Reply To: Medicina tradizionale: la Lunazione di marzo

Home Page Forum Il Forum della Schola Circulus animarum orantium Medicina tradizionale: la Lunazione di marzo Reply To: Medicina tradizionale: la Lunazione di marzo

Anonimo
Inattivo
Post totali: 307

Ci pervengono a cura di un Fratello medico che ringraziamo per la collaborazione, le seguenti integrazioni e osservazioni sulla Lunazione del mese di marzo.

GRASSO DI PESCE E GRASSO DI SERPENTE

Entrambe queste sostanze sono ricche di acidi grassi insaturi.
La migliore fonte di olio sono i pesci grassi come il salmone, l’aringa e lo sgombro e l’assunzione giornaliera dovrebbe essere di 250 gr. ( mentre la stessa quantità viene fornita da 600 gr. di pesce bianco come merluzzo o platessa ). In realtà è più pratico assumere integratori a base di olio di pesce, ricchi di omega 3 che non sarebbero utili solo nella prevenzione delle malattie cardiache, ma anche nel migliorare l’acuità visiva, la funzione cognitiva, e nel contrastare la demenza. Allo stesso modo riducono l’infiammazione generale dell’organismo (causa di numerose malattie) e, forse, anche alcuni tipi di cancro, come quello del colon.
Uno degli acidi grassi più attivo e utile pare sia il DHA, che è ritenuto uno dei più indicati per la salute umana.
La scienza ufficiale ritiene che il contenuto di EPA (acido eicosapentaenoico ) e DHA (acido docosaesaenoico ) nei tessuti del cuore e nel sangue sia importante per la salute e per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Per soddisfare le attuali raccomandazioni per la prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari, si consiglia alle persone di consumare 200-300 milligrammi di combinato EPA e DHA al giorno.
Se si è affetti da osteoartrite, la cartilagine all’interno delle articolazioni viene progressivamente danneggiata, e il liquido sinoviale che mantiene le articolazioni lubrificate è generalmente ridotto.
Il dolore e la rigidità articolare che si sente è il risultato delle ossa che cominciano a entrare in contatto l’una con l’altra perchè la cartilagine e il liquido sinoviale si riducono e, se non si interviene tempestivamente, i fastidi possono progressivamente peggiorare fino a quando non si riescono più a svolgere le normali attività quotidiane.
L’organismo umano è perfettamente in grado di ricostruire la cartilagine e il liquido sinoviale, ma per farlo è necessario che vi sia una corretta assunzione di grassi omega-3.
I grassi omega-3, sono una componente alimentare essenziale della quale il corpo ha bisogno per ridurre l’infiammazione, mentre la glucosamina può aiutare a ricostruire sia la cartilagine che il liquido sinoviale.
La glucosamina e la condroitina (due prodotti animali commercializzati come integratori alimentari) possono contribuire ad alleviare i sintomi dell’osteoartrite.
Recenti ricerche, tuttavia, indicano un modo per aumentare in maniera significativa i benefici della glucosamina – combinata con grassi omega-3. Sembra che si ottenga maggior sollievo dal dolore, quando vengono usati insieme. Agli Omega-3 sono ampiamente riconosciute le specifiche proprietà anti-infiammatorie.
La glucosamina è un precursore di glicosaminoglicani, che è un costituente importante della cartilagine articolare, e questo spiega perché possa aiutare a prevenire la degenerazione della cartilagine che si verifica con l’osteoartrite.
Gli omega-3, in combinazione con la glucosamina potrebbero essere utili per tanti pazienti.

Il termine “olio di serpente” è così fortemente associato alle ciarlatanerie, ai truffatori e alle frodi, che le reali origini del prodotto vengono spesso ignorate. In Cina, dove è conosciuto come shéyóu, l’olio di serpente fu ed è ancora considerato un rimedio rispettabile per artrite, borsite e altri tipi di infiammazione e dolori alle articolazioni; i nativi americani usarono il grasso dei serpenti a sonagli per scopi molto simili. Si usò dire che persino gli antichi egiziani usarono i grassi del serpente in alcuni dei loro medicinali. Creato appunto dai grassi e dagli oli del serpente d’acqua cinese, l’olio di serpente ha una maggiore quantità di acido timnodonico (una forma di omega-3, la sostanza che si può trovare in oli di pesce come l’olio di salmone, e nel latte del seno umano) di qualsiasi altra fonte conosciuta.
In Malesia si userebbe il grasso del Boa (Boa constrictor L.) in varie circostanze, specialmente nei dolori reumatici.

Nell’antichità la caduta o l’incanutimento dei capelli erano considerati una vera e propria malattia, in quanto solo i sacerdoti e i bambini portavano i capelli rasati come simbolo di purezza. L’uso di tinture per i capelli e parrucche in epoca egizia testimonia la cura che le popolazioni antiche avevano per i capelli e la loro salute. Tra i medicamenti indicati dai papiri egizi è incluso il grasso di serpente come quello di altri animali applicato direttamente sul cuoio capelluto per ridurre la caduta e sanare un capello sfibrato. L’assunzione di olio di pesce, ricco di acidi grassi insaturi, è invece oggi consigliata per contrastare malattie come il prurito del cuoio capelluto, la dermatite seborroica e la psoriasi.

MEDICAMENTI DI ORIGINE METALLICA

Esistono in omeopatia numerosi medicamenti ottenuti dalla diluizione e dalla dinamizzazione dei metalli ( piombo, argento, alluminio, ferro, oro, rame, mercurio, ecc.).
Vanno considerati originati da metalli anche gli oligoelementi ( Oro, Rame, Argento, Alluminio, ecc.).

ORZO
L’orzo è composto per il 12% da acqua, 10% da proteine, 65% da carboidrati, 12% da proteine, ceneri, zuccheri e grassi; discreta la presenza di minerali tra cui citiamo il ferro, il potassio, il magnesio, lo zinco, il calcio, il sodio ed il fosforo.

Sul fronte delle vitamine presente la vitamina A, molte del gruppo B ( B1, B2, B3, B5, B6 ) e, in minima percentuale, la vitamina E.
Discreta la lista degli aminoacidi: acido glutammico, acido aspartico, alanina, arginina, glicina, leucina, prolina, serina, triptofano, valina e tirosina.
L’orzo, come molti altri cereali contiene glutine e non è pertanto un alimento indicato per chi soffre di celiachia.
E’ interessante ricordare come l’orzo contenga acido silicico, che ha un’azione protettiva su unghie e capelli, che per le sue ricche proprietà nutritive ha un’azione rimineralizzante sulle ossa e che per il suo contenuto in fosforo svolge un’azione di protezione sulle funzioni mnesiche.
Il decotto di orzo viene utilizzato per gargarismi contro le infiammazioni orali così come le caramelle a base di orzo.
Tra le qualità di orzo che si trovano in commercio (mondo, perlato e integrale) andrebbe preferita quella integrale perchè conserva la maggiore quantità di sostanze nutritive.

CONCLUSIONI

Dallo studio dei rimedi consigliati dalla lunazione, si evince un’attenzione particolare alle patologie infiammatorie delle articolazioni e del cuoio capelluto che vengono contrastate in questa luna da sostanze di origine animale contenenti acidi grassi insaturi e dalle sostanze nutrienti contenute nell’orzo.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy