che Madre Natura compia il suo corso, con una puntina di consapevolezza in più.
    Ancora un sentito grazie, ed un Buon Novilunio a tutti.

    decla
    Partecipante
    Post totali: 38

    Grazie ai Maestri TUTTI per la loro costante presenza e guida insostituibile, che ci aiutano sempre a cercare di guardare dalla giusta prospettiva, donando conoscenze con amorevole generosità affinchè non si perda mai di vista l’unica finalità di Bene ….

    abbat
    Ospite
    Post totali: 112

    Auguri di Buon Solstizio ai Fratelli e Sorelle.
    Grazie ai Maestri per tutto quello che ci danno.

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 240

    Mi unisco ai ringraziamenti per le parole del Maestro L. J. Aniel,le quali hanno sempre la capacità di aprirci un varco oltre che una prospettiva più ampia per farci sollevare lo sguardo al cielo pur riportandoci a noi e al nostro percorso evolutivo scelto. La Natura fa il suo corso e si purifica con le sue modalità ,esattamente come dovremmo fare noi, in modo più o meno consapevole, e ciò ci ricorda che non siamo avulsi ma parte integrante, come microcosmo, di quell’Unica Legge macrocosmica che vige nell’Universo. Buon solstizio a tutti e un fraterno saluto alla Direzione, ai Maestri e a tutti i Fr e Sor in Miriam

    Mag
    Ospite
    Post totali: 112

    Sta dando spettacolo in questo cielo di luglio la brillante cometa C/2020 F3 NEOWISE, con la sua coda di colore giallo, dovuta alle polveri che riflettono la luce del sole. Scoperta il 25 marzo, la cometa proviene dalla Nube di Oort, ai confini del sistema solare. Albino Carbognani, ricercatore dell’Osservatorio di Astrofisica e Scienza dello spazio INAF di Bologna, spiega che “in questi giorni é visibile prima dell’alba, intorno alle 4,30 del mattino sull’orizzonte di Nord-Est. Come riferimento si può usare il pianeta Venere, l’oggetto più brillante del cielo a Est, e guardare a una trentina di gradi alla sua sinistra, a una decina di gradi di altezza. A partire dall’11 luglio sarà visibile al tramonto sull’orizzonte di Nord-Ovest. Fra il 14 e 15 luglio nel nord Italia la cometa potrà essere seguita tutta la notte, il periodo di visibilità circumpolare durerà fino al 23 luglio. Il 22 luglio la cometa raggiungerà il punto più vicino alla Terra, a una distanza di 103 milioni di km, risultando maggiormente visibile al tramonto in direzione Ovest- Nord-Ovest, sotto il carro dell’Orsa Maggiore”
    Per andare alla ricerca della cometa C/2020 F3 Neowise é preferibile trovarsi in luoghi privi di luci artificiali e con cielo sereno. Buona visione!

    Buteo
    Partecipante
    Post totali: 148

    Grazie Mag, per queste precise indicazioni.

    kridom
    Partecipante
    Post totali: 109

    Ho visto che il 31 ottobre ci sarà una Luna Blu. Non avendone mai sentito parlare, ho cercato su internet qualche informazione in più sul significato che la Luna Blu potrebbe avere, per noi in particolare. Le informazioni trovate non sono sempre coerenti tra loro (ma questa non è una novità, perchè sul web c’è sempre tutto e il suo contrario), a partire – ad esempio – già dalla definizione di Luna Blu.
    Quindi c’è chi dice che la Luna Blu è la seconda luna piena nell’arco del mese, altri dicono che è la seconda luna piena nello stesso segno zodiacale, altri ancora la terza luna nella stessa stagione (che normalmente ne avrebbe 3 e non 4).
    Nell’ambito delle varie cose riportate, mi sembra di poter individuare alcuni di punti abbastanza condivisi:
    1. la Luna Blu non appare generalmente di colore blu (al contrario della Luna Rossa),
    2. è un evento poco frequente (si verifica ogni 28 mesi),
    3. è una luna che ha influenze più forti rispetto alla “normale” luna piena,
    4. gli animali collegati a questa luna sono il gufo e il serpente.
    Non è mi chiaro se queste influenze siano faste o nefaste: c’è chi parla di energia di realizzazione, in quanto si possono ottenere cose che in altri frangenti sarebbe più difficile ottenere, e chi parla di energia di trasformazione, indicando la Luna Blu come la 13esima luna piena dell’anno che, come il 13esimo Arcano dei Tarocchi, rappresenta il cambiamento netto, la rigenerazione e, quindi, sarebbe adatta alle iniziazioni.
    E voi, ne sapete di più?

    Angelo
    Partecipante
    Post totali: 67

    Caro Kridom, ho trovato questa spiegazione, che mi sembra abbastanza chiara, ma come tutte le spiegazioni, va correttamente interpretate (e io non sono in grado di farlo), ma lascio aperta la discussione per chi ne sa molto più di me:

    “Ogni stagione ha di norma tre lune piene, ma poiché il ciclo della luna, come quello della donna, è di 28 giorni, mentre ogni mese ne contiene mediamente trenta, succede che sette volte ogni 19 anni si verifica una stagione con quattro lune piene, dando luogo al tredicesimo plenilunio.
    Quando due plenilunii cadono nello stesso mese, la tradizione assegna alla seconda luna piena il nome di Luna Blu.
    Naturalmente ciò non ha nulla a che vedere con il colore della luna, anche se in modo assolutamente imprevedibile la luna può anche assumere questa insolita colorazione, dovuta alla presenza di polveri nell’atmosfera.
    Fu quanto accadde nell’ultimo secolo e mezzo per tre volte: nel 1883 in occasione dell’eruzione del vulcano Krakatoa, nel 1927 a causa dei monsoni seguiti ad una stagione particolarmente secca, e nel 1951 in seguito ad un enorme incendio della foresta canadese.
    Sarà per via dell’eccezionalità di tale evento che in inglese si usa dire “Once in a blue moon” per indicare un fatto rarissimo, proprio come noi diciamo “a ogni morte di papa”.
    Secondo il Maine Farmers’ Almanac del 1937 si attribuisce ai primi coloni inglesi la tradizione di dare un nome a ciascuna luna piena dell’anno. Sarebbero dunque stati loro a chiamare Blue Moon la tredicesima luna, per non confonderla con le altre.
    In realtà l’origine è controversa: secondo alcuni il termine deriva semplicemente dal fatto che su alcuni calendari la seconda luna piena del mese veniva stampata di colore blu per distinguerla dalla prima, secondo altri deriva da una antica tradizione popolare ceca, secondo altri ancora da una storpiatura del termine francese double lune in Blue Moon.
    Queste teorie non sono suffragate da prove, mentre molto più credibile sembra essere chi ritiene che la tradizione abbia origini molto più vicine a noi e che derivi da un banale errore di interpretazione.
    Infatti in un articolo apparso sul numero di luglio del 1943 della rivista Sky & Telescope, l’autore Pruett interpretò malamente la tradizione attribuendo l’appellativo di luna blu alla seconda luna piena del mese.
    La questione si sarebbe risolta rapidamente e la cattiva interpretazione sarebbe rimasta confinata ai lettori della rivista se nel 1980 l’articolo non fosse stato riproposto durante una trasmissione di carattere astronomico della radio nazionale americana. Da allora, potere dei mezzi di comunicazione, l’errata interpretazione sostituì la tradizione originale.”
    Un caro saluto a tutti.

    La sua energia

    Qualunque ne sia l’origine del nome, non c’è dubbio che la tredicesima luna è un evento eccezionale, legato all’energia di ciò che è insolito, raro e di conseguenza ancor più magico.
    Essa è la luna più stravagante e rara, quella che capita ogni tanto, e per questa ragione alcuni la considerano una Luna magica, altri una Luna pazza… e fu chiamata “La Luna Blu”.
    L’omonima famosissima canzone “Blue Moon” di Bill Monroe fa riferimento ad uno stato di particolare malinconia, così per taluni “avere la Luna blu” significa portare in sé tristezza e solitudine.
    Per altre tradizioni invece il carattere di eccezionalità conferiva a questa Luna caratteristiche di punto di riferimento per i propri traguardi, per vedere se i propri scopi fossero raggiunti, e per meditare sulle mancanze. Per questo si dice sia adatta alla divinazione e agli incantesimi più potenti.
    Nella pratica viene di associata ad animali di potere come serpenti e gufi, mentre i colori ricorrenti sono ovviamente le tinte più scure del blu ed il viola; la pietra per eccellenza è l’ossidiana e l’albero preferito è il sambuco.

    kridom
    Partecipante
    Post totali: 109

    Mi sono messo a ricercare qualcosa in più sui siti in lingua inglese ed ho trovato qualche chiarimento rispetto ad alcune interpretazioni contrastanti presenti sui siti in lingua italiana. In particolare, la cosa che mi interessava capire era relativa all’eventuale presenza di un aspetto “energetico” peculiare di questa luna piena rispetto agli altri pleniluni. Ebbene sembrerebbe che a livello profano sia ormai invalso l’uso di chiamare luna blu la seconda luna piena del mese in seguito alla trasmissione radiofonica americana “Star Date” della fine degli anni ’70, mentre dal punto di vista astrologico la vera luna blu sarebbe la seconda luna piena nell’ambito dello stesso segno zodiacale. Se tutto ciò fosse corretto, si potrebbe affermare che la luna blu “calendarica” non ha nessun effetto in termini di “energie sottili” mentre la luna blu “astrologica/solare” avrebbe l’effetto di rafforzare in quel giorno alcune delle caratteristiche del segno in cui cade.
    Pertanto la prossima vera Luna Blu sarebbe non il 31 ottobre 2020 ma il 22 agosto 2021, in cui cadranno 2 lune piene nel segno del Leone.

    Miriana33
    Partecipante
    Post totali: 3

    Leggendo della luna blu,che è un evento che capita di rado,considerando che il blu come colore,nella terapeutica ermetica,emanato da una luce è favorevole alla cura di alcune patologie ( come è stato consigliato ad una mia conoscente per la sensibilità chimica). M sovviene una domanda,può questa luna denominata blu ( anche se non è il suo colore), essere favorevole alla cura di alcune patologie? Un caro saluto a tutti

    tanaquilla9
    Moderatore
    Post totali: 476

    Non saprei, cara Miriana, se la Luna Blu sia terapeutica per la virtù del blu della sua denominazione. C’è chi fra noi ha maggiori conoscenze al proposito. Ma come Luna Piena (e seconda del mese) avrà i suoi effetti, compresi i terapeutici. Se sfogliamo le Lunazioni (delle quali attendiamo con sollecitudine la ripresa) vediamo che ogni Luna ha una azione particolare, e che tutte le fasi lunari hanno una specifica influenza. Ad esempio per alcune preparazioni terapeutiche è indicata la luna nuova come inizio e quella piena come compimento. In alcuni casi, sono persino indicate particolari ore planetarie e i primi o gli ultimi minuti che le compongono.
    Mi chiedo anch’io comunque che significato hanno due lune piene in un solo mese.

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 240

    Buongiorno a tutti,in attesa della prossima eclissi lunare(la quarta di quest’anno) del 30 novembre che coincide con la luna piena, che prelude ai climi freddi ( detta per questo “del Castoro” dai nativi americani),ho ritrovato alcune news sul cielo di novembre e i suoi pianeti. Infatti sembra che in questo periodo siano ben visibili:a partire da Giove e Saturno a sud-ovest vicini alla Luna che tramonta alle 19 e poi dalla parte opposta,ad est,é visibile Marte dalle 17 fino alle 3, riconoscibile per il suo colore aranciato e infine Venere e Mercurio visibili a sud-est, fino a poco prima dell’ alba(h.5.45)e in questa parte di cielo saranno presenti anche le meteore Leonidi. Il 21 dicembre, inoltre, è prevista con cadenza ventennale, l avvicinamento di Saturno e Giove a una distanza minima di 0,06′, brillando ad ovest ….una congiunzione così prossima non avveniva dal 1623! Buona giornata a tutti i naviganti

Stai visualizzando 12 post - dal 46 a 57 (di 57 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy