Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM/Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM
Mercurius3
Partecipante
Post totali: 139

Trovo molto intrigante questo percorso sul cibo tra i naviganti, perché il cibo è un argomento vicino all’amore, unico nutrimento davvero fondamentale, e come tale implica il coinvolgimento sei sensi interni ed esterni, nonché la propria mente, col corpo e le emozioni . Domande interessanti sul mangiare sono sempre state: perchè mangio, quando mangio, cosa mangio, dove, con chi. E le risposte sono ancora piu interessanti perchè rivelano molto della personalità, dello stile di vita, forse del grado evolutivo.
Bella la definizione anche che i cibi vanno accolti e non divorati e che esistono tre tipi di bocconi: Il boccone sobrietà , quando ci si allontana dalla tavola con un residuo di appetito; il boccone sazietà, quando la misura del cibo la sentiamo sufficiente; il boccone golosità, quello che prepara alle malattie future, col beneficio dei medici e delle medicine!
Qual è il vostro boccone?
Ho letto la ricetta dei carciofi, che conosco , ma Tanaquilla l’ ha meglio dettagliata e l’ha scritta da far venire voglia di elaborazione, più sofisticata è quella di kridom , nel Sud la zucca non è molto utilizzata, almeno in Puglia. Vorrà dire che la preparerai tu e a buon vederci ce la farai assaggiare!Ecce quam bonum…
Ne propongo una con le rape, verdura che in questi giorni è talmente abbondante da costare veramente poco, per cui se ne fa un uso frequente
Cuocere le rape, dopo averle lavate e tagliate in modo molto fine, la cottura è di quindici minuti. Far raffreddare ,indi, impastarle con le mani, togliendo il piu’ possibile l’acqua accumulata, unendo sale, pangrattato , po’ di grana, pepe o peperoncino, aglio . Formare delle palline o forme allungate, di misura a piacere, rotolandole nel pan grattato, predisporle in una terrina con fiocchi di burro ed infornare per 20 minuti.
Senza uova e non fritte g-b, non dovrebbero creare tanti danni dietetici…
Sono buone come piatto unico accompagnate da finocchi freschi che dovrebbero dare sazietà , senza ricorrere a carboidrati.
Visto che la zona arancione non consente tante camminate a cuore aperto, i bocconi sobrietà ci dovrebbero aiutare a restare in buona salute…proviamoci!

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy