Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE/Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home Page Forum Il Forum della Schola LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE Rispondi a: LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

garrulo1
Partecipante
Post totali: 325

Bello il post di Kridom, che ci fa riflettere sempre e comunque sul dilemma dell’Urbe. Concetto legato ai soli segreti della Roma Ideale (amor, punto di partenza, forse per questo “Caput Mundi”), oppure estensibile all’intero italico territorio, a suo modo interconnesso e operante in costante sinergia nel corso dei tempi cioè dei millenni? Se ricordo bene, il Maestro scrisse proprio a proposito di Mamo Rosar Amru – Pontefice di Iside, proveniente dalla Caldea, che ove poggiava un piede con quell’intento, ivi sorgeva un Tempio, ed il nostro territorio è disseminato di resti o di Simboli che testimoniano l’impronta di questa Tradizione. Circa alla metà dell’Ottavo Dialogo, il Maestro Kremmerz così scrive: “Ed insisto sulla latinità della scuola perché ritengo che la teosofia mitologica dell’antica Urbe contenga tutto quanto in maniera confusa si trova disseminato nel Bramanesimo, nel Buddismo, nel Taoismo, nel Confucianesimo e in tutte le religioni dove si vanno a scovare iniziati e protopapassi dell’Occultismo. In Italia, l’ho detto tante volte, non vi è ricchezza di pozzi di petrolio o di miniere di carbon fossile, però vi è immensa dovizia di pensatori e discepoli dell’Occultismo, come si è chiamato l’insieme di conoscenze riguardanti il mondo segreto che è in noi, libro chiuso ai profani ed ai mercanti di parole”. In un altro scritto presente all’interno della Medicina Dei, il Maestro puntualizzava: ”Il Lazio a latendo perciò nel secreto linguaggio dell’Urbe, il Latium è il nascondiglio del nume”. Forse, non proprio per caso, e forse in ragione alla grandezza della Genia Italica a cui il Maestro in più scritti ha fatto riferimento, ampiamente inclusiva di “quell’immensa dovizia di pensatori” sopramenzionati, è stato un pool di ricercatori italiani che già agli inizi di febbraio 2020, guarda caso a Roma presso l’Ospedale Lazzaro Spallanzani, riuscì ad isolare il virus “Covid-19” per certi versi ancora sconosciuto, e proprio in questo Presidio Ospedaliero alla fine di agosto, è cominciata la fase sperimentale sulle persone di un vaccino prodotto e brevettato da una società biotecnologica anche questa italiana.
Concordo appieno con Guglielmo Tell nell’ottica di una particolare attenzione soggettiva a tenere in buona forma il sistema immunitario, quindi adeguati apporti vitaminici come menzionato, per quanto possibile tenere sotto controllo i picchi di stress psicofisico, un tutt’uno, l’ormone dello stress (cortisolo), è sempre in agguato e pronto a fare il suo lavoro, ma sono i ritmi della vita moderna che tendono a farcelo iperattivare, e qui cominciano i guai. Poi ancora adeguata alimentazione e perché no, ambiente sano dentro e fuori di noi. Chiaro, è uno sforzo di conoscenza e consapevolezza, ma specialmente in un momento come questo, vale la pena di investire su questo fronte.
Un abbraccio ed una buona domenica sera a tutti i naviganti, dentro ma anche fuori “dall’Urbe”.
Ancora un caro saluto.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy