wiwa70

Home/Forum/wiwa70

Risposte al Forum Create

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 190 totali)
  • Autore
    Articoli
  • wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    Caro Bell è davvero interessante la domanda che poni sugli organi di senso che ,a suo tempo, mi sembra,fosse stato trattato sul nostro Sito e si conferma il fatto che rimane un argomento di grande attualità. Mi ha colpito l’immagine dell’ occhio ,come possibile organo di senso più simile all’udito, a costituire quasi ‘una bussola’per orientarsi e non solo per guardare come normalmente si pensa e quindi l orientamento e l equilibrio potrebbero essere considerati a pieno titolo,anche essi, organi di senso? Chissà se il famigerato ‘terzo occhio’ tanto enfatizzato ,sarebbe quindi una funzione biologica e organica ben precisa e riconosciuta grazie alla presenza di una proteina e quindi patrimonio di tutti… ognuno al proprio livello s intende!??! Un caro saluto a tutti

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    Molto interessante la differenza tra immunizzazione passiva e attiva che non conoscevo, grazie Buteo! È la dimostrazione ennesima che essere attivi (anche biologicamente) piuttosto che passivi conviene a tutti i livelli! Intervistando Ricciardi dell’OMS sulla RAI,dicevano che il vaccino sarà pronto già nel 2021 e quindi in tempi record,in quanto normalmente s impiegano non meno di 5/7 anni per sperimentarlo sull uomo, cosa che negli USA pare stia già accadendo e mi domando se tutta questa fretta non porterà ad un esito superficiale e a risultati poco sicuri per un eventuale prossimo vaccino….se invece così non sarà lo aspetteremo a braccia aperte naturalmente, anche perché credo ,personalmente ,che sia l unica vera soluzione per uscire da tutta questa precarietà e di contro, non mi sembra plausibile o credibile né la teoria che questo virus passerà da solo né dell’immunità di gregge visto che è talmente cangiante e mutevole che se non è questo ne arriverà sicuramente un altro simile …un parente o cugino e affini considerando che il coronavirus è un ceppo ,una grande famiglia, non un virus singolo …se non sbaglio!!??

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    Sempre molto ricco questo spazio di ascolto in stimoli e suggestioni di parole poetiche che diventano preghiera (Inno alla Dea) fino alle immagini così emozionanti del video dell’artista sulla spiaggia…mi ha colpito il processo creativo dell’artista(così come in arteterapia) che non determina il risultato finale già dall’inizio, secondo una sorta di schematismo mentale precostituito ,ma mettendosi in ascolto di sé, in contatto empatico con la Natura circostante , arriverà ad un risultato finale mai scontato , che lui stesso non è subito in grado di delineare,aperto a molteplici possibilità nella definizione di una forma mai finita davvero, quasi a sorprendere se stesso, senza la pretesa di essere il detentore dell’opera ma solo un canale di comunicazione tra cielo e terra, diventando lui stesso materiale da trasformare attraverso l’opera,adoperando il materiale che la Natura gli fornisce in dono, grazie ad un dialogo silenzioso con Essa. Tutto questo mi ha richiamato l immagine dell’embriogenesi e della formazione del feto nell’utero materno…alla fine della gestazione il bambino sarà completo, ci si augura , tuttavia mai finito nelle curve plastiche di linee fluide dei suoi organi ancora disposte ad essere plasmate nel percorso vitae e sempre in divenire per formare qualcosa di mai uguale o già visto! Davvero una bella emozione … Grazie! Un caro saluto a tutti

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    In questi tempi così particolari, ci si rende conto sempre più dell’importanza dell’esistenza di una Schola Fratellanza Terapeutico Magica di Miriam che persegue, grazie all opera instancabile dei suoi Maestri, l’Idea e un Progetto Uni-versali di Amore e Bene, Luce e Salute,andando al di là di ogni contingenza particolare, contingenza che col passare del tempo,va assumendo sempre minore significato. Grazie, dunque, al Maestro Kremmerz per l’immensa opportunità che ci ha donato e a tutti i Maestri che hanno continuato la sua opera preziosissima senza la quale molto probabilmente non saremmo oggi qui, nella condivisione di un percorso fraterno di crescita e ascenso. W la Miriam

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    Caro Garrulo, ti ringrazio per le tue info così interessanti e anche della precisazione sull’identità della Dea Atena(Minerva) che,come ho ritrovato, secondo alcune leggende ,sembrerebbe essere sorella di Artemide, quest’ultima equiparata alla Diana Italica. Buona serata a tutti e un caro abbraccio

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    L’ascolto dei vostri racconti sul volo degli uccelli,mi ha donato molta leggerezza in tutta questa gravitas del momento e mi è venuto da pensare che il volo è da sempre il sogno proibito dell’uomo (vedi Icaro!!!) così come da poco ho imparato la capacità dei volatili di sognare al pari dei mammiferi. Il mio animale totemico ,se mai ne avessi avuto uno,è la civetta: da piccola ero convinta che i gatti, i miei compagni di gioco adorati e preferiti, all’imbrunire, si facessero spuntare le ali, trasformandosi in gufi o civette, e a nulla valevano i discorsi dei grandi che cercavano di convincermi del contrario….i loro occhi scintillanti capaci di penetrare il buio, la loro comune capacità di ruotare la testa, la loro grande abilità di cacciatori notturni… tutto concorreva al mio convincimento, ritenendomi depositaria di un segreto che avrei custodito dentro di me per sempre! Che gioia quando me ne fu regalata una ( ahimè di peluche) da cui non mi separavo mai! Molto tempo dopo, studiando la mitologia, ho scoperto essere l animale sacro ad Artemide, Dea della conoscenza, della lotta per giusta causa ecc. Ma in uno dei viaggi in Grecia (Peloponneso)e Turchia (Efeso), ho ascoltato le leggende locali narrare che Artemide è considerata Dea delle partorienti( infatti Artemide è nome molto comune tra le bambine) in quanto quando la Dea nacque, si dice avesse aiutato sua madre a partorire suo fratello Marte! Un viaggio magnifico in una terra indimenticabile.. peccato che vendessero i ciondoli con gli occhi di civetta ad ogni angolo di strada come banale portafortuna…per me invece questo bellissimo animale ha mantenuto sempre integro il suo mistero, e la sua meravigliosa magia! Un caro saluto a tutti

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190
    in risposta a: Novilunio ed eclissi #21938

    Mi unisco virtualmente al vostro brindisi,care Sorelle, sulle sapienti parole del Maestro J Aniel e leggevo sul sito che nei giorni del 6 e 7 maggio sono previsti sciami meteoritici dell’età Acquaride… chissà se anche questo è un indizio…avevo sentito dire, ma non ne capisco nulla, che l Umanità entrando nell’ Era dell’Acquario, aveva l opportunità di’ fare un salto’ in consapevolezza e, certamente,il momento che stiamo vivendo potrebbe rappresentare una conferma di questo?? Questo periodo così particolare ,volenti o nolenti , porterà necessariamente un cambiamento e nonostante la fatica di tutta questa fase, non vedo l’ora che ciò accada, poiché non mi sembra poi così una buona idea tornare a ciò che prima eravamo!! Non credete? Intanto ho buttato l’occhio sul calendario che recita:” Nell’anno bisesto né baco, né moglie né innesto”… sui primi due,poco male, ma sull ultimo ci avevamo contato in più di uno.. pazienza!! Speriamo in bene e buona luna nuova a tutti un caro saluto

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    https://www.repubblica.it/tecnologia/2020/04/06/news/coronavirus_la_sua_struttura_tradotta_in_musica-253288442/
    Segnalo a tutti i cari naviganti questo articolo che mi ha molto incuriosito e interessato. Buona serata a tutti

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    Che bella immagine quella portata da Tanaquilla sulle prerogarive del fuoco che catalizza le energie e intensifica la comunicazione di elementi ‘in simpatia’ tra loro! E immaginarmi di essere lì con voi, accanto al Maestro, l ho percepito così vero che mi ha portato calore, entusiasmo e Vitalità…. grazie!

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    Molto bella la poesia a Pane! A proposito di pane, in un bel documentario su reti nazionali,condotto da un noto ricercatore del CNR,in cui un neurobiologo parlava della grande intelligenza potenziale del mondo vegetale,in termini di recettività, sensibilità e adattamento, in grado di sopravvivere di gran lunga all’Umanità, è stata tracciata la ‘storia d’Amore’ tra l’Uomo e il grano fin dai tempi dell’Homo Sapiens, quando l’Uomo, da cacciatore diventò coltivatore:inizialmente raccoglieva i chicchi uno per uno con le mani ma andavano dispersi quasi tutti, in quanto debolmente rinsaldati al fusto e ciò rendeva dispersivo e oggi diremmo anti-produttivo utilizzarlo; ad un tratto è avvenuta una mutazione genetica spontanea per cui i chicchi spontaneamente si sono rinsaldati alla spiga semplicemente creando una membrana apposita. Questo ha permesso all’Uomo di cambiare tecnica di raccolta e di mietere la pianta direttamente dal fusto(mietitura), utilizzando a pieno tutti i semi! Questo comportamento dativo e donativo della Natura nei confronti dell’Uomo,non vi ricorda proprio quello del mito di Tagete, il Dio Bambino, venuto fuori dalla zolla di terra che insegna i segreti dell’agricoltura all’Umanità? Mi sono chiesta, inoltre, qualora la sollecitazione dell’Uomo sulla Natura, non fosse stata in positivo,come in questo caso, ma in negativo, diventando forzatura e prevaricazione, si potrebbe ipotizzare che la Natura, come qualsiasi altro Essere Vivente e Vivo, dotato di un sistema immunitario proprio, non potesse mettere in atto un’azione di difesa, per riequilibrare e risanare ciò che non sente sintonico con Sè stessa…magari attraverso calamità naturali come terremoti, tsunami, e non ultimo le pandemie? Nel frattempo, una notizia singolare e curiosa in tal senso arriva dalla Bolivia, la quale ha radicato molto forte il culto della Pacha Mama(Dea madre) che riconosce legalmente per la prima volta la Madre Natura come un Essere Vivo, ‘concedendole’ 11 diritti legali grazie ad una legge di sviluppo integrale per vivere bene ed in equilibrio con Essa. Tra i diritti riconosciuti alla Natura in questa legge ci sono: il diritto alla Vita, in quanto senza di Essa c’è danno e non c’è Umanità e, ancora, il diritto a continuare i propri cicli vitali, compromessi spesso dalle attività umane; diritto all’equilibrio degli ecosistemi e delle comunità umane; all’aria, all’acqua pura e a non avere la sua struttura cellulare contaminata e alterata, riconoscendo le risorse di un territorio come “benedizioni”. Chi danneggia è obbligato a ripristinare e/o riabilitare integralmente il danno accidentale e/o intenzionale commesso, riavvicinandosi alle condizioni preesistenti al danno, al fine di stabilire “una visione e fondamenti di sviluppo integrale in armonia ed equilibrio con la Madre Terra, per garantire la continuità della capacità di rigenerazione dei componenti della Terra e dei Sistemi di Vita”.

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    Brano tratto dal Libro Rosso di Jung –
    “Capitano, il mozzo è preoccupato e molto agitato per la quarantena che ci hanno imposto al porto. Potete parlarci voi?”
    “Cosa vi turba, ragazzo? Non avete abbastanza cibo? Non dormite abbastanza?”
    “Non è questo, Capitano, non sopporto di non poter scendere a terra, di non poter abbracciare i miei cari”.
    “E se vi facessero scendere e foste contagioso, sopportereste la colpa di infettare qualcuno che non può reggere la malattia?”
    “Non me lo perdonerei mai, anche se per me l’hanno inventata questa peste!”
    “Può darsi, ma se così non fosse?”
    “Ho capito quel che volete dire, ma mi sento privato della libertà, Capitano, mi hanno privato di qualcosa”.
    “E voi privatevi di ancor più cose, ragazzo”.
    “Mi prendete in giro?”
    “Affatto… Se vi fate privare di qualcosa senza rispondere adeguatamente avete perso”.
    “Quindi, secondo voi, se mi tolgono qualcosa, per vincere devo togliermene altre da solo?”
    “Certo. Io lo feci nella quarantena di sette anni fa”.
    “E di cosa vi privaste?”
    “Dovevo attendere più di venti giorni sulla nave. Erano mesi che aspettavo di far porto e di godermi un po’ di primavera a terra. Ci fu un’epidemia. A Port April ci vietarono di scendere. I primi giorni furono duri. Mi sentivo come voi. Poi iniziai a rispondere a quelle imposizioni non usando la logica. Sapevo che dopo ventuno giorni di un comportamento si crea un’abitudine, e invece di lamentarmi e crearne di terribili, iniziai a comportarmi in modo diverso da tutti gli altri. Prima iniziai a riflettere su chi, di privazioni, ne ha molte e per tutti i giorni della sua miserabile vita, per entrare nella giusta ottica, poi mi adoperai per vincere.
    Cominciai con il cibo. Mi imposi di mangiare la metà di quanto mangiassi normalmente, poi iniziai a selezionare dei cibi più facilmente digeribili, che non sovraccaricassero il mio corpo. Passai a nutrirmi di cibi che, per tradizione, contribuivano a far stare l’uomo in salute.
    Il passo successivo fu di unire a questo una depurazione di malsani pensieri, di averne sempre di più elevati e nobili. Mi imposi di leggere almeno una pagina al giorno di un libro su un argomento che non conoscevo. Mi imposi di fare esercizi fisici sul ponte all’alba. Un vecchio indiano mi aveva detto,anni prima, che il corpo si potenzia trattenendo il respiro. Mi imposi di fare delle profonde respirazioni ogni mattina. Credo che i miei polmoni non abbiano mai raggiunto una tale forza. La sera era l’ora delle preghiere, l’ora di ringraziare una qualche entità che tutto regola, per non avermi dato il destino di avere privazioni serie per tutta la mia vita.
    Sempre l’indiano mi consigliò, anni prima, di prendere l’abitudine di immaginare della luce entrarmi dentro e rendermi più forte. Poteva funzionare anche per quei cari che mi erano lontani, e così, anche questa pratica, fece la comparsa in ogni giorno che passai sulla nave.
    Invece di pensare a tutto ciò che non potevo fare, pensai a ciò che avrei fatto una volta sceso. Vedevo le scene ogni giorno, le vivevo intensamente e mi godevo l’attesa. Tutto ciò che si può avere subito non è mai interessante. L’ attesa serve a sublimare il desiderio, a renderlo più potente.
    Mi ero privato di cibi succulenti, di tante bottiglie di rum, di bestemmie ed imprecazioni da elencare davanti al resto dell’equipaggio. Mi ero privato di giocare a carte, di dormire molto, di oziare, di pensare solo a ciò di cui mi stavano privando”.
    “Come andò a finire, Capitano?”
    “Acquisii tutte quelle abitudini nuove, ragazzo. Mi fecero scendere dopo molto più tempo del previsto”.
    “Vi privarono anche della primavera, ordunque?”
    “Sì, quell’anno mi privarono della primavera, e di tante altre cose, ma io ero fiorito ugualmente, mi ero portato la primavera dentro, e nessuno avrebbe potuto rubarmela piu”.

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    Ringrazio anch’io Buteo, condividendo il buon senso italico che ci contraddistingue e ci suggerisce che in una situazione di emergenza così grave, quelle che potevano essere misure preventive da adottare in uno stato normale delle cose, oggi non sarebbe più né realistico né utile …. sarebbe come voler spegnere l incendio di una grande foresta con una pistola ad acqua per bambini! Oggi hanno bisogno di ossigeno: ho ascoltato l intervista ad un farmacista di Bergamo che ha riportato la situazione attuale, e che non riescono a fare fronte alle numerose richieste di bombole per gli ammalati lasciati a casa che stanno morendo soffocati e abbiamo bisogno di medici che sono allo stremo e oltretutto vengono contagiati ogni giorno…e intanto il mostro si avvicina e una famiglia intera di amici è stata decimata nel giro di una settimana senza neanche avere la possibilità di rendere loro l ultimo saluto … A tutti voi medici va il mio pensiero,oltre che ai sofferenti,i quali rappresentate un grande esempio di coerenza e responsabilità civili. Un caro saluto a tutti

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    Care naviganti,comprendo molto bene l esigenza di mantenere costante il peso corporeo e per ovviare a questa necessità, mi sono ‘buttata’ su un altro tipo di nutrimento: la cultura …in questi giorni infatti grazie alla campagna # iorestoacasa tutti i musei hanno dato la disponibilità ad aprire on line le proprie sale ricche di ogni preziosità artistica a beneficio di tutti i visitatori virtuali; è sufficiente avere un PC, tablet o smartphone. Oggi ad esempio la Repubblica ha ricordato che è possibile vedere tutta la mostra e documentazione su Frida Kahlo e credo proprio che ne approfitterò! Buon pomeriggio a tutti

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    Davvero illuminante il video postato da Mag sull’ utilizzo dell’ozonoterapia contro le epidemie che risulterebbe davvero utile per fronteggiare nell’immediato l emergenza in corso e che suscita un milione di domande ma ne farò solo due: perché non utilizziamo almeno quello che la scienza ufficiale e la comunità scientifica conosce già da tempo piuttosto che i sistemi trogloditi coercitivi e punitivi di auto isolamento e contenimento… è forse per spirito di autocommiserazione globale?? E poi,ammesso che si abbia la volontà di agire, tra il dire e il fare quanto tempo dovrà passare? Dopo questa domanda in rima, un ultima considerazione su come in Natura per ogni veleno esiste l antidoto e per ogni problema è presente una soluzione a portata di mano, sotto i nostri occhi … basterebbe coglierne l opportunità! Un caro saluto

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 190

    Ciao a tutti! Caro Bell, ieri ho letto a proposito di quello che dicevi che l OMS sta andando nella direzione di consenture i tamponi a tutti i sanitari impegnati in prima linea e che la Regione Veneto e Toscana si sono subito dichiarati favorevoli a farlo. Ieri,inoltre, sentivo l intervista al medico primario del Bambin Gesù che, riportando la situazione attuale in ospedale, diceva sui bambini che in realtà non è che non lo contraggono ma sono quasi sempre asintomatici ed in misura minore conclamano la malattia ( oggi ne sono circa 200) infatti quando arrivano in ospedale con insufficienza respiratoria fanno il tampone per capire se sono positivi o meno al virus non dando per scontato che sia così, in quanto il coronavirus è solo uno dei tanti che contraggono normalmente e comunque come spiegava chiaramente Buteo non si conoscono ancora i motivi di questo. Per quanto riguarda il post di Andy60, molto utile, sui materiali privilegiati dal virus,un virologo intervistato, rispondendo alle tante domande che girano in questo momento sulla pericolosità di maneggiare i soldi di carta,confermava il fatto che sulla carta che è rugosa non liscia, il coronavirus non ha modo di sopravvivere,fermo restando che l uso dei soldi comporta le normali norme igieniche di pulizia! Al contrario, sulle mani si formerebbe uno strato lipidico sul quale il virus può aderire facilmente e permanere ed è per questo che risulta indispensabile lavarsele molto spesso. Grazie ancora ai medici della Schola e alla loro gentile disponibilità in questo prezioso spazio virtuale reso fruibile a tutti

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 190 totali)

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy