Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA/Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA Rispondi a: NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA

Fleurdelys
Partecipante
Post totali: 25

A proposito del post di wiwa70 dell’10 scorso, i batteri responsabili della produzione di piccole pepite di oro sono in realtà due: il Cupriavidus metallidurans e il Delftia acidovorans. Essi si differenziano essenzialmente perché il primo inattiva l’oro all’interno del citoplasma cellulare e l’altro all’esterno, prima ancora che vi penetri. Dal secondo batterio è stata estratta una proteina, la delfibactina, di cui è stata individuata la sequenza genica che ne codifica la sintesi. La delfibactina consente al microrganismo di far precipitare l’oro al suo esterno, formando così una preziosa corazza cellulare. Inutile dire che negli ultimi decenni sono stati studiati numerosi metodi per utilizzare questa prerogativa del batterio per la purificazione di ambienti naturali inquinati soprattutto dall’industria mineraria e perfino per recuperare, da strumenti elettronici di ogni genere, il loro contenuto in oro con la tecnica del “biomining” che ne permetterà anche il riciclo: a questo proposito la Apple sta avviando una fase di riciclo dei minerali componenti i suoi dispositivi!
Questo lo stato della ricerca scientifica. Dal nostro punto di vista, la scoperta divulgata permette di fare alcune considerazioni. Innanzi tutto viene ribadita ulteriormente l’unità della Materia e la versatilità degli elementi costituenti la Materia stessa, che possono transitare dal regno minerale a quello vegetale sino a quello animale. Si deduce anche,come diceva nel suo post gelsomino, che non esiste una tossicità assoluta di nessuna sostanza, i metalli in questo caso, perché alcune specie viventi non solo ne tollerano la presenza ma sono addirittura legati ad essa per la sopravvivenza. Materia organica e materia inorganica sono separate solo in apparenza e vivono della stessa Vita.Tutto ciò che vive è interconnesso perché legato alla Matrice unica da cui origina. E’ interessante notare come queste osservazioni si incrocino con quelle che ha postato catulla 2008 nel forum sulle nuove frontiere della medicina l’11 scorso.
Un abbraccio a tutti.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy