ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM
Stai visualizzando 15 post - dal 661 a 675 (di 1,023 totali)
  • Autore
    Post
  • Macrobio
    Partecipante
    Post totali: 57

    Curioso, o forse nemmeno troppo, che l’artista prediliga spesso cerchi e spirali ed in una di queste raffigurazioni si sia posto egli stesso all’interno in posizione fetale. Sono d’accordo con voi tutti: bellissime immagini, grazie di averle condivise qui, Guglielmo Tell.

    GELSOMINO
    Partecipante
    Post totali: 129

    Ho provato una profonda tenerezza per questo ragazzo nel vedere il video : la sua ricerca di un mezzo che possa dar sollievo e sfogo alla ricerca di un contatto con qualcosa di profondo in grado di concedere un equilibrio reale , è così simile a quella di tanti giovani , che ognuno con le sue modalità, ricercano un punto di riferimento che possa dare loro il senso vero della loro vita.
    Che il loro cuore li guidi nel posto giusto !

    GELSOMINO
    Partecipante
    Post totali: 129

    Mi aggancio al post di Tanaquilla del 7 maggio per fare una riflessione : questa pandemia mi ha fatto toccare con mano quanto noi esseri umani siamo tra noi collegati , quanto il flusso dei pensieri e delle idee ci attraversino costantemente e ci condizionino.
    Nel momento in cui questo flusso si è un attimo fermato , sono rapidamente cambiati i pensieri e le priorità.
    Questo mi ha dato una percezione più chiara di quanto sia trascinante la corrente comune ma anche di quanto sia reale l’esistenza di un’altra corrente. Appare chiaro che per tirarsi fuori da questo mulinello , la prima cosa da fare sia alleggerirsi di tutto il peso inutile.

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 408

    Caro gelsomino mi hai dato la possibilità di vedere il lavoro dell’artista di Land Art da una prospettiva nuova. Avevo percepito questo lavoro come un inno alla Natura e l’espressione dell’unione dell’uomo ad Essa. Tu invece ci hai suggerito che c’è anche la ricerca di una modalità, di una via, che porti l’artista e con lui tutti coloro che cercano, a trovare il contatto con se stessi grazie alla Natura Madre
    Grazie per aver condiviso il tuo pensiero

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 623

    Credo che in questo periodo molti di noi, nel clima di maggior silenzio, esterno ed interno, hanno centrato meglio il significato di “alleggerirsi di tutto il peso inutile” come scrive Gelsomino. Non si è potuto – penso – fare a meno di pensare ai propri comportamenti, ai propri dinamismi, a quelli squilibrati, egoistici o egoici. Si è potuto riflettere sulle ragioni vere di alcuni nostri comportamenti e desideri, quelle che non avevamo ancora centrato e che ci impediscono di metterci nelle condizioni giuste di equilibrio per crescere. E se il primo passo è vederle, il secondo, dopo le debite conferme, subito dopo, è superarle.
    Il silenzio è importante per vedere chiaro.
    Abbiamo sul sito un thread sul Silenzio.
    Oggi è la festa della Madre. Un pensiero alla Madre che tutti ci tiene sotto il manto, e a tutte le madri che sono fra di noi.

    • Questa risposta è stata modificata 1 anno, 1 mese fa da tanaquilla9.
    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 464

    …Natura Mater… nella quale oggi si riconoscono tutte le Madri e le Donne, a prescindere…

    Tu, Natura, sei madre d’ogni cosa.
    Tu madre d’infinita intelligenza,
    dea celeste e maestosa.
    Tu architetto di tutto, tu regina.
    Tu domatrice e indomita.
    Tu nostra timoniera, luce immensa.
    Tu sovrana assoluta.
    Tu sempre venerata, dea suprema,
    eterna e primogenita, amatissima.
    Tu fonte d’ogni gloria.
    Tu sei la notte, tu sei mille stelle,
    tu sei la prima luce.
    Tu dea che nessun limite trattiene.
    Silenziosa tu vai, muovi il tuo passo.
    Tu sei sacra, sei l’ordine del mondo.
    Tu sei la fine che non ha mai fine.
    Tu sei di tutti, e niente ti possiede.
    Tu sei padre a te stessa e non hai padre.
    Tu perfetta, tu gioia, tu grandiosa.
    Fioritura del mondo. Intreccio. Amore.
    Trama grande e sapiente.
    Regina. Potentissima. Tu, vita.
    Vergine madre, madre a tutti noi.
    Sola e perfetta, tu sei la giustizia.
    Tu sei bellezza e incanto, e hai mille nomi.
    E cielo e terra e mare ti appartengono.
    Sei nemica agli sciocchi,
    ma così cara a chi ti sa seguire.
    Tutto sai, tutto doni.
    Tu regoli ogni cosa, e sei sovrana.
    Tu, generosa, nutri e cresci tutto.
    E a ciò che è ormai maturo dai una fine.
    Di tutto tu sei padre, tu sei madre.
    Di tutto tu sei levatrice e balia.
    Tu fai brevi i travagli delle nascite.
    Tu felice, e feconda. Quando è tempo di vita, tu dai vita.
    Tu escogiti ogni via, tu crei ogni cosa.
    Tu comandi, e di tutto sei architetto.
    Sei eterna e sempre in moto.
    Provi tutto e sai tutto.
    Tu, il vorticoso fiume della vita,
    fai correre in eterno:
    e corri ovunque, corri intorno al mondo,
    e ti trasformi sempre, sempre, sempre in
    nuova vita.
    Tutto è tuo, sulla terra:
    perché tu, solo tu, hai creato tutto.
    E io ti prego, ascoltami:
    dacci la pace,
    dacci la guarigione,
    fai crescere la vita.

    (dagli Inni Orfici, Inno alla natura)

    Buteo
    Partecipante
    Post totali: 209

    Con tutte le cose che avrei in sospeso e in arretrato, in questi giorni mi perdevo nel guardare i falchetti, quei movimenti occhietti beccucci… Ieri sono stati molto nel nido, l’altro ieri invece sparivano dove le telecamere non li raggiungono. Alla sera e col buio si spiaggiano nel nido, l’uno vicino all’altro e dormono…soli, pensavo. Sempre l’altro ieri e per la prima volta vedo la madre sul parapetto, perché illuminata dalla luce sottostante. Stava immobile rivolta al nido. Si sono spente le luci, ma nel nero pesto riuscivo ancora a indovinarne la sagoma fra 2 lucine sovrapposte a destra e una a sinistra, perché la brezza della notte le sollevava ogni tanto il piumaggio. Ho lasciato il computer acceso vicino al letto, per svegliarmi e guardare… Era sempre lì, ferma, rivolta ai suoi piccoli. All’alba i pulli si svegliavano, si scuotevano e pizzicavano, lei ancora lì. Finché vola via e non passa molto e torna, con la prima colazione… Così chiedo a Garrulo: di notte madre e padre sono lì, nei pressi del nido, ‘entrambi a protezione del loro patrimonio genetico’ mi scrive. Ecco, in quello stare fermi immobili a vegliare, ecco, in quello c’è solo amore…

    GELSOMINO
    Partecipante
    Post totali: 129

    Riprendo dagli Inni Orfici, Inno alla natura postato da mandragola :
    “dacci la pace,
    dacci la guarigione,
    fai crescere la vita.”

    Alla fine sempre alla Mater , alla Matrice tutti torniamo nei momenti di crisi e di paura !
    Come in questo momento ,in cui è stato facile notare che ognuno a modo suo ha cercato rifugio e sicurezza nella Mater.
    Chi si è dedicato alla coltivazione , chi all’osservazione della natura , chi come noi ha scoperto il sito della Schola e ci ha trovato rifugio. Ciascuno secondo la propria capacità di concepirLa, ha cercato sollievo e sicurezza nella Matrice , che come sempre ,ci ha accolti e a ciascuno ha dato secondo sua necessità e secondo Giustizia.

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 368

    Grazie Guglielmo Tell, come al solito il tuo video è bellissimo, bello e pieno di significati racchiusi nelle Opere d’arte che ci invii. Guardando scorrere i filmati, e subito dopo leggendo i commenti, in particolare mi colpisce quanto scrive m_rosa, che sottolineando il carattere di transitorietà di queste creazioni, stupende ma esposte alle mareggiate, alle intemperie, ci ricordano di non affezionarci mai troppo alle nostre creazioni, qualunque esse siano, tendono inevitabilmente a solleticare gli ismi. Avevo seguito un ciclo di conferenze quando anni fa venne a Torino un importante Monaco Buddista, mi pare il Vice, se così si può dire, dell’allora ed attuale Dalai Lama. Ebbene, al termine dell’ultimo incontro, alcuni monaci si avvicinarono allo stupendo Mandala che avevamo visto completare incontro dopo incontro, e come atto finale lo scomposero riportandolo ad un cumulo di sabbia colorata, tra lo stupore di tutti. Solo tempo dopo, compresi che si trattava di una modalità pratica per far comprendere l’importanza di non legarsi alle proprie creazioni materiali, e la bellissima Opera fatta con arte e meticolosità in un attimo era andata distrutta, causa “l’impermanenza”, madre del costante movimento e del divenire nella Scuola Buddista.
    Ancora una buona domenica a tutti

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 408

    io mi riferivo a qualcosa di molto concreto, non tanto a un concetto astratto del divenire o del cambiamento continuo, ma a qualcosa che riguarda noi stessi, di come facilmente ci affezioniamo ai nostri piccoli passetti avanti, alle nostre conquistine, al nostro sentirci un pò migliori di ieri, e ahimè! anche migliori degli altri!
    Mi riferivo allo scomporre ogni cellula e molecola del nostro essere per ritrovarsi nell’Una che tutto in sé contiene..ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 464

    la penso come te gelsomino, ci rifugeremo sempre nella Mater, la Matrice che tutto in se contiene… ed è significativa la chiusura dell’inno alle Virtù della Natura con una preghiera che chiede pace, salute, vita.

    Per garrulo avrei un pensiero sull’impermanenza: non so tanto quella orientale, ma la tradizione artistica occidentale, quando è stata lo strumento e il tramite di una trasmissione iniziatica, ha lasciato delle tracce sicure, tracce che dovevano essere ritrovate da chi le doveva ritrovare, come sappiamo, no? Alcune civiltà del passato hanno lasciato tracce indelebili, altre meno, ma la spiegazione ci arriva anche dall’esigenza dei Collegi Sacerdotali di occultare le verità, ad esempio quando si sono celate nei miti o quando non sono più state fissate nelle tavole di argilla o nei graffiti o nella scrittura, ma lasciate solo al canto degli aedi e alla trasmissione orale.
    Certo, come dice m_rosa, è auspicabile che noi stessi si raggiunga quello stato di essere talmente integrati nell’Opera della Mater-ia, da divenire noi stessi materia plasmabile dalle Sue mani creatrici, quali tramiti, solo tramiti e per sempre tramiti. Piano piano, conquista dopo conquista…siamo eterni…che dici?

    Angelo
    Partecipante
    Post totali: 98

    Le parole di mandragola11 contengono l’ideale del nostro percorso. Raggiungere la consapevolezza della nostra eternità, vita dopo vita, è quel gradino che ci consente veramente di sentirci integrati nell’Uno Universale. Quante verità ci sono state nascoste e quante verità sono state modificate per consentire ad alcuni di avere nelle proprie mani il destino dell’Uomo? La nostra integrazione nell’Opera è il nostro scopo, integrandoci nel Bene e nell’Amore. Unica vera via per tutti noi.
    Grazie a tutti di essere qui.
    Vi abbraccio.

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 277

    Sempre molto ricco questo spazio di ascolto in stimoli e suggestioni di parole poetiche che diventano preghiera (Inno alla Dea) fino alle immagini così emozionanti del video dell’artista sulla spiaggia…mi ha colpito il processo creativo dell’artista(così come in arteterapia) che non determina il risultato finale già dall’inizio, secondo una sorta di schematismo mentale precostituito ,ma mettendosi in ascolto di sé, in contatto empatico con la Natura circostante , arriverà ad un risultato finale mai scontato , che lui stesso non è subito in grado di delineare,aperto a molteplici possibilità nella definizione di una forma mai finita davvero, quasi a sorprendere se stesso, senza la pretesa di essere il detentore dell’opera ma solo un canale di comunicazione tra cielo e terra, diventando lui stesso materiale da trasformare attraverso l’opera,adoperando il materiale che la Natura gli fornisce in dono, grazie ad un dialogo silenzioso con Essa. Tutto questo mi ha richiamato l immagine dell’embriogenesi e della formazione del feto nell’utero materno…alla fine della gestazione il bambino sarà completo, ci si augura , tuttavia mai finito nelle curve plastiche di linee fluide dei suoi organi ancora disposte ad essere plasmate nel percorso vitae e sempre in divenire per formare qualcosa di mai uguale o già visto! Davvero una bella emozione … Grazie! Un caro saluto a tutti

    Mercurius3
    Partecipante
    Post totali: 160

    Oggi sono andata un po’ in giro per la Casa. Siete un po’ dappertutto. Ho aperto porte (chiamate thread) e vi ho trovati intenti a scambiare opinioni e notizie interessanti. Ma questo soggiorno della Casa , lo sapete, è quello che adoro. Qui, io respiro a tutto tondo, mi siedo comoda, senza remore e preoccupazioni. Vi ritrovo come nei nostri amati incontri, dove l’impegno è interrotto dalle pause del piacere di osservare il sorriso del cuore. Presto, il soggiorno sarà meno virtuale. Ho tante cose da dirvi…o forse niente, solo un abbraccio , concretizzante questo forte rosso filo che ci lega e che viene alimentato da cio’ che ben sappiamo. Ci siamo. Ci saremo.
    Vaso a preparare l’impasto per il pane, ormai la pratica consente di non comprarlo piu’, non misuro neanche piu’ niente, tutto ad occhio, viene lo stesso. Sono le 11,30. Alle 13,30 va in forno per mezz’ora. Poi spinaci e frittura di pesce. La digestione con una passeggiata a mare, la vitamina D, con la luce e l’aria fara’ da sostegno (all’età che avanza, ma la faccio avanzare piano piano piano, hahahahah)

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 368

    Cara Mercurius, dalle parti di Torino il mare è un vero miraggio, la passeggiata un pò meno, la Vitamina D invece, decisamente fattibile. E’ stato per me un periodo assai difficile, ho fatto e faccio molto uso di tale Vitamina, in combinazione con la Vit. C. Credo che il mix faccia davvero bene alle giuste dosi e nei giusti tempi, dopo ovvio consulto con il medico di fiducia anche per dosarle. Ho notato un’ottima risposta sul fronte immunitario. Fermo restando che, più avanti, conto anch’io di inoculare Vitamina D alla tua maniera, con lunghe passeggiate in riva al mare.
    Con l’augurio di una buona giornata a tutti i naviganti, a proposito di mare.

Stai visualizzando 15 post - dal 661 a 675 (di 1,023 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy