Reply To: Il Tempo, lo Spazio e l’Eternità dell’Essere in Ermetismo

Home/Il Forum della Schola/Giuliano Kremmerz/Il Tempo, lo Spazio e l’Eternità dell’Essere in Ermetismo/Reply To: Il Tempo, lo Spazio e l’Eternità dell’Essere in Ermetismo

Home Page Forum Il Forum della Schola Giuliano Kremmerz Il Tempo, lo Spazio e l’Eternità dell’Essere in Ermetismo Reply To: Il Tempo, lo Spazio e l’Eternità dell’Essere in Ermetismo

admin Kremmerz
Amministratore del forum
Post totali: 839

“Il viaggio per l’Eternità è un continuo embrionato che prepara continue nascite per lunghe serie di mondi” – Così scriveva Kremmerz e suqueste parole mi sono soffermata stamane considerando che, nella nostra testa, si sviluppano canali particolari che prescindono dalla misura del tempo. Così, quando torniamo nei posti dove ci rechiamo ogni anno, è come se una linea immaginaria congiungesse i punti costruendo una vita parallela fatta di luglio infiniti: i bambini appaiono più alti, qualche strada più fiorita dell’anno precedente, forse c’è una casa che prima non c’era…; ma è esperienza di tutti che i luoghi in cui si torna aggancino istantaneamente il tempo che ad essi abbiamo legato e sembra di non essere mai partiti da quella spiaggia, da quel prato, da quella vallata, anche se è passato un anno.
Si può quindi osservare che la fissazione in noi di una memoria spaziale produce anche una memoria temporale e che l’una si trascina appresso l’altra dando la percezione di una continuità senza soluzione.
Lo stesso avviene per il tempo sacro.
Quel soffio di esistenza che dedichiamo al contatto profondo con l’Intelligenza della Natura e alla comunicazione col creato (… il Sole… la Luna…la Forza …l’Intelligenza…il Bene… l’Amore… ), nel ripetersi quotidiano genera un canale della mente che a sua volta astrae dalla corrente comune lo spazio sacro del moto mentale senza dimensioni.
– “Alla purità di ogni coscienza è concessa per integrazione la libertà oltre i limiti dei relativi tempo e spazio” … –
Bello sarebbe giungere a un tale grado di purità da separare definitamente i luoghi del pensiero, così da distinguervi il luogo della “vacanza” da quello dello delle gravi e meccaniche necessità personali e famigliari, il continuum di uno stato divenuto stanza della mente e estate della nostra intelligenza profonda.
“L’ispirazione..ritorcimento dello spirito in sé… termine divino nella incarnazione umana… ultima evoluzione del mentale”.
Se al corpo è possibile tornare alla località di villeggiatura e sentirsi come se non si fosse mai partiti, deve essere possibile tornare alla nostra Causa prima, come se non ce ne fossimo mai allontanati.
Original author: catulla

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy