L’educazione ermetica alla salute e alla prevenzione terapeutica nella dottrina di Giuliano Kremmerz

Home/La Parola al Taumaturgo/L’educazione ermetica alla salute e alla prevenzione terapeutica nella dottrina di Giuliano Kremmerz

L’educazione ermetica alla salute e alla prevenzione terapeutica nella dottrina di Giuliano Kremmerz

Il pensiero (meccanismo pensante) in un corpo umano ha azione illimitata su tutti gli organi e gli elementi organici costituenti il proprio singolo individuo … Il pensiero è talmente tutto il nostro essere per quanto ogni sensazione periferica (cioè che proviene dalle estremità sensorie) può arrivando ai centri essere modificata … Oggi ogni persona che sa leggere un sillabario classifica questa roba nella parola suggestione, senza riflettere (e ci capitano persone colte) che generalizzando il significato di questa parola non si sa più nella vita deve cominci e dove finisca lo stato suggestivo….Un uomo che liberamente crede, persuaso di credere la verità, col suo pensiero agisce rapidamente da modificatore sull’apparato sensorio…Dovunque troverete uomini maturi, giovani, giovanette, vecchie che vi danno prove lampanti di aver modificata la sensibilità normale sotto l’impulso immaginativo di idee accettate e credute migliori. Dove è più appariscente lo sforzo, è nei casi in cui l’idea modificatrice prende radice nell’idea della conservazione della salute e… della pelle….E’ l’esercizio libero della potestà inibitoria che è in noi e che diventa trasformatrice radicale di molte sensazioni che ne restano modificate profondamente…Il tuo pensiero agisce tanto sicuramente sul tuo corpo che se hai la pazienza di allenarti, ne disporrai a tuo piacimento. Non avrai paura né di infermità, né di contagi, né di disordini organici di nessun genere. Basta pensare, volendo, con sicurezza di comando, che la tal cosa nel tuo organismo non succeda. Questa è educazione ermetica. Il nostro corpo obbedisce alla nostra volontà : nei deboli la volontà è immaginativa – nei più abituati è semplicemente enunciativa. Questa educazione la puoi compiere in te stesso e da te, senza il bisogno di nessuno. Comincia da esercizi rudimentali. Es.: la sensazione del caldo e del freddo. In una giornata rigida pensa che puoi cominciare a non aver bisogno di un pastrano molto grave, perché il freddo non ti nuoce, anzi ti produce bene aumentando l’elasticità e la resistenza dei tuoi muscoli…bisogni fisiologici: volere che la sera a tale ora il sonno venga o, al contrario, volere che fino a determinata ora il sonno non venga. Digiunare, non per penitenza, ma inibire allo stimolo della fame di affacciarsi prima dell’ora tale. Indi passerai ad esperimenti più complessi. Operare direttamente sul tuo organismo sui piccoli disordini che possono affacciarsi. V’è della gente, gran numero di gente che, o per la nutrizione o per esagerazione di lavoro, o per altre cause, soffre di atonia intestinale. Se sei uno di questo tal numero, non ricorrere né a purganti né a clisteri. Prendi un bicchier d’acqua, o acqua e caffè, o acqua e limone e pensa che quell’acqua una prima volta ti purga e, nelle successive, regola e tonifica il tuo apparato digerente. Facendo questo usi della volontà immaginativa. Se sei più allenato non hai bisogno dell’acqua o del caffè: basta volere con sicurezza, come il padrone che dispone di uno strumento…Se tu sai volere (pensare) la padronanza su di te è completa. Non esagerare. La natura procede a gradi. Se cominci con degli insuccessi correggiti e ripeti. Riuscirai completamente e se un giorno i bacilli, qui tali bacilli famosi che a miliardi ci assediano, entreranno nel tuo fegato, tu, se desideri vincere e vivere, ordinerai alla bile di avvelenarli…Aver fede in sé è creare la propria individualità volitiva la quale ha come prima irradiazione effettiva azione sul proprio organismo, fino a sviluppare intorno a sé un’aura o involucro di difesa. Napoleone era invulnerabile perché si faceva tale. La verità scientifica di questa autocreazione è dimostrata da mille casi provanti i disastri organici negli uomini che hanno paura. Nei casi di epidemia i paurosi si predispongono ad esserne le vittime rapidamente. (C,II,58-61) –  Il problema della vita (piacere, dolore, sensazioni, idee) è nella funzione cosciente del pensiero umano nell’organismo umano. Più incosciente è l’uomo e più i disordini organici o funzionali (malattie, morbo) possono considerarsi come degli avvenimenti chimici della vegetazione della carne…(Ma) non bisogna assolutamente farsi illusioni sulla onnipotenza del valore animico se veramente anima, intelligenza, coscienza non è allenata alla dominazione del corpo fisico di cui ne modifica perfino il temperamento. (C,II,243-245) – L’unità organica umana ha la sua sede di maggiore attività direttiva nelle facoltà della coscienza o della intelligenza. (C,II,255) – La potestà reattiva della coscienza sulle funzioni quando è energica agisce da espulsore dei principi morbosi…gli uomini che vivono in uno stato di equilibrio mentale e di parca vita sono i non colpiti di tutte le epidemie per la reazione della mentalità sulle cause morbigene. (C,II,261 nota 9) – Ogni male fisico si combatte col coraggio – che è divino – nel senso che procede dalla coscienza dell’uomo, la quale comanda alla materia del suo corpo. (C,I,102) – Un corpo sano, nel completo funzionamento del suo apparato naturale di difesa, non può essere attaccato dai microbi e vinto, dunque bisogna conchiudere che dove il microbo si manifesta vittorioso ha trovato già l’organismo predisposto, cioè attacca, vince, genera l’infezione quando l’organismo è già malato, quindi il principio di ogni morbo è nell’organismo indipendentemente dal microbo che lo attacca…l’indebolimento organico che prepara una invasione vittoriosa dei batteri omicidi (ha) rapporto essenziale al principio di vita e alla energia reattiva della materia. (C,I, 109-110) – Il magnetismo naturale e animale di cui parlo io, è lo stato di essere della energia vitale in noi, nel più complesso dei suoi poteri energetici…l’aura umana se non è magnetismo, è indubbiamente satura di magnete….è magnetica perché attira e respinge, è attraente o repellente per la costituzione della parte più materiale del corpo fisico visibile, ma per lo stato spirituale e morale dell’unità, è anima pensante in esso. (SM,II,371-372) – L’uomo completo, sano, equilibrato è una concordanza magnetica…Se sentite freddo vi raggomitolate come nella situazione prenatale, nel seno materno, quando il circuito magnetico vi chiudeva e proteggeva, e tutte le correnti o le onde della elettricità, del calore, del suono, esagerate in potenza, vi rimenano al ricordo di una protezione magnetica, tipica, che è restata sul vostro incosciente senza mai cancellarsi. (D,102)- Il magnetismo…in emissione è aurea molecolare del nostro corpo e, nel riassorbimento, è forza copulativa di nutrizione vampirica, avida di magnetismo terrestre. In questa fase è un circuito di presa della vita: circuito letteralmente inteso, che l’uomo nel sonno riparatore forma nel proprio corpo per rifornirsi delle energie perdute. (D,137) – Per la qualità del magnetismo su di esso, sulla sua efficienza e purità agisce primariamente la potenza assoluta morale che costituisce la nostra natura animica – ecco il perché di tante regole nostre inibitorie e precise per renderci equilibrati, puri, giusti e onesti: se fossimo dei santi, godremmo di un magnetismo più perfetto e buono. Ecco la santità laica come è pernio e fu pernio del Pitagorismo! (SM,III,206) – Vuoi condurti bene? Sii temperante di pensieri, sobrio nelle azioni. Considera il tuo simile come carne della tua carne: carità viene da caro che è carne. Domina i tuoi sensi e non fare che prendano il sopravvento sulla tua ragione. Usa delle cose in ragione della tua potenza di usarne. Non arrivare alla sazietà di nessuna cosa che desideri. Non preferire di parere e non essere: sii per te. Non ambire ciò che è degli altri per vanità e per utilità tua.  Ripudia tutto ciò che ti pone al di sopra delle mediocrità in mezzo alle quali vivi, perchè gli altri non t’invidino come una ingiustizia vivente. Non considerare il lavoro come una pena ma come il tuo contributo alla vita dei tuoi simili in società…leggete i Versi d’oro di Pitagora e troverete il galantuomo evoluto dei tempi nostri… Nella vita fisica usate di tutto e astenetevi da tutto a volontà. Niente eccessi. Nella vita morale sopportate gli animali molesti che vi circondano e le noie quotidiane. Se siete impazienti imparate a mettere una museruola ai primi e riparo alle seconde. Non siate mai ingiusti…imparate ad essere sinceri con voi stessi….Se arriviamo a spogliarci delle passioni, ci avviciniamo alla verità…Questa ginnastica vi rende padroni di voi stessi. Così potete acquistare l’abito della sincerità e dire a voi stessi: io sono un uomo debole e devo correggermi – o io sono un pigro e devo essere solerte – o io sono un satiro e voglio diventare un uomo…Bisogna non prostituirsi mai…se mangiamo per sentire il sapore delle vivande siamo dei maiali con l’apparenza umana…mai un desiderio impuro turbi la vostra carne e, sempre, impuro considerate ogni desiderio sessuale in cui la respirazione della materia più grave vi chiama al sacrificio della vostra dignità di uomo o di donna…bisogna che la mente domini in maniera assoluta l’animale e ne disponga a suo piacimento. In questo bisogna assolutamente allontanarsi dalle forme religiose in cui l’entità mentale e morale dell’uomo mira a liberarsi della tirannia del corpo fisico, per realizzare una mostruosità ipotetica di un uomo-spirito senza corpo materiale pesante. (SM,II,229-232) –  Chi vive nella vita quotidiana in relazione con gli altri uomini e non è un’oca, deve esaminare gli effetti dei contatti, effetti non addebitabili alla volontà delle persone coscienti: gioie, felicità, piaceri, infermità, sanità, dolori, disgrazie, sono causati per contatti; l’antipatia e la simpatia sono indizio premonitore di una influenza personale magnetica per il bene o per il male. (SM,II,383) – Per noi il magnetismo è irradiante da tutte le cose e da tutti i contatti più energicamente per quanto più immediati e più lunghi ed è maggiormente sensibile negli uomini che subiscono il carattere dell’ambiente…L’errore comune è di credere al magnetismo solamente nella forma studiata dai profani, cioè solamente nell’azione di un agente attivo su di un corpo passivo umano…(Corpus) – Se l’uomo sa disporre del suo meccanismo vivente, determina l’esteriorizzazione del suo magnetismo, ed in secondo luogo se ne sa disporre con intelligente artificio, può unire al magnetismo suo personale quel tanto del magnetismo dell’ambiente…(SM,II,375) – Perché la pace alberghi in voi occorre che fisicamente siate sani e temperanti nella vostra mente e adattabili o adattati l’ambiente in cui vivete….Non avendo saputo o potuto scegliere l’ambiente di pace, non potendo e non sapendo rinunziarvi perché i nostri errori dobbiamo espiarli ad uno ad uno, bisogna agire su di esso per modificarlo con la pazienza, con l’esempio, con la tenacia. Il più attivo mezzo per rendere innocuo un ambiente in cui vivete a disagio è staccarvene mentalmente….Circondate le vostre persone di cerchi ideali, con un ramoscello di olivo e dite: gli ingiusti non arriveranno ad intaccare il mio equilibrio. (SM,II, 230) – I profumi, dai più semplici ai più acuti hanno, agendo direttamente sul nostro organismo e sull’organismo di chi frequenta un ambiente, la proprietà di sviluppare tale preponderanza fluidica in noi che il tentativo di contagio fluidico degli altri è vano. Un’ape vuol pungervi: voi vi corazzate il corpo facendo indurire la pelle vostra nel momento in cui vuol tentare l’assalto. (SM,I, 151) – Per lo sviluppo del magnetismo individuale la catena della nostra scuola ideale e simbolica giova grandemente per quella forza di endosmosi ed esosmosi che è propria dell’organismo occulto e non anatomico che è in noi, per la quale l’assorbimento del molto e del meglio è possibile senza atto cosciente – ma la catena, materialmente organizzata nei circoli ed esercitata con pratica insistenza, determina un flusso e riflusso di scambio magnetico, pel quale i meglio dotati accrescono il loro magnetismo individuale e i meno abbienti si arricchiscono di quella energia di esteriorizzazione di cui il magnetismo loro, nascosto in fondo al sacco di carne, non traspira il più prezioso scintillio del suo tesoro…Si verifica quindi una livellazione per assorbimento o per ricambio di questo magnetismo. (SM,III,207-208)-  Il circolo diventa compensatore dei valori disuguali, donatore di forze ed energie… Per fare è necessario che tutti siate regolarmente iscritti alla Fratellanza, che abbiate ciascuno di voi la vostra pagella, nella quale sia contenuto il geroglifico personale da tracciare secondo le norme dei riti prescritti. (SM,III,198-200) .

Scarica il pdf

About the Author:

Un commento

  1. segezia 14 Luglio 2013 al 21:16 - Rispondi

    Ancora oggi, dopo un secolo e più dalla fondazione della Schola e tutto il Bene che è stato compiuto, c’è chi pensa che l’applicazione della Scienza Ermetica alla terapeutica sia una sorta di ripiego rispetto a quanto sarebbe possibile compiere. Non ci si domanda perché il mito di Esculapio, detentore delle chiavi che aprono alla Vita e alla Morte, abbia travalicato i secoli più d’ogni altra figura magica, né si considera che Kremmerz, nella Sua magistrale semplicità, spesso evidenziava come ogni intelletto dipenda dalla salute del corpo fisico e come la mente sia sana solo quando lo è il corpo (se si è malati non si può operare per la salute di nessuno).
    “La salute – Egli annotava – è autocreazione e l’uomo completo è concordanza magnetica…”
    Se ne deduce che l’integrazione, quella spesso associata all’idea dei ‘poteri’, è cosa completamente diversa, se non addirittura opposta, dalla sofferenza della lotta per tenere gli altri avvinti a sé e al proprio desiderio: così, mentre i Maestri irradiano, i ciarlatani succhiano ai propri seguaci il bisogno di approvazione che li conferma piccoli.
    Ma io mi domando: cosa c’è di più prezioso della Salute? della Vita? dell’Amore?

Scrivi un commento

 

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy