catulla2008

Home/Forum/catulla2008

Risposte nei forum create

Stai visualizzando 15 post - dal 196 a 210 (di 236 totali)
  • Autore
    Post
  • catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Voglio condividere con voi tutti ultimo pensiero prima di andare a dormire. Circe 30anni fa ebbi l’occasione di leggere e apprezzare degli scritti di Isha Schwaller de Lubicz in cui si evidenziava come “il gesto essenziale” fosse il nocciolo di ogni arte. Ricordo che fra le arti ad esempio era stata scelta quella circense per l’incontestabile necessità del’acrobata di sapere il momento giusto nel quale compiere il movimento giusto: insomma la perfezione del gesto nel tempo e nello spazio. Da qui la definizione di “gesto essenziale”.
    Ecco, trovo che la Parola del Maestro perfetto sia questa capacità, questa arte di modulare la materia vivente in sé e fuori di sé. Così come il cuoco sa l’attimo in cui mettere o togliere un sapore, il pittore quando e dove inserire un colore, il musicista un suono e così via.
    Ed ecco il.mio pensierino della notte: salute e bellezza in fondo si somigliano e sono riconducibili a un’unica ARMONIA cui il filosofo amante della verità anela costantemente. “Si può essete colpiti dalla salute improvvisamente” – è qualcosa che dicevano i Maestri – e credo si compia quando, in noi, scatta il gesto essenziale, quello che come un domino riequilibrera tutti gli altri, quello della.voce interiore.
    Noi UNITA nella Natura UNA. consapevoli di Lei.

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Gli ultimi post mi hanno ricordato un mito, quello di Prometeo. Luciano di Samosata nel II secolo lo pone nei suoi Dialoghi degli Dei, primo di ventisei. In breve, questo titano aveva offerto agli dei le ossa invece della carne e gli dei tolgono il dono del fuoco. E quando lui lo rivuole a forza e giunge a rubarlo, viene incatenato a una roccia dove di giorno un’aquila gli divora il fegato che di notte gli ricresce. In altri racconti, l’aquila divoratrice è un falco, e in altri ancora un serpente. Ebbene, volendo vederla alla spicciola maniera, mi verrebbe da interpretarlo così:
    – le ossa sono simbolo della memoria incancellabile e immutabile, quindi non idonee alla trasformazione e all’offerta. Ma si vestono di carne e si spogliano di carne, intendendo con la carne la parte che può vivere, sperimentare, cambiare. (Il Maestro Kremmerz nel Commentarium scriveva “Tu vedi come videro i tuoi antenati che sono in te, e vedrai diversamente quando i margini delle tue scottature antiche avranno nuovi strati di CARNE VEGETANTE…”);
    – offrendo al principio divino, o vitale, la propria inerzia, cioè le ossa, Prometeo non ha più il fuoco, la luce, la virtù trasmutatrice per eccellenza. E osando riprenderselo, ecco che la divinità impone come contropartita la necessità di un ciclo di trasformazione forzata, inducendo dall’alto quella rigenerazione che non può prescindere dal possesso del principio vitale (fra l’altro il fegato è davvero la centrale chimica del nostro organismo!).
    Mi pare un bel mito per descrivere la vita in cui l’intelligenza umana, se vuole riavere ‘coscienza del vero’ deve avere la forza di credere nel Bene che è Amore ed è rigenerazione costante in uno con la Natura. E per ricondurlo ai post recenti, la terra potrebbe rappresentare il fegato del pianeta? E gli alberi potrebbero essere le ossa che si rivestono di nuova carne a ogni primavera?
    Buona Epifania a tutti!

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Mi unisco a Mandragola negli auguri a tutta la compagine miriamica che, grazie alle Gerarchie e al Delegato Generale Maestro M.A.Iah-hel, inizia questo 2018 con una fucina di progetti e di stimoli. Quindi, riflettendo sull’avvenire, lo vedo basato più su quanto facciamo che sul pensiero. Infatti, benché ci si possa distaccare con la mente dalla realtà in atto in quel momento, ciò che poi resta anche nella memoria del corpo sono le cose fatte. E il pensiero, che non può prescindere dal battito del cuote, dalla circolazione del sangue, dalla percezione costante dell’anbiente che. respiriamo, il pensiero si forma così. La mia esperienza perciò mi porta a credere che l’avvenire può concepirsi nella mente ma si realizza solo quello dei pensieri che il fare ha fissato nella carne, nella materia, nella memoria delle molecole.
    Molti individui e molte società pensano di essere sani, potenti, belli e buoni…ma è dai frutti della loro opera che sorgono i semi del domani. E per quanti spermatozoi viaggino e per quanti ovuli li incontrino, senza un utero che li nutre e li manifesta non c’è embrione che diventi neonato.

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    L’utero velato a me ricorda il luogo inaccessibile da cui tutti proveniamo, anche celebrato nella totalità della Donna a cui rimanda: Iside velata, Madonna Vergine alla latina maniera, forza agente che concepisce e fissa la Vita nella Materia. Nella sua semplicità è il simbolo dell’umanità tutta che in quella matrice non può che riconoscersi (anche quando la disprezza come accade tuttora e ancora nel mondo, sigh!).
    E dunque, poichè siamo nel passaggio che porterà la Natura occulta a materializzarsi a primavera, auguri a TUTTI noi: che il 2018 sia foriero di Luce e Salute, disgregando ogni ostacolo con la stessa forza del germoglio vittorioso anche sul cemento più duro, per il trionfo del solo BENE.

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238
    in risposta a: Il Silenzio #11816

    Il digiuno come il silenzio chiama a raccolta le forze dell’organismo: non più disperse nella conversazione o nell’attività digestiva, le energie possono essere canalizzate e rivolte a uno scopo. Si tratta di un meccanismo naturale che il corpo utilizza in caso di pericolo, dolore, difficoltà. Il meccanismo, poi, può essere indotto in modo volontario: digiunano taluni andando alla guerra altri per concordarsi al rinnovamento della Natura, sia esso stagionale o mensile. Le leggi della Natura non sono né buone né cattive, sono leggi appunto di cui divenire consapevoli aiuta a intendere come la purificazione possa estendersi su ogni piano. Non-dire e non-fare richiedono volontà e spostano il silenzio su piani sempre più sottili… Il percorso nella Schola educa a questo e piano piano ci rende padroni di noi.

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Leggo gli ultimi post e penso a questa notte che ha di magico… il fatto che tutti la considerino magica. L’attenzione generale è volta verso un Bambino, emblema del trionfo della Luce fattasi carne. E mi riallaccio all’ultimo post di Tanaquilla per concludere che la vita, cioè quanto di più sacro possiamo conoscere e vedere, si manifesta nella materia vivente, nella luce degli occhi, nel sapore dei sensi. Ci abbracciamo e ci baciamo per toccarci l’anima e abbiamo bisogno di sentire e toccare e gustare per condividere la gioia. Quella stessa che, concretamente, diventa parola in questo Forum.
    Auguri dunque che la Luce si materializzi sempre di più. Buon Natale!

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Molto interessante il post di Buteo anche per le implicazioni che mi ha evidenziato e le riflessioni che suscita. Infatti, se abbiamo un organismo che non solo ospita ma VIVE grazie al microcosmo della comunità di batteri, in perfetta reciprocità simbiotica (tanto che “consentendo loro la vita ne abbiamo di ritorno la nostra”) questo sollecita l’analogia a quanto avviene fra noi e il pianeta Terra il quale diventa malato nella misura in cui noi ne depauperiamo la vita o, addirittura, la mettiamo in pericolo.
    Il costante rapporto tra micro e macro-cosmo dimostra una volta di più la legge costante che regola l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande ma, più ancora, sollecita una visione diversa della nostra funzione. Infatti, se noi ci sentiamo individui, pur essendo costituiti da così tante micro-parti che vivono in noi e per noi, perché non vedere noi stessi allora come le micro-componenti di una UNITA’ umana in simbiosi con l’UNITA’ pianeta? In fondo anche noi, per la Madre Terra, siamo microorganismi commensali e con noi lo sono tutte le specie animali del pianeta. E cito Buteo quando dice: “Microbiota codifica per un ampio numero di molecole che le nostre cellule non sono in grado di produrre, venendo a configurarsi nel suo insieme quale organo aggiuntivo al corpo umano”.
    Forse, quando scopriremo la funzione del ‘microbiota’ nel corpo umano vedremo anche diversamente la nostra funzione nell’interazione col pianeta che ci ospita. O no?

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Sì, oggi è il giorno del solstizio, il momento in cui il Sole raggiunge la posizione più bassa sotto l’equatore celeste e anche il momento che segna, dopo quasi una settimana di stallo al minimo, la fine della diminuzione della luce. Infatti il tramonto, che in questi ultimi giorni è sempre stato alla medesima ora, da domani comincerà a spostarsi di un minuto in avanti e il giorno, via via, durerà sempre più a lungo.
    Come donna, io so che anche la nostra temperatura interna si abbassa e ricomincia a salire una volta avvenuta l’ovulazione: è lo stesso per la Terra in cui il seme, che non vediamo, è preso dal fermento della vita e rompe con l’involucro che lo conteneva per manifestarsi sempre di più.
    Noi, immersi in tutti questi cicli di nascita, crescita, morte, rigenerazione, come vediamo fare alla Luna ogni mese, e al Sole ogni anno, abbiamo una umidità radicale che fa fermentare la nostra gioventù e che va attenuandosi dalla maturità alla vecchiaia sempre più sino alla morte. E tuttavia, analogicamente alla Luna, al Sole e al piccolo seme, anche noi crediamo in una rigenerazione dove ciò che chiamiamo “IO” sarà seme di ciò che saremo, piccolo embrione in un utero di donna, bozzolo umano nel sacco placentare.
    Così altrettanto noi siamo nella Miriam, grande Madre, contenitore di ogni anelito al Bello, al Vero e all’Utile, nutrice di Salute e di Luce: in LEI ci forgiamo e a LEI aspiriamo ritornare…per ricominciare ancora. Nessuno di noi sa ‘quanto’ sia lungo il filo della candela che chiamiamo “IO”, ma tutti noi miriamici sappiamo di lavorare per riprendere da dove abbiamo lasciato: come tanti piccoli Soli a un nuovo solstizio.
    Questa è la consapevolezza che si acquisisce a mano a mano che si pratica e, in fondo, questa è la fede che ci muove. Non fede religiosa ma ‘fides’ come legame che sustanzia le cose sperate e diventa argomento “de le non parventi” (Dante, Comedia, Paradiso XXIV, 64).
    Che la Salute e la Luce giungano a tutti gli operatori di buona volontà!

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Quanto è forte in ogni persona il bisogno di veder riconosciuta la propria unicità! Si ha bisogno di essere amati ma, soprattutto, di imparare ad amarsi.
    Questa strada porta a una attenzione crescente verso sé stessi e verso le proprie caratteristiche, proprio come un musicista che sperimenta le pieghe e le possibilità del proprio strumento sia suonando con gli altri che provando e riprovando da soli.
    Siamo tutti esseri umani in itinere ma noi miriamici vediamo coltivata la nostra sostanza dalla medesima madre e matrice.
    Le due cose sono talmente legate che credo diventi poi impossibile scindere la propria unicità dall’I-Dea che l’ha nutrita.
    In tal senso credo che a un certo punto la libertà di cui non smettiamo mai di godere diventi libertà di sentirsi ‘uno con’ più che ‘parte di’…

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Trovo molto interessanti le informazioni riportate da Buteo.Infatti, se l’Etologia oggi asserisce “che non esiste alcun carattere (comportamentale o altro) che non sia frutto di un’interazione tra fattori genetici e fattori ambientali” questo rimette al centro il fattore discrezionale di ciascun individuo e anche la possibilità di rendere consapevole tale azione fino alle nostre molecole e, perché no?, ai nostri geni.
    A differenza dell’approccio orientale verso un karma ineluttabile da scontare, la Scuola Filosofica Italica ha sempre rivendicato la possibilità di agire fino nel più profondo dell’individuo (e difatti così è intesa la terapeutica ermetica). Oggi lo conferma pure la scienza che i geni possono essere attivati o restare inattivi a seconda dell’ambiente… Ma qual è il primo ambiente? Non è forse il nostro stesso corpo? Non sono forse i nostri stessi pensieri, emozioni, sensazioni? E, dunque, procedere a ritroso verso il quid che detiene la capacità di disporne dentro di noi, non significa anche riacquistare le chiavi della salute e dell’equilibrio?
    Credo che l’operatività e le pratiche tradizionali proprie della Schola, sotto la guida di Chi ci è già passato, portino a rendere attivo e consapevole il contatto con il proprio principio vitale e, in un graduale esercizio a prendere e lasciare di tutto (dai cibi, ai pensieri, alle ondate emotive) fino alla capacità di impugnare il famoso karma o disposizione genetica che dir si voglia in modo da sanarsi ‘fino nel profondo’.
    Ecco perché il cammino nella Schola è davvero un’opera mirabile di salute e di luce.

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Quello che scrive Mandragola mi ricorda quando nel linguaggio si dice che una persona è ‘assorbita’. Normalmente si associa al lavoro (es. assorbita dagli impegni, dalle faccende, ecc.) ma il termine vale anche per i pensieri. Quindi osservo che tutti noi sperimentiamo o abbiamo sperimentato, magari inconsapevolmente, uno stato per cui tutto si silenzia intorno, ‘presi’ come siamo da ciò che annulla ogni altro stimolo. Il bambino sovente vive tale condizione mentre gioca (magari non con i video-game ma con i normali giocattoli, trenini o bambole che siano!). L’adulto mediamente è così quando fa qualcosa che gli piace (lettura, partita di calcio, pratica di un hobby). Mi sembra perciò facile per tutti capire ‘cosa’ sia il silenzio; più difficile, credo, evocare tale condizione a volontà nel momento in cui ci si predispone al contatto con la catena o, semplicemente, la si richiama alla bisogna.
    Inoltre penso che, a seconda del livello evolutivo dell’essere, la condizione di ‘assorbimento’ (ma andrebbe approfondito il termine per sapere sostanzialmente COSA avviene nella materia vivente) si allinea a funzioni sempre più raffinate: nella chioccia sarà la cova, nello scienziato la descrizione di una legge della Natura, nell’Ermetista della Fratellanza il rimedio atto a restituire salute ed equilibrio.

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Pensare per immagini: dunque la scienza sta arrivando a questa conclusione sulla base, com’è ovvio, delle ultime evidenze. A questo proposito, e riallacciandomi a quanto appena scritto da Wiwa, ho sempre pensato che il biblico ‘e diede un nome a tutte le cose’ attribuito ad Adamo nascondesse proprio questo salto compiuto dall’umanità nel momento in cui il cervello si strutturò in modo da ‘separare’ e ‘ordinare’ le informazioni. Dare un nome, infatti, signiica richiamare alla mente una entità, sia esso cosa o persona. E se prendiamo a guida il percorso che fa il cervello infantile nel suo sviluppo, dalla figurazione nominata (appunto di cose o persone) il passo successivo è probabile sia stato quello della rappresentazione di sentimenti.
    Quando cose e persone si legano in sequenze specifiche noi li chiamiamo fatti: e sono i ‘fatti’ che il cervello umano, sempre prendendo a modello le tappe del bambino, si fa capace di de-costruire e ri-costruire a misura che cresce e si sviluppa. Così, a seconda dell’ordine preso dagli eventi, il cervello diventa capace di astrarre e identificare, e quindi di dare ‘nome’, all’energia che li ha caratterizzati. In breve, dopo il nome, che definisce l’entità, e l’aggettivo, che ne specifica contorni e relazioni, arriva il VERBO.
    Questo meccanismo, una volta afferrato, diventa autogeneratore e tende a moltiplicarsi all’infinito.
    Osservo ad esempio gli EMOTICON, le famose ‘faccine’, le quali rapidamente diventano linguaggio in una sorta di futuro remoto. Le faccine sono oggi per la massa umana quello che sono i cartoni animati per i bambini: un modo internazionale, sovralinguistico e comune a tutti gli esseri umani, di comunicare sentimenti, emozioni, ma anche intenzioni e, alla fine, di dare ‘nome’: ancora una volta per immagini.

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Appena sentita al TG2: “…Patrizia, santa patrona di Napoli, versione cristiana di Partenope, la dea che ha fondato la città”. Evviva! Finalmente si rende giustizia alla storia! A quanto pare dopo la fiction (di cui ci ha parlato Cozza e che ci ha stuzzicato a guardare le cose da un’altra prospettiva) ora anche i mezzi di informazione si occupano di una città che andrebbe restituita alla dignità che non ha mai smesso di avere a livello internazionale e che invece è stata misconosciuta per anni se non per decenni proprio da noi italiani. Mi sorge però un dubbio… Non sarà che si vuole anticipare la stampa internazionale, solitamente ben più libera e incisiva di quella nostrana, che in queste ore si focalizza sul capoluogo campano in virtù del riconoscimento alla pizza?!?!? Sia come sia, W Napoli e la sua bellezza antica, alle fonti del Sebeto!

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Leggendo i post mi è tornato alla mente un vecchio episodio della serie fantascientifica Star Trek in cui il medico del futuro passando in incognito accanto a un paziente in dialisi gli somministrava una pilloletta che induceva il rene a guarirsi e frattanto mormorava ” barbari”. Ecco credo non dovremmo mai dimenticarci che la scienza medica è in itinere ed è più arte che verità assoluta. A differenza della scienza ermetica che in sé è già completa e perfetta grazie a quegli esseri che nella storia hanno potuto e saputo portare al massimo grado l’evoluzione della nostra umana specie. Ecco allora che, proprio guardando a tale patrimonio sapienziale in atto e in carne, mi viene da dire che la medicina cammina verso la capacità ermetica di attivare in sé e per sé le difese immunitarie che oggi passano per il vaccino. (Ciò che vale pure per il cellulare rispetto alla telepatia). Nondimeno vedo la strada ancora lunga e comunque non massificabile. Se guardo alla mia famiglia, la zia è stata contagiata dalla poliomielite all’ età di due anni ed è vissuta e vive da invalida. Mia madre, sua sorella, è diventata asmatica cronica dopo una vita passata a vaccinarsi (contro il raffreddore cosiddetto da fieno e per la sua allergia ai pollini). Chi sa dove sta il vero? Non ci può essere la ricetta per tutti ma non c’è ancora in società il collegamento volontario al proprio principio vitale. Forse fra millenni ne disporremo come delle nostre braccia e mani e chiameremo barbari coloro che non hanno tale facoltà guardando a loro come oggi si guarda alle antenate bertucce. L’importante è non dimenticarci mai che la scienza ufficiale è in cammino mentre quella ermetica (quantomeno nella Schola nostra) ha già tutto ciò che serve all’essere umano che vuole tentarne la realizzazione vivente.

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Voglio intervenire in questo discorso così scientifico di materia e antimateria partecipandovi alcune riflessioni. Secoli di cristianesimo ci hanno inculcato la stramba idea che la nostra anima sia come l’acqua in un bicchiere, contenuta ma separata dal corpo. Così, ogni squilibrio, malattia, sofferenza che ci punzecchia siamo lì a preoccuparci di eliminare o tacitare quella che viene percepita come ribellione dell’organismo. Oppure, di contro, specie se siamo acculturati con qualche infarinatura di psicanalisi, ci mettiamo a indagare sul passato e l’inconscio e la parentela fino alla terza generazione convinti che la nostra indagine scioglierà senz’altro i nodi di ogni imperfezione…in virtù della concezione di perfezione finalmente (?!!!) acquisita.
    Ma il nostro corpo siamo noi, e i suoi dolori il risultato di tutto quello che abbiamo fatto, detto, accumulato in ogni istante: dalle abitudini alimentari a quelle del pensiero; dai sussulti emotivi che ci sbattono nella giornata a quelli sensoriali che ubriacano di stimoli con odori, sapori, colori, rumori magari inutili quando non dannosi.
    Insomma è vero che siamo UNO all’interno della circolarità della nostra catena, ma prima ancora siamo UNO all’interno della circolarità del nostro corpo dove ogni cosa – fatto, opinione, idea fugace – è noi e diventa noi continuamente. Siamo felicità e sofferenza prima ancora che questa diventi patologia. E siamo vizio e stortura prima ancora della malattia. E possiamo essere balsamo e salute prima ancora di ogni medicina.
    Forse dunque la prima antimateria inafferrabile è davvero il pensiero: quello che si fa parola e poi opera, sia esso cosciente o inconsapevole.

Stai visualizzando 15 post - dal 196 a 210 (di 236 totali)

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy