Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica

Home/Il Forum della Schola/I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica/Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica
m_rosa
Partecipante
Post totali: 558

Mi riferisco al post di wiwa del 9 ottobre. Ho letto un libro, poco tempo fa, che narra in modo romanzato la vita di una donna del XII sec nota come Maria di Francia, le cui origini storiche rimangono a tutt’oggi controverse. Il libro, ambientato in Inghilterra, narra la storia di questa donna, probabile figlia illegittima di re, inviata, in età già adulta, a svolgere la funzione di Badessa in un convento di clausura benedettino in completa decadenza che, grazie al suo spirito indomito, alla sua cultura, alla sua capacità di empatia, riesce a far rinascere a nuova vita. Con coraggio e tenacia e valorizzando le capacità (legate alla terapeutica ma non solo) di ogni singola suora trasforma il convento in una enclave tutta femminile, autosufficiente e scollata dal potere del clero che non sopporta l’indipendenza di spirito e di azione di questo gruppo di donne. Di Maria di Francia rimangono una serie di brevi componimenti poetici che narrano quasi tutti episodi di amor cortese in cui viene esaltato il sentimento di Amore che se vero e fedele, dona le più grandi gioie. Questa lettura mi ha richiamato alla mente Maria l’Ebrea e la dedica a Maria che il Maestro Kremmerz fa come introduzione alla Porta Ermetica e come lo stesso Principio, sotto diverse “maschere” si sia manifestato e si manifesti nella Storia.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy