seppiolina74

Home/Forum/seppiolina74

Risposte nei forum create

Stai visualizzando 15 post - dal 211 a 225 (di 251 totali)
  • Autore
    Post
  • seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251
    in risposta a: Il Carnevale #14435

    Evviva le sfrappoleeee!! Il Carnevale è noto per i suoi dolci fritti che,in quel di Bologna, tanto per essere originali, si chiamano “tortelli”( continuando il filone culinario di Tortellini,tortelloni,tortellacci…).
    Sì chiamano anche chiacchiere, ma credo abbiano tantissimi nomi diversi sparsi per l’intera penisola.Sono dolcetti che, secondo la tradizione popolare, venivano fritti per poter essere cotti in fretta e offerti a più persone possibili…Quindi c’è sempre stata un’aria di abbondanza e condivisione!Quante volte anche noi fratelli abbiamo festeggiato la fine di un rito,il ritrovarsi insieme in un unico Ideale!

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Che bello ascoltare le favole…Sono così semplici e chiare! Anch’esse sono ricche di immagini, di archetipi, sono come uno specchio in cui riflettersi e riconoscersi. Grazie Mercurius! Credo davvero che ognuno di noi possegga in nuce ali bellissime e forti, utili per agganciare la “corrente” di vento giusta… e volare in alto.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Le immagini riescono sempre ad essere più incisive,più evocative di un pensiero e si fissano nella mente producendo una serie infinita di idee e riflessioni…Nel video postato dalla Delegazione ( e che sentitamente ringrazio), una immagine su tutte mi ha toccata e cioè la trasformazione del bruco in farfalla!Una cosa che non sapevo, è che in tale lenta e inesorabile ( sofferta? Chissà…)mutazione,il bozzolo è di colore scuro,direi quasi nero, il che mi ha richiamato il concetto già su citato del ” morire a se stesso” e della necrosi come preludio di morte e quindi di rinascita, nonché all’importanza del silenzio e del buio nel processo generativo vivente.Quanto era diverso da ciò che poi è diventato!Sapeva di poter rinascere splendida farfalla? Io credo di no,così come ognuno di noi “dimentica” opportunamente le proprie Virtù più profonde per poterle riscoprire solo al termine di un lungo e tortuoso cammino. Ma i nostri amati Maestri, però, non ci hanno mai mentito : non è facile,certo, ma è possibile! Se è previsto in Natura,lo è anche per noi che ne siamo parte.Un caro saluto a tutti !

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251
    in risposta a: Le Dee Regali #14095

    Forse è questo il luogo dove inserire la figura di una Donna,protagonista di un libro scritto da Christiane Desroches Noblecourt,docente francese di epigrafia e archeologia egizia, intitolato ” La regina misteriosa”,la storia di Hatshepsut, vissuta 3 millenni e mezzo fa in Egitto. Fu lei la regina faraone che ordinò la creazione della Valle dei Re,figlia di Thutmose I : si fece rappresentare con la barba posticcia dei faraoni,avviò una nuova corrente artistica e teologica (unica Divinità),amministrò con rara competenza le finanze statali oltre che organizzare spedizioni proficue, come quella nella misteriosa terra di Punt,da cui le navi egizie tornavano piene di incensi e strani animali. Un attivismo che cozzò con i delicati equilibri politici e religiosi e le procurò numerosi nemici,gli stessi che dopo la sua morte le inflissero la damnatio memoriae, affrettandosi a cancellare tracce del suo passaggio in qualità di faraone. Volle essere sempre presente per i suoi sudditi,cercando di non escludere le classi sociali più povere.Che bellissimo personaggio, quanta forza e quanta sapienza! Hanno voluto cancellare la sua memoria,ma un’altra donna le ha reso onore,seppur millenni dopo. Un forte abbraccio a tutti, in particolare a tutte le sorelle in Miriam!

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Parlando di germogli e di Natura,vorrei condividere con voi lo stralcio di un documentario naturalistico visto 2gg fa in cui si descriveva l’attività e i meccanismi riproduttivi dei fiori. Intanto il narratore ha esordito dicendo:” le piante non hanno meno voglia di riprodursi degli animali”! E in effetti,è stato mostrato come i fiori,per attrarre gli insetti impollinatori, soprattutto le api,le pensano praticamente tutte x svolgere la loro funzione! Ne cito solo alcune,per non dilungarmi troppo. Ad esempio,non esistono fiori verdi,questo perché gli insetti vedono gli ultravioletti,quindi spesso sono viola o rossi. Aprono poi i petali direzionandoli sottovento per attrarre; fioriscono partendo dal basso perché le api risalgono gli steli dal basso verso l’alto; e infine,è stato dimostrato con un esperimento, che avvicinando un magnete che producesse la stessa vibrazione delle ali delle api,il pistillo spruzza letteralmente fuori il polline,lasciandolo cadere per terra e solo ed esclusivamente per le api e non per altri insetti. Il vento,poi, completa l’opera: senza di esso, di fatto l’impollinazione non potrebbe avvenire. Insomma,mi sono detta: caspita!I fiori, che sembrano essere “passivi” nell’attendere le api non lo sono affatto; essere recipendiari non vuol dire essere passivi allora!E comunque c’è sempre uno scambio all’origine di una unione e di un processo evolutivo!

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Vorrei testimoniare e condividere,pur non in riferimento ad un episodio in particolare, di come in tanti anni vissuti da miriamica, l’atteggiamento del Maestro e di molti fratelli, sia sempre stato estremamente…accogliente,ben disposto,sereno, nei confronti di chi si avvicinava alla Fratellanza,smussando spesso proprio con un sorriso o con una battuta “liberatoria ” quel quid di emozione dovuta a timidezza e ingiustificate ansie…Il saper sorridere dei nostri limiti è diventato motivo di apertura,anzi di chiarezza e di una sana e pragmatica visione della vita!Perché,dopotutto, la scelta fatta a monte da ognuno di noi di iniziare un percorso di luce e salute, è motivo di gioia,anche laddove si fa fatica e si combatte. Platone scriveva: ” per chi intraprende cose belle,è bello soffrire,qualsiasi cosa gli tocchi”.Un caro saluto a tutti

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Ieri, ascoltando una trasmissione in tv, sono rimasta affascinata dell’esperimento fatto da alcuni scienziati genetisti di tradurre le sequenze,almeno quelle piu comuni, in note musicali…Il risultato è stato che si è formato un tipo di accordo armonico compatibile con una melodia…davvero sorprendente! Quindi la riflessione è stata: ognuno di noi è davvero portatore di una combinazione unica,dobbiamo solo cercare di tirare fuori la nostra musica personale …e magari metterla al servizio di un’Opera più grande di noi.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Ho trovato interessanti gli ultimi post dove si parlava di “varchi”, di “porte” riferito agli organi del corpo umano. Li ho letti con attenzione perchè leggere i pareri di un medico è davvero proficuo e necessario là dove si cerca di oggettivare meccanismi fisiologici e concetti ermetici. E’ poi l’osservazione diretta e l’esperienza che fanno sorgere le domande, a volte quelle “giuste”, ovvero quelle domande che, come successo a Bell e a molti altri, sollevano veli e dissipano ombre, è indispensabile su un cammino di consapevolezza.Per tutti.
    Buffo come anche la cara, vecchia, tradizione popolare abbia parlato di quei varchi attraverso i quali si compiono e producono cambiamenti a livello più profondo dentro noi: ad esempio il detto ” gli occhi sono lo specchio dell’anima”,intendendo dire che la parte più vera di noi, quella cioè che non conosce menzogna , trapela dallo sguardo e “tradisce” le nostre reali intenzioni; oppure, a proposito di olfatto-direzione che ricordava Wiwa, “seguire sempre il proprio naso”, parlando di scelte intuitive…
    E’ bello che ci sia, all’interno del Forum, la partecipazione libera di tutti i fratelli, perchè anche se ognuno porta il contributo in base alle proprie specifiche competenze ed esperienze, ne possiamo godere insieme,supportandoci a vicenda, facendoci da specchio. Del resto, le nostre luminose Gerarchie non ci hanno sempre ricordato che, anche se il cammino è e resterà sempre individuale, non saremo mai lasciati soli ad affrontarlo?

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Davvero molto interessante il post di Catulla relativo ai nuovi studi sul cancro! I due agenti immunostimolanti mi hanno suggerito l’immagine di una chiave che, aprendo la giusta porta, tra tutte quelle presenti, riesce a raggiungere le stanze più buie della casa, anche quelle più lontane e segrete…Incrediile infatti che si riesca a far regredire anche le metastasi più lontane e apparentemente “staccate” dal resto! Chissà di che tipo di agenti si tratta, perchè e come riescano a “parlare lo stesso linguaggio della malattia”.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Grazie mille Maestro per le scremature e le dritte perché ci aiuta molto a non disperdere le energie e l’attenzione.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Custodisco gelosamente il sapore di tutto l’Amore e l’entusiasmo profusi e circolati in quei giorni di Riunione Plenaria! Ho sentito forte l’Amore e la tensione costruttiva pulsarmi nella testa e mi sono allo stesso tempo lasciata cullare dalla dolce e ferma mano dei Maestri. Che gioia, che stupore e che entusiasmo si sono respirati! Grazie,cercherò di trattenere quei “semi” e di farli miei il più possibile.Un abbraccio fraterno a tutti!

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Il post di MANDRAGOLA11 del 2 aprile mi ha ricordato il laboratorio sperimentale a Montemonaco di cui ho tanto sentito parlare,(e che purtroppo mi sono persa)anche durante le sedute accademiali, e cioè quello relativo all’ animale totemico. Se ricordo quello che fu detto, anche in quel caso si era in un contesto naturalistico, dove cioè erano presenti gli esseri “dei tre regni” (pietre,animali e vegetali). Immagino fosse un invito rivolto ad ognuno dei presenti( ma anche gli assenti che avrebbero potuto riflettere sul racconto fatto da altri fratelli) a considerarsi un tutt’uno con la Natura e a non vedersi o sentirsi staccato, avulso, dal meccanismo vitale che lega il Creato e le sue molteplici manifestazioni. Peccato aver perso quell’occasione!

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    In effetti trovo coerente e logico che un processo di purificazione sia di per sè selettivo. In fondo, credo si tratti di una sintonizzazione (più o meno) continua e mano a mano che si avvia un iter di destrutturazione nel nostro essere più profondo; viene spontaneo e naturale tararsi su certe frequenze piuttosto che su altre, o su tutte.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    IO non vi dico a che dimensione mi sono persa, perchè è meglio! In ogni caso, il discorso della percezione della realtà guidata dal flusso di pensieri ( e come diceva Catulla,sulla qualità di questi pensieri) del come cioè noi utilizziamo i nostri organi di senso e che tipo di filtri apportiamo normalmente per decodificare gli eventi, mi ha riportato alla memoria che in Natura esistono molti modi di “vedere” (letteralmente) con gli occhi: cioè, ogni specie in natura ha capacità visive differenti, direi, finalizzate alle proprie necessità. Per esempio, insetti come api, cavallette, mosche o farfalle o ragni ecc., vedono solo alcuni tipi di colori con retine spesso molto complesse formate da “griglie” che danno loro la prospettiva e la misura corretta di dove sia una preda o un rifugio sicuro. Quindi credo sia corretto ipotizzare che i pensieri e le scelte costruiscano la nostra realtà ponendo le basi sul nostro futuro, ma è corretto dire che riusciamo a percepire reale solo quello che concepiamo essere finalizato alla nostra evoluzione? Voglio dire: gli uomini, così come gli animali,captano solo quello che gli è utile o in realtà captiamo molto di più ma, così come in alcuni fenomeni di “memoria selettiva”, resettiamo il superfluo perchè non ancora o non più utile ?

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 251

    Spesso, è vero, notiamo particolari o aspetti che fino a quel momento ci erano sconosciuti, o indifferenti. Anche io, qualche giorno fa, mentre rientravo a casa in macchina, ho ascoltato le parole di una vecchia canzone di Baglioni, “Strada facendo”. Il ritornello, pur sentito decine di volte, mi ha fatto sorridere perchè faceva così…” Strada facendo, vedrai, che non sei più da solo. Strada facendo troverai, un GANCIO in mezzo al Cielo e sentirai, la strada far battere il tuo cuore. Vedrai più Amore,vedrai…[…] Perchè domani sia migliore…” Riflettevo dunque sul fatto che soprattutto quando riusciamo ad “aprire” un po di più i nostri canali ricettori, magari aiutati anche dalla magia di una frizzante Primavera,siamo più in sintonia con tutto ciò che ci circonda e in primis, con il nostro essere più profondo. Tutto partecipa e concorre a questa trasformazione nella Natura,che meraviglia…

Stai visualizzando 15 post - dal 211 a 225 (di 251 totali)

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy