ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM
Stai visualizzando 15 post - dal 976 a 990 (di 1,016 totali)
  • Autore
    Post
  • seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 167

    Il cibo come condivisione, come gioia, come gioco! Con mia sorella abbiamo sempre utilizzato il cibo come fosse un altro modo di parlare. Le migliori risate, i progetti, i momenti difficili e di passagggio…sono sempre avvenuti attorno ad un tavolo….rigorosamente da due! Degustando qualcosa di buono, abbiamo festeggiato l’esito degli esami universitari prima di sostenerli ( e abbiamo scoperto che portava fortuna!!); abbiamo sottolineato che festeggiare era importante proprio perché non vi fosse una ricorrenza a cui attenersi e ci siamo rese conto di quanto il tempo non potesse scalfire minimamente la volontà di condividere un percorso. Spesso condividendo un pasto. Il cibo non è lo scopo della vita ma, attraverso la necessità, porta con sé una miriade di significati ad esso legati. Ci lega alla vita stessa ricordandoci quanto sia importante ripartire sempre da un qualcosa di concreto, di piacevole ( possibilmente) e di…creativo, sotto i nostri occhi!

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 452

    Ricambio gli auguri di Decla di buon Novilunio, a tutte/i.

    Daniel56
    Partecipante
    Post totali: 26

    E così, anche questo Anno Magico tra poco volgerà al termine nel perenne ciclo della vita ed uno nuovo inizierà durante questa Luna al cui sorgere parteciperemo oggi. I tempi continuano ad essere profanamente incerti ma pur sempre scanditi dal ritmo armonioso della Natura a cui dobbiamo rivolgerci anche per cercare di dare un senso compiuto a questi giorni. Incurante delle umane vicende la Primavera ci insegna che la Vita inesorabilmente trionfa in tutte le sue forme secondo leggi immutabili di evoluzione. Auguro a tutta la nostra Fratellanza un felice Novilunio foriero di ogni bene e forza per superare le difficoltà del momento e poterci serenamente vederci allo specchio.

    Angelo
    Partecipante
    Post totali: 97

    Un augurio per un feliccissimo Noviluonio a Tutta la Schola, ai Fratelli e alle Sorelle e a tutti i Maestri che ci accompagnano in questo percorso dove la Vita si rinnova in continuazione.
    Un augurio di Amore e di Bene a Tutti.

    kridom
    Partecipante
    Post totali: 153

    Buona Luna care Sorelle e cari Fratelli

    Eris
    Partecipante
    Post totali: 29

    è vero siamo prossimi a festeggiare la nascita o rinascita , ad entrare maggiormente in contatto con quella corrente di bene ,quella corrente storica capace di nutrire dissetare purificare ,quella corrente che ci unisce in un unico IO , è bello sentirsi vicini nonostante l’obbligo del distanziamento , che noi avremmo dovuto sempre attuare . quindi ringrazio la MIRIAM per averci dato i giusti insegnamenti.
    CHE QUESTO KONS SIA PROPIZIATORIO PER TUTTI NOI UN ABBRACCIO

    Mercurius3
    Partecipante
    Post totali: 158

    Carissimi! Com è vero…un filo invisibile e mai interrotto, unisce tutti gli argomenti del nostro Amato Sito. Si parla di cibo ma, come dice Catulla, trattasi di cibo diverso, e non solo…, ci si ricollega a storie antiche con un elemento della ricetta, come dice Tanaquilla col finocchietto selvatico, ci si tiene collegati nella gioia e nel trovare motivo di forza o consolazione, si leggono libri , usciti dalla solita Generosità ed Onestà di chi ce li ha regalati fornendo un altro cibo con l’apertura delle pagine, e gli auguri dei Fratelli per il vicino, prossimo Anno Magico, perchè ci possa alimentare di Salute e di Luce, unendoci ancora e sempre nell’habitare in Unum, grati di questo ai nostri amati Delegato e Maestri, presenti sempre, perchè il Cibo possa nutrire e trasformare.
    Buona giornata a tutti, camminare, respirare, amare, sentire la Vita dentro, non hanno prezzo…

    ondina
    Partecipante
    Post totali: 67

    Grazie cari Fratelli per i vostri pensieri e ricambio di cuore gli auguri di buon novilunio.
    Che questa Luna porti Salute e equilibrio! 🖐🏻🌹

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 452

    Mi è capitata questa bella poesia di Gialal al Din Rumi, poeta sufi persiano vissuto nel XIII secolo…
    Io sono la Luna, dappertutto
    e in nessun luogo.
    Non cercarmi al di fuori;
    abito nella tua stessa vita.
    Ognuno ti chiama verso di sé;
    io ti invito solo dentro te stesso.
    La poesia è la barca
    e il suo significato è il mare.
    Vieni a bordo, subito!
    Lascia che io conduca questa barca!

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 362

    Scorrendo tutti gli ultimi post su ricette, ricordi di piatti particolari ed altre prelibatezze dell’arte gastronomica, mi fanno tornare in mente alcune citazioni, ovviamente a sfondo ermetico del Maestro Kremmerz. Vada a memoria, non mi soffermo nel citare l’opera, ma sono sicuro di quanto ricordo. In un passo, il Maestro ebbe a scrivere che l’Ermetismo si può fare anche gustando le tagliatelle (immaginavo, mentre leggevo, rigorosamente fatte in casa) di “Sora Felicetta”. Molte volte ho riflettuto sul senso riposto di tale affermazione, forse il Maestro può aver sottolineato l’importanza ad esempio della consapevolezza circa la sacralità di tale atto, permette alla Vita di perpetrarsi, meglio se si è perfettamente consapevoli del procedimento che presiede alla nutrizione. Altra massima che mi torna in mente, è la citazione del Maestro circa l’intuizione di Nicola Flamel intento ad osservare la moglie indaffarata in cucina. Mentre la Cuoca di nome Petronilla, non so se pseudonimo da Petra o nome di battesimo, indaffaratissima a stendere la pasta con il mattarello, Lui ad un certo punto afferma: “ora ho tutto capito”. Siccome è passato circa un quarto di secolo dalla prima volta che attenzionai tale massima, negli anni mi sono più volte domandato il significato di questa citazione, e forse, almeno una delle possibili accezioni, mi pare possa annidarsi nell’evidenziare la laboriosità da porre in essere per pervenire, fatica dopo fatica, vita dopo vita, a raffinare una volta di più la Pietra, dapprima grezza poi, man mano….. Così l’ho interpretato!!
    Con l’augurio a tutti di una buona domenica.

    kridom
    Partecipante
    Post totali: 153

    Buongiorno a tutti/e, anche a me piace molto il passo della lettera del M. Kremmerz al prof. Quadrelli in cui l’Aureo Maestro, parlando dell’organizzazione dei circoli, scrive che il caposcuola dovrebbe essere a Roma (invece il Kremmerz era in Francia e c’erano le incursioni fasciste nelle accademie) e si dovrebbero organizzare le cose come facevano le scuole filosofiche greche in cui il maestro conversa con i discepoli con semplicità, senza atteggiamenti artefatti e senza sopraffare i discepoli con l’autoritarismo. In un tale contesto, si può parlare di ermetismo e si può anche sorridere e mangiare le tagliatelle della Sora Felicetta.
    Le cose sono cambiate rispetto a 100 anni fa, infatti il nostro sito e lo stesso forum ci forniscono strumenti in più per essere in contatto con il centro e il tono allegro e scherzoso di certe nostre conversazioni qui mi sembra proprio in linea con lo spirito evocato dal Maestro Kremmerz.
    Buon inizio settimana

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 167

    Mi sembra lo spazio giusto per parlare della risata e dei benefici che apporta alla nostra salute! Faccio un sunto delle info che ho letto su internet…Innanzitutto, come è noto,ridere scatena una tempesta di serotonina, un ormone che dona benessere, buon umore, euforia. Ma le conseguenze di una risata, quindi della su citata serotonina, comprendono anche: maggiore creatività e lucidità nelle decisioni quotidiane, anche nel lavoro. Effetti rilassanti sul sistema nervoso che porta a dormire di più e meglio; si abbassano i valori glicemici nel sangue, la pressione arteriosa si normalizza, aiutando a prevenire problemi al cuore. Aumenta l’aspettativa di vita di almeno 7/8 anni e ovviamente…combatte stanchezza, depressione, disturbi dell’alimentazione e mancanza di desiderio sessuale e stimolerebbe anche l’intestino pigro grazie alle contrazioni che produce a livello di pancia..! Infine,si fa per dire, aumenta la fiducia in se stessi e l’autostima. Insomma, un rimedio formidabile già disponibile dentro di noi, che spesso è sinonimo di salute ritrovata, di speranza, di visione più ampia. Un sorriso comunica,traghetta emozioni tra le persone, in una parola, può sanare. Esistono infatti terapie basate sull’umorismo; spesso usiamo la risata cosiddetta ” nervosa” automaticamente, per stemperare tensioni e clima glaciale….I bambini in salute, sorridono e ridono molto più di noi adulti…perché? Solo perché inconsapevoli? O forse perché,meno sovrastrutturati,si approcciano in modo più immediato e istintivo al corredo terapeutico che ognuno di noi possiede?

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 398

    Anche gli antichi Greci conoscevano il valore della risata basti pensare che è stato grazie ad essa che Demetra, afflitta per la perdita della figlia, supera il suo dolore e sulla terra torna a fiorire la primavera

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 167

    Ah che bello il mito che riporti MRosa! Lo trovo …incoraggiante e anche in tema, visto l’arrivo dell’imminente Primavera!Riflettevo anche sul fatto che poi, ognuno di noi, ha un proprio ” senso dell’umorismo “, ovvero, reagisce a stimoli differenti. Forse per educazione,forse per una “visione “individuale di come dovrebbe andare il mondo…È vero però che con alcune persone si crea un legame immediato da questo punto di vista e basta uno sguardo per…scoppiare in sonore risate! Cosa succede quando si ride ( di pancia!!) lo sappiamo. Il perché, toccando certe corde si reagisca…non saprei dirlo!

    Mercurius3
    Partecipante
    Post totali: 158

    Buongiorno amici!
    Mi hai molto coinvolto Seppiolina col tuo post sulla risata , perche avendo io l’attitutidine, e non l’abitudine che è diverso, alla risata, leggo che bisogna imparare a ridere superando la paura di sembrare strani e uscendo anche dagli schemi ad incanalare dovere e responsabilità in un approccio severo e senza sorriso.. Ridere non fa scomparire il problema, eppure permette di ritrovare uno stato emotivo per una rinnovata energia .
    Purtroppo ho sperimentato, soprattutto nel mio ambiente di lavoro, che spesso si scambia la serietà con il pessimismo e il sorriso con meno serietà. Le persone che non sorridono, o che non sanno sorridere, a mio avviso non sono sempre le piu’ affidabili.
    Lo studio dell’importanza dell’umorismo e della risata sulla salute ha origini lontane, infatti già Ippocrate sosteneva: «Il buonumore equivale a un elisir di lunga vita», ma la terapia del sorriso viene attribuita al giornalista scientifico Norman Cousin, il quale sperimentò su di sé gli effetti terapeutici della risata e il loro potenziale nel favorire il decorso della malattia. Si mette in atto un processo che impatta sulle funzioni ormonali: il corpo agisce sulla mente attraverso una nuova attitudine comportamentale.
    Poi, qui nel soggiorno, se tra argomenti profondi , ci facciamo insieme una motivata e sana risata, credo che sia bonum e iucundum…stringerci in unum
    Vi saluto caramente tutti, con la certezza che l’ aiuto myriamico dara’ una bella accellerata al periodo critico attuale, e io possa ancora e presto darvi il mio ed avere il vostro sorriso!

Stai visualizzando 15 post - dal 976 a 990 (di 1,016 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy