Reply To: Eventi e Segnalazioni

garrulo1
Partecipante
Post totali: 324

Proseguendo nella lettura, si evince che un “timbro è formato da immagini proprie del vissuto della società in cui esse si riflettono”. Il sistema sociale del primo novecento, cominciava ad essere caratterizzato da un lato, da un mercato in rapida espansione che presentava nuove dinamiche tese a diffusione e scambio di beni di consumo, e dall’altro, si inizia ad intravedere un’autentica riscoperta dell’impronta cosmica tipizzata nella figura femminile dotata di specifici attributi. Tra questi, in primis, il Velo (di Natura Divina), che, in estrema sintesi, per essere develato, l’essere umano uomo o donna che sia, deve trascendere i limiti della propria individualità. Inoltre, questo velo, si presenta decisamente gonfio quindi interamente pervaso dall’elemento aria. Nella cultura dell’Antica Mesopotamia, in particolare Sumera, proprio tale elemento presente in Natura aveva la funzione di trait d’union tra l’uomo ed il Cosmo. Se ho compreso bene tale significato, come compare nell’ultima parte del paragrafo 2 (Velificatio), stimola non poco la riflessione il fatto che, l’atteggiamento “venereo ed invitante” della figura femminile presente nel timbro, pare proprio voglia significare “lo spirito attivo della Natura Universale non si dona, ma si lascia dagli attivi attrarre”. Di conseguenza, un primo sintetico ma fondamentale significato di tale immagine, potrebbe proprio essere racchiuso nello stimolo all’essere umano alla mobilità finalizzata al progressivo svelamento del proprio potenziale inespresso quindi incognito proprio perché velato.
Un caro saluto ed un augurio di un buon ferragosto.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy