seppiolina74

Home/Forum/seppiolina74

Risposte nei forum create

Stai visualizzando 11 post - dal 241 a 251 (di 251 totali)
  • Autore
    Post
  • seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Riagganciandomi al tema dell’alimentazione, di cui si è parlato nella scorsa riunione di dicembre a Torino, vorrei condividere un servizio in televisone visto poco tempo fa, in una trasmissione pomeridiana ( “Geo and Geo”), dove avevano intervistato un medico sull’argomento “flora batterica intestinale”. Si è voluto porre l’accento non sui batteri nocivi, ma su quelli che ci sanano e proteggono da infezioni e virus. Alla domanda della giornalista: ” ma noi nasciamo con una flora batterica già predisposta? Già attiva?”, la risposta è stata che al bambino, già nella pancia della madre durante la gravidanza e poi attraverso il canale del parto ,vengono trasmessi quei piccoli ma potenti batteri che lo proteggeranno dopo la nascita. E le domande sono proseguite: “e se si nasce col parto cesareo?” Allora, si parte un pochino “svantaggiati” (perchè nelle sale operatorie, diceva il medico, è stato dimostrato che persistono ceppi batterici più resistenti in quanto sopravvissuti a continue sterilizzazioni dell’ambiente) ma…niente paura, ci pensa il latte materno a sopperire al mancato passaggio dal canale uterino, in quanto anche lì sono presenti i “batteri buoni”. Ulteriore domanda: ” e se non si viene allattati alla nascita?”. L’esperto, con un sorriso, a questo punto ha asserito: “continua a non essere una condizione agevolata, ma è stato dimostrato scientificamente che l’organismo è capace di produrre per proprio conto la flora intestinale, attraverso una alimentazione equilibrata e variegata e attraverso un adattamento globale dell’organismo a quanto lo circonda. Gli integratori di fermenti lattici sono utili laddove realmente si sia di fronte ad una particolare fragilità del sistema immunitario o in presenza di ulteriori e gravi patologie”. Quindi… mi ha ricordato quanto detto dal Maestro, ovvero l’inutilità ( se non la dannosità?) di certe abitudini suggerite e pubblicizzate dai media, come fare cure preventive a base di fermenti, anche dove non si hanno problematiche particolari. E concludo con la simpatica frase che ha detto un nonnetto di 90 anni, (parente di una mia amica), che di mestiere aveva fatto il farmacista: ” Mai preso un integratore in vita mia: se si sente l’esigenza di prenderne, già vuol dire che qualcosa non ha funzionato!!” Un abbraccio a tutti

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Condivido a pieno il pensiero di Ippogrifo del 10 dicembre,post riunione, in merito alle sensazioni prodotte ed avvertite dopo aver ascoltato le parole del Maestro. Rileggendo infatti quest’ultime, non si può restare indifferenti dinnanzi alla forza che riescono a trasmettere:andare controcorrente, come i salmoni, è possibile dunque, nonostante le salite impervie e gli attacchi degli orsi che, haimè,a volte ci aspettano al varco. Tanti soccombono, altri si perdono, altri, invece, non solo arrivano alla meta, ma portano a termine la loro missione… Il coraggio dell’Impresa ci viene, io credo, dall’attivazione degli strumenti rituali offerti già al momento dell’iscrizione alla Schola, in quanto solo agganciandoci a quella “Forza” possiamo sperare di smuovere realmente qualcosa dentro e fuori di noi. Le parole di un vero Maestro dicono tanto, vedono e leggono nel cuore e nelle menti di tutti, toccando a 360 gradi ogni singolo elemento presente, proprio come fa la Luce quando rimbalza tra tutte le facciate di un brillante, passando lieve ma decisa, attraverso di esse. Sono parole che, per Amore, ci spronano a non mollare, a rialzarci sempre e cercare di capire.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Ho letto con molto interesse il post di Buteo sull’alimentazione infantile; aggiungo di essermi imbattuta, tempo addietro, in un libro di puericultura che sosteneva, in base a vari studi scientifici,come l’educazione alimentare “spontanea” nei bambini, avesse lasciato in eredità agli stessi soggetti una maggiore e più consapevole attitudine ad orientarsi verso cibi e bevande più sane da adulti.Quindi persino a livello alimentare la prevaricazione fa danni, a breve e a lungo termine! Certo capisco anche come alcune mamme possano essere preoccupate del fatto che i loro figli mangino solo 3 cose, ma in ogni caso la scienza ha dimostrato che non si muore, nè si hanno particolari carenze nutrizionali laddove non ci sia una esplicita richiesta. Come disse l’autore del su citato libro (mi scuso ma non ricordo il nome): ” nessun bambino si è mai lasciato morire di fame”.
    Un caro abbraccio a tutti

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Concordo con Decla sull’opportunità, oltre che sulla necessità, di apportare “acqua pura” in quell’oceano web spesso torbido e ambiguo, che non lascia molta possibilità di spaziare liberamente e limpidamente tra i vari argomenti e, soprattutto, argomenti che possano giovare a tutti. Insomma, ritengo davvero, e per esperienza, che il Forum della S.P.H.C.I. rappresenti il “prototipo” del sito ideale ( mi si conceda questo termine…), perchè utilizza la tecnologia telematica al servizio di una Causa più grande, di un Progetto di Amore che non può escludere , a mio avviso,l’avvicinarsi delle persone le une alle altre, unendole non con argomentazioni personalistiche ( e diciamolo, noiose), ma facendole “ritrovare” su terreni ampi, liberi, utili dove sia possibile esprimere se stessi senza trascendere ( ai linguaggi dei social,vi giuro, non ci sono più abituata: parole pesanti,spesso volgari, concetti e giudizi personali buttati giù con rancore, nonchè vergognosi errori grammaticali!).Nell’ultima riunione accademiale mi ha colpito molto il concetto che è stato ribadito, di come la “missione miriamica” si estrinsechi nei confronti di tutti i bisognosi e i deboli, anche perciò di chi si trova”nascosto”, chissà dove e chissà in quale condizione psico-fisica,dietro al monitor di un computer e che magari cerca un appiglio solido e sicuro per uscire dalla propria condizione di difficoltà. La forza delle Idee di Bene, di Amore, di Salute possono raggiungere tutti …e subito, non solo con il pensiero,un gesto,una parola, ma anche con un sito web, concepito dunque con criteri democratici ed attuali, ma ispirato ad una Sapienza ininterrotta e un Bene antico.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Mi riallaccio al tema dell’alimentazione che in vari modi è stato citato e trattato, ma lo vorrei fare portando una personale considerazione,scaturita semplicemente da una mia esperienza passata.Anch’io come tanti mi sono sempre interrogata sull’opportunità di mangiare certi alimenti piuttosto che altri, combattuta sempre tra quello che leggevo sui giornali o ascoltavo in televisione (approccio sicuramente superficiale da un punto di vista scientifico, ma non essendo medico nè scienziata, ho fatto con quello che avevo a disposizione!) e quello che il mio organismo, a più riprese e con segnali inequivocabili, cercava di suggerirmi. 5 porzioni di frutta e verdura? Bere 2 litri di acqua al giorno? Pochissima carne rossa? Olio si, olio no? Insomma, le cose che di solito si sentono ripetere un po ovunque. Quando sono rimasta incinta dei miei due figli, ho scoperto in modo assolutamente spontaneo, che pur conoscendo le direttive di una “sana alimentazione”, mi orientavo con sicurezza (e una certa dose di gioia!) verso quei cibi che ho scoperto in seguito essermi di grande utilità per compensare le mie carenze (carenze che non sospettavo nemmeno di avere). Spesso sognavo anche di mangiare alcuni alimenti! Sono sempre stata alla larga, al contrario, da cibi che, al di là dei suggerimenti medici, non mi “ispiravano”. Con gli anni ho capito anche quanto sia giusto ascoltare i propri ritmi metabolici,cioè mangiare quando l’organismo ti fa capire che è “arrivato il momento”, tralasciando il più possibile gli orari fissi che comunenemente ero abituata a seguire ( a volte ho ricevuto strani commenti sulla mia esigenza di cenare alle 17.30 del pomeriggio e di andare a dormire alle 21). Questo mi fa sentire bene e in forza ( e oltretutto non mi fa ingrassare di un etto! Ah Ah..). Quindi credo sia importante, giusto per volersi sintonizzare con la parte più profonda di noi, cominciare/continuare a cogliere i segnali che la nostra materia ci invia e che, spesso, risultano reali esigenze dell’organismo da non tralasciare.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Vorrei riagganciarmi a quanto ha scritto Catulla2008 sull’importanza della voce e del linguaggio. Sono giorni che un’immagine “sonora” legata al mondo della Natura mi accompagna, addirittura l’ho sognata:i Lupi e il loro complesso sistema di comunicazione.Gli scienziati, dopo innumerevoli studi condotti sia con l’ausilio di strumenti tecnologici avanzatissimi, sia seguendo e memorizzando per anni gli ululati ad “orecchio”, hanno scoperto che tali suoni variano in modo caratteristico in base alla specie di appartenenza e i lupi comunicano tra loro usando uno specifico “dialetto”, con frequenza e modulazione caratteristiche. Oltre che per segnalare pericolo, per chiamare a raccolta o per non perdere di vista i compagni, i lupi ululano quando il partner si allontana (ululati prolungati e intensi) o quando ad allontanarsi è il membro del branco di alto rango:non solo dunque…romanticismo…ma anche rispetto per le gerarchie. Questo tipo di suono,nella sua funzione, assomiglia anche al cosìdetto ” fischio dei delfini”. Tutto questo mi ha portato a chiedermi il perchè di una tale necessità di comunicazione sonora/verbale tra gli esseri viventi, qual’è la sua reale funzione, o scopo, oltre a comodità logistiche. Cosa accade davvero quando un suono viene concepito, prodotto e infine “gettato” fuori verso l’esterno, ma che torna a noi per farci da specchio in quelle che sono le nostre posizioni o decisioni,uomo o lupo che sia. Ma soprattutto mi chiedo: perchè non possiamo avere un unico modo di comunicare, di intendere un linguaggio? Perchè non ci capiamo, visto che apparteniamo alla stessa Matrice? Dovremmo poter comunicare tra specie differenti ( animali-piante-minerali) e invece persino tra noi uomini non esiste un unica lingua…

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Un’opportunità. Ecco cos’è la Miriam a mio avviso. Una possibilità reale e concreta, che mi ha messo di fronte a me stessa come niente e nessuno è stato capace di fare, o…ha avuto il coraggio di fare!E non lo dico con atteggiamento mistico, perchè dopo tanti anni ancora mi stupisco, a volte, di come, anche al di là di quelli che possono essere i miei pensieri o le mie aspettative o i “film” mentali che mi sono creata,il cammino Miriamico non segue i binari più immediati, quelli cioè psicologici, sociali, culturali, quelli cioè che si basano su pseudo certezze ( spessissimo prese a prestito dalle pseudo certezze di qualcun altro); dinamiche, che non hanno niente a che fare con i veri “noi” e anzi nascondono pesantemente le nostre reali esigenze, ovvero quella Volontà “bambina”, libera e determinata,unica “mente” di un Progetto evolutivo di Amore e di Salute.
    La Salute!! Senza la quale niente si può fare e niente si può aspirare a comprendere! La vera resistenza la oppongo io, non c’è alcun dubbio su questo: ma di quante “prove” ho bisogno per convincermi che non esiste – e non esisterà mai – una via di fuga rispetto al lavoro di destrutturazione di se stessi?

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251
    in risposta a: Notizie dal web #11375

    Trovo interessante questo studio fatto sull’impatto di un certo tipo di musica sulla piante; infatti credo che tutte le manifestazioni “armoniche”, in generale quelle di tipo creativo-artistico, possano influenzare positivamente i processi “formativi” e vitali delle svariate forme viventi, uomo compreso,ovviamente. I suoni hanno il potere di indirizzare ed amplificare le nostre percezioni:mi viene in mente l’immagine del chirurgo che in sala operatoria ascolta note classiche – o comunque a lui gradite – per rilassarsi e concentrarsi. O al ritmo cadenzato e martellante di cui si fa uso durante lo sport, perchè “dà la carica”; o ancora alla musica come strumento capace di creare immagini dentro di noi,positive e negative ( noti i casi addirittura di suicidio tra adolescenti, già fragili, ascoltando canzoni deprimenti o fortemente aliatorie). L’arte – che sia musica o pittura, o paesia ecc – da tempo viene utilizzata come valido canale terapeutico nei disturbi, ad esempio, nervosi o in persone disabili. Io personamente ne sento l’esigenza principalmente per “staccare la spina” e spesso mi fa da specchio rispetto a quelle che sono le emozioni e i pensieri.
    un caro saluto a tutti

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    In occasione della presentazione dei Quaderni a La Spezia, avremo ancora una volta la possibilità di collaborare tutti al Progetto di Amore e di Salute Miriamico,sentendoci uniti come un unico Organismo, compatto ed unitario, che anela incessantemente ad un equilibrio sempre più stabile nel tempo.
    Credo che questi fruttuosi semi possano e debbano essere vissuti ed interiorizzati quanto più possibile; respirati a pieni polmoni, perchè l’aria novella ch’essi porteranno alle nostre narici, diventerà – ne sono certa – parte integrante della nostra Vita e, in quanto Vivente, aspirerà a modificarla e a renderci maggiormente coscienti di ciò che vogliamo davvero.
    Tutte le iniziative (conventions,seminari,ecc) che in tantissimi anni ci sono state offerte come esperienze attive e fattive,anche là dove non sempre ne sono stati compresi appieno significati e riverberi, hanno avuto – secondo me -lo stesso effetto benefico di un “vaccino” terapeutico, in quanto hanno stimolato e fortificato la parte più profonda di noi, rinnovandola, trasformando in modo graduale – ma definitivo – la nostra visione delle cose;indirizzandoci verso percorsi esistenziali ed evolutivi inusuali,coraggiosi forse, ma sempre reali ed ortodossi. Ognuno di noi, Fratello o Sorella, regolarmente iscritto ed operante, può testimoniare – secondo la propria esperienza di vita – quanto valore echeggi in tali ” fulgidi doni” e quale risonanza abbiano avuto, e abbiano, nella nostra quotidiana esistenza! Quindi non ci troveremo a La Spezia per caso e tantomeno perchè ci sentiamo “in dovere” di andarci, ma perchè crediamo fermamente nell’importanza della “Missione Miriamica” (come disse tempo fa il nostro Maestro M.A. Iah-Hel)e di quell’Opera di Amore che più di 100 anni fa il Maestro Kremmerz aveva statuito e fissato nella Pragmatica Fondamentale. A PRESTOOO!

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Ammetto di aver provato una rinnovata sensazione di entusiasmo cimentandomi nei tre corsi proposti; un’esperienza che credo e sento andare molto al di là di un “mega ripasso” (di cui c’era bisogno…). Ho avvertito la possibilità di riflettere maggiormente sul percorso individuale fatto fino ad oggi e contemporaneamente sulla bellezza e la grandiosità del Progetto di Amore Miriamico. Il “fermento” iniziatico, quel “lievito” di cui spesso si parla, porta a smuovere la nostra terra,fin nel profondo: ci fa porre le giuste domande,ci sprona,ci da anche speranza e fiducia. Grazie Maestro,ancora una volta e mai abbastanza, perchè riesci sempre a guardare oltre noi e a prenderci per mano anche quando camminiamo a tentoni nel buio! Un caro e affettuoso saluto a tutti i fratelli in Miriam!

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    L’immagine che ci è stata generosamente offerta in occasione dell’Agape rituale da poco trascorsa, mi ha fatto venire in mente che quell’ “aggancio”, quell’audace “morsetto ” non era avvenuto solo simbolicamente o animicamente tra di noi, bensì anche fisicamente !A titolo di augurio, di condivisione e con profonda emozione, ci è giunta la bella notizia che un fratello diventerà presto papà! La Vita chiama Vita,dunque, su tutti i piani e a tutti i livelli!
    Inoltre vorrei testimoniare quanto,personalmente,le parole del Maestro,dei fratelli Terapeuti e di tutti coloro che abbiano voluto spendere una parola o un pensiero in nome dell’Idea Miriamica, mi abbiano confortato e dato coraggio, ricordandomi che quel tentativo di “attaccarsi” alla Luna è in fondo anche il nostro quando osiamo chiedere un’opportunità di crescita alle Gerarchie, anche se…l’impresa ci risulta spesso ardua e necessitiamo di continui richiami!Ma c’è un’ ultima immagine che mi sovviene alla mente quando guardo e riguardo quella splendida ed enigmatica fotografia…mi ha ricordato il gioco di due innamorati, il malizioso morsetto al perlaceo collo di una luminosissima dama…
    Evviva!

Stai visualizzando 11 post - dal 241 a 251 (di 251 totali)

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy