Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM/Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM
tanaquilla9
Partecipante
Post totali: 752

A suo tempo Admin ci invitò su questo thread a farci due risate sulle tante amenità che circolavano sul web a proposito del Kremmerz e della Sua Schola. Ne riporto il post introduttivo al trhead:
LA DIREZIONE DEL SITO RIPROPONE IL PRIMO POST DI QUESTA DISCUSSIONE PER RICORDARE A TUTTI I NAVIGANTI DA QUALI MOTIVAZIONI SIAMO PARTITI: Di tanto in tanto noi di kremmerz.it ci dilettiamo di autocritica e, a volte prendendoci perfino un po’ in giro, cerchiamo di modificare o correggere imprecisioni o possibili fraintendimenti presenti nel sito allo scopo di migliorarne sempre più la fruibilità a vantaggio dei nostri tanti visitatori interni ed esterni alla Fratellanza miriamica.
Ultimamente, ponendoci come osservatori neutrali, abbiamo concordato sulla possibilità che i nostri utenti possano trovare piuttosto “serioso”, troppo autoreferenziale e conseguentemente noioso, quanto andiamo pubblicando o postando sul Forum, specie se messo a confronto con le varie farse tragicomiche e il gossip sfrenato presenti su noti siti pseudo-kremmerziani o comunque a sfondo esoterico. Anche su YouToube circolano dei video su Kremmerz e la Schola, nonché su varie tematiche di ordine ermetico tradizionale, a dir poco allucinanti sia per i personaggi che ne sono gli autori, sia per i contenuti spropositati, sia per le false notizie spacciate per assurde “verità” ma, in fondo in fondo, così paradossalmente divertenti!
Tutto codesto parterre, pur non intaccando minimamente la nostra opera di informazione seria, disinteressata e di solo bene pro salute populi, è normale che trovi audience in uno spazio, come quello del web, che cerca di catturare consensi massificati e di omologare tendenze e modelli al marketing pubblicitario dei prodotti più in voga, utilizzando ogni mezzo!
Certo, in campo ermetico-iniziatico serio e per chi come noi non promette rapidi risultati evolutivi, materiale segreto a buon mercato, pseudo pratiche da espletarsi in piena anarchia e libertà di comodo, riconoscimenti, avalli e condivisioni su piani culturali o ideologici inconsistenti, né tantomeno fornisce insegnamenti o chiavi operative per mettere a frutto un qualche business a sfondo cultural-esotico-salutistico, non è vita facile sul web!
Pur tuttavia va sottolineato quanto la posizione del sito ufficiale della Schola figuri ai primi posti nei motori di ricerca e quanto questo dato di fatto sia in controtendenza al battage perpetratogli contro, nonché all’assoluta mancanza di sponde che ne avvalorino i contenuti, la trasparenza e la legittimità. Sponde che non mancano invece a quei siti pseudo kremmerziani che si palleggiano, di dritto e di rovescio, immaginarie referenze e altisonanti elogi su testi, articoli, opinioni e quant’altro propinano dai loro pulpiti traballanti quanto obsoleti, fingendo di ignorare persino l’esistenza storica e filologica della tradizione ermetica kremmerziana autentica e del suo contenitore elettivo: la S.P.H.C.I. Fr+ Tm+ di Miriam!
Senza però voler passare dall’autocritica alla critica nei confronti di tutto questo mondo che alla fin fine suscita più ilarità che interesse, la direzione del sito vuol aprire allo spirito ironico e alla satira bonaria che sappiamo caratterizzare e animare la gran parte dei nostri lettori e collaboratori, questo nuovo thread per creare uno spazio più “leggero” e, perché no, per scambiarci opinioni ed esperienze che suscitino la curiosità dei visitatori anche divertendoli, dando così la misura di quanto possa essere, a tutt’oggi, nella Schola Miriamica: BONUM QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM!

A distanza di anni, ci sarebbe ancora da ridere.

Stamattina ho ascoltato una conferenza in streaming del 2020 sul Kremmerz, fatta dai soliti presunti ricercatori. Perché così si qualificano.

I quali pur asserendo che il Maestro è un faro della via di realizzazione, pur mostrando di conoscere riti e processi alchemici della sua Schola, pur individuando una catena iniziatica con a capo l’Ordine Osirideo Egizio, raccomandano ai propri utenti di seguire questa via come meglio credono (???) visto che ognuno ha il maestro dentro di sé e sono da evitare i santini, ossia i Maestri esterni. Il controsenso di voler parlare della Schola fondata dal Kremmerz cui sovrintendono i Maestri, per dire poi che una Schola siffatta non serve, è evidente.

Mi chiedo davvero come persone di buon senso possano dargli credito. Sono talmente chiare le mire contro-iniziatiche volte a permettergli di presentarsi come seri punti di riferimento e, ovviamente, vendere i loro libri e fare i loro affari. E’ talmente verificabile l’incoerenza delle loro ricerche strumentali, costruite a tavolino, cui hanno dovuto aggiustare il tiro di volta in volta; è così palese che si sono serviti della figura magistrale di Giuliano Kremmerz per suscitare interesse, che ci sarebbe da ridere del loro patetico arrampicarsi sugli specchi per “essere qualcuno”. Ma c’è invece da piangere per intere città, come Napoli, tanto amata proprio dal Kremmerz, ora impestata dalle loro bugie.

  • Questa risposta è stata modificata 5 mesi, 3 settimane fa da admin Kremmerz.
  • Questa risposta è stata modificata 5 mesi, 3 settimane fa da admin Kremmerz.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy