Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

mandragola11
Partecipante
Post totali: 313

Anche un buon cibo è terapeutico e ci fa star bene! Personalmente è ancor più gradito se è legato alla tradizione contadina. In questo periodo autunnale di vendemmia è un buon momento per festeggiare la trasformazione dei frutti della terra, infatti in Toscana frumento e uva sono celebrati con la preparazione di ottime ‘covacce’, o ‘ciacce’, cioè focacce guarnite di uva fragola, zucchero semolato e olio, secondo tradizioni che si perdono nella notte dei tempi e che ricordano, oltre ai culti a Pan e a Bacco, le tipiche focacce degli aruspici raffigurate negli specchi etruschi.
A proposito di pane, è anche particolare in Sardegna la tradizione dei pani definiti rituali che le donne preparano in vari momenti dell’anno, talmente belli da essere esposti nei musei. Ogni mano femminile, testimone della trasformazione di una materia così prodiga di nutrimento, mentre conferisce a questi pani la sua impronta e specificità è unita alle altre da un filo conduttore: l’arte di conservazione del lievito madre, il ‘frementarzu’ e ‘sa matriche’, parole che mi sembrano richiamare ‘fermento’ e ‘matrice’, come pure il toscano ‘covaccia’ richiama il ‘covare’ dell’impasto in lievitazione.A chi vuole provare a farle, buon appetito!

P.s. A proposito di tradizione sarda, che buoni i dolcetti fatti in casa portati da un nostro caro Fratello dalla Sardegna a una Riunione accademiale!

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy