Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA

garrulo1
Partecipante
Post totali: 325

Verissimo che in Natura tutti gli animali hanno necessità del sonno. Il rifornimento delle energie spese è di carattere magnetico, ma a terra dormono solo le specie all’apice della catena alimentare in ogni determinato territorio in cui interagiscono famiglie e specie diverse. Le altre ricorrono ad indici di sicurezza studiati “ad arte”, ad esempio i fagiani passano tutta la loro attività di veglia a terra, ma poi dormono sugli alberi, per evitare tassi, volpi e felini vari. Sarebbe interessante comprendere fino a che punto possano essere complessi i sogni, sicuramente di pertinenza dei mammiferi più evoluti, tutti abbiamo notato i cani che durante il sonno “vagheggiano” nelle espressioni del muso, “parlano” nel sonno e così via, ma mi domando ragionando sulla scala zoografica da dove inizi l’elaborazione del vissuto nel sonno, e da quale area del cervello dipenda nelle specie da noi più lontane.
Con questo dilemma, magari da approfondire se possibile, auguro una buona domenica a tutti i naviganti.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy