Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM/Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM
seppiolina74
Partecipante
Post totali: 160

Carissima Mercurius, quando hai parlato del fatto che bisogna superare la paura di sembrare strani e uscire fuori dagli schemi, mi è subito venuta in mente l’immagine del Matto,il primo ( o l’ultimo?) dei Tarocchi. È l’unico personaggio che balla e suona e ride!Credo rappresenti, tra le altre cose, la spensieratezza, l’assenza di regole, la fanciullezza…Qualcuno ne sa un po di più di questo enigmatico Tarocco? Per esperienza personale posso senz’altro dire che l’aver fatto una battuta e una risata al momento giusto, mi ha letteralmente salvata dalle cattive intenzioni di chi avevo davanti e dunque, aiuta. Aiuta in tanti modi, così come aiuta un atteggiamento in generale più aperto, elastico, positivo.Vorrei salutarvi col bellissimo ricordo dei sorrisi e delle sonore risate che spesso hanno accompagnato le nostre riunioni accademiali, gli incontri congiunti e l’appuntamento annuale dell’Agape…I calici alzati, i brindisi, il volerci sentire uniti in Miriam!

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy