UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

Home/Il Forum della Schola/UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

Home Page Forum Il Forum della Schola UN THREAD SENZA TITOLO X UN “SOCIAL” SUI GENERIS

Stai visualizzando 15 post - dal 406 a 420 (di 486 totali)
  • Autore
    Post
  • Angelo
    Partecipante
    Post totali: 69

    È vero, i suoi testi sono molto complessi. Ma Opere Magiche, Corpus iconographicum e Opere Mnemotecniche meritano la lettura. Vi sono grandi accostamenti con la Schola. Ha vissuto in linea con le proprie convinzioni. Un abbraccio a tutti.

    Vitriol
    Partecipante
    Post totali: 16

    Mi accostai alla lettura dei testi di Giordano Bruno (ma devo ancora leggerli tutti), qualche tempo dopo aver letto tutto il leggibile del Kremmerz, e devo dire di avere notato, come voi, alcuni punti di contatto.
    Alcuni di questi sono evidenti in questo video: l’arrivo in mezzo a noi, ogni qual volta ci sia bisogno, di “Anime Elette” con un mandato da compiere, il saper ascoltare il proprio maestro interiore e sopratutto L’Amore.
    Lui era secoli avanti alla società in cui viveva; e si è sacrificato per far conoscere a più gente possibile e ai posteri alcune Verità preziosissime. Un Eroe da ammirare.

    Un abbraccio a tutti i naviganti!

    m_rosa
    Moderatore
    Post totali: 293

    Il post di Alef mi permette di fare una riflessione, ultimamente mi sto rendendo conto come l’house working, che all’inizio sembrava pure una piacevole novità, potrebbe diventare pericoloso perché tende a fagocitare tutto il tempo dell’individuo, a prendere la mano, a rendere difficile separare il tempo della vita personale da quello del lavoro e o si è particolarmente centrati e si sanno separare gli ambiti, o ci si fa “fregare”.
    Ma d’altra parte, a ben pensarci, saper separare gli ambiti è sempre importante e noi miriamici ne sappiamo qualcosa

    Nicolò Parisotto
    Partecipante
    Post totali: 11

    Un buongiorno a tutti!
    Ho notato che nel sito assieme alle fasi lunari vengono anche segnati gli sciami meteorici, che legami intercorrono tra loro e noi uomini?

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 315

    Bella domanda Nicolò Parisotto!
    Banalmente, con le stelle cadenti si pensa alla realizzazione dei desideri, ma forse c’è altro?
    Mi viene in mente Pascoli di X Agosto, quando piangendo la morte tragica del padre assimila lo sciame meteorico delle Perseidi alle sue lacrime, facendo mi pare così un’analogia tra il Cielo e il suo stesso cielo:
    San Lorenzo,io lo so perché tanto
    di stelle per l’aria tranquilla
    arde e cade, perché sì gran pianto
    nel concavo cielo sfavilla.

    E tu, Cielo, dall’alto dei mondi
    sereni, infinito, immortale,
    oh! d’un pianto di stelle lo inondi
    quest’atomo opaco del Male!
    Il poeta del linguaggio simbolico della Natura sembra credere in questo intimo legame macro micro cosmico.
    Ma quali altri legami …?

    m_rosa
    Moderatore
    Post totali: 293

    Caro Nicolo’, come ha detto mandragola, bella domanda! Ma, se ci leggi un po’, avrai intuito che la nostra non è una scuola, dove si pone una domanda all’insegnante e più o meno si riceve una risposta, la nostra è Schola alla pitagorica maniera che utilizza il Metodo Ermetico e, parte fondamentale di tale metodo è porre le domande e tentare di darsi una risposta, e dopo, oggettivare la risposta. Dunque per quanto riguarda i tuoi quesiti ti consiglierei la lettura del Pdf pubblicato sul nostro sito dal titolo “Il simbolismo lunare e l’elettromagnetismo nella S.P.H.C.I. di G. Kremmerz” e il contributo dell’astronomo A.A.Vittone “Le comete possibili portatrici di vita” nel volume “Cento anni di Pragmatica fondamentale”, di cui troverai parecchi riferimenti sempre sul nostro sito.
    Certe domande/risposte, poi, riguardano il percorso personale di ognuno e, dunque, la loro comprensione cammina di pari passo con l’evoluzione interiore dell’essere che se le pone.
    Aspettando una tua riflessione ti auguro buonanotte

    Nicolò Parisotto
    Partecipante
    Post totali: 11

    Ho letto il pdf “Il simbolismo lunare e l’elettromagnetismo nella S.P.H.C.I. di G. Kremmerz”, mentre per “le comete possibili portatrici di vita” non l’ho trovato nel sito, magari se riesci a linkarmi qualcosa ti ringrazio.
    Se devo provare a darmi una risposta direi che essendo materia provenienti da astri, contenga delle caratteristiche proprie in base alla regione astrale appunto di provenienza e alla sue forme. Quindi come le fasi lunari hanno degli effetti su di noi, anche gli sciami meteorici ne potrebbero avere degli altri.
    Quando mi è sorta questa domanda credevo che gli eventi degli sciami meteorici fossero imprevedibili o comunque un qualcosa che non si ripetesse con cicli ben precisi, invece mi sembra che si possano prevedere e che anzi si trovano indicati sul web tutte delle liste.

    Provando ad oggettivare la questione ho trovato che nel decimo punto della porta ermetica Kremmerz tratta l’argomento. Mi ha colpito la differenziazione tra la stella fissa che viene definita una evoluzione compiuta di un uomo intelligente integrato nei suoi poteri divini e quindi una creazione, il numero tre; e tra la stella caudata che invece compare a cicli.
    Sembrano essere delle creazioni che ad intervalli di tempo si manifestano portando portando sia materiale ma anche essenze intrinseche.

    tanaquilla9
    Moderatore
    Post totali: 476

    Stasera lo sciame delle perseidi, di origine cometario, non si è fatto attendere. Grazie ad un cielo sereno, se ne sono già viste diverse di stelle cadenti fino ad ora. E come dici Nicolò Parisotto non solo compaiono a cicli fissi, cioè il ritorno delle stelle cadenti ha regolarità astronomica, per cui devono avere anche degli effetti costanti, ma cadono tutte nella stessa direzione e secondo linee parallele. Per stasera e le prossime serate buono spettacolo a tutti.

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 315

    Le Perseidi, festeggiate tradizionalmente il 10 agosto, trovano riscontro sia nella tradizione cristiana con le lacrime di San Lorenzo martirizzato sulla graticola, che nella tradizione precvedente pagana italica con la festa ad Acca Larentia (vedi etimologicamente “Lorenzo” che assimila “Larentia”) unita al Dio Priapo. Interessante, il mito: Acca Larentia, forse di origine etrusca, era la madre dei 12 figli fra cui Romolo (da cui si sono originati i 12 Fratres Arvali) e a lei, con Priapo appunto, si attribuiva in questo giorno il legame con il manifestarsi della seminagione celeste sulla terra.
    In tal caso lo sciame, di origine cometaria come giustamente riporta tanaquilla9, assumerebbe il significato di una semina celeste sulla terra, in linea con la visione scientifica menzionata da m_rosa (vedi Vittone in “Cento Anni di Pragmatica Fondamentale”), che vede le comete portatrici di vita.

    kridom
    Partecipante
    Post totali: 110

    L’ultima volta che sono stato al Museo Egizio di Torino ho notato che in una scultura il sacerdote egizio rappresentatovi vestiva un abito con stelle a 5 punte. Ho trovato la cosa sorprendente al momento, poi ho letto che in una ricerca pubblicata sul Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, gli astrofisici dell’Università di Evanston (USA) hanno scoperto che la nostra galassia, la Via Lattea, è composta in buona parte da materiale che viene da altre galassie in occasione delle esplosioni delle supernove che diffondono la materia di cui erano composte per tutto l’universo. Pertanto, il nostro stesso corpo è fatto, in parte, di materiale stellare. Quindi non solo le comete e le meteore ma anche le stelle stesse ci arricchiscono di vita o fanno si che la vita sia possibile sul nostro pianeta.

    tanaquilla9
    Moderatore
    Post totali: 476

    Caro Kridom, è interessante la notizia che riporti. Mi ha incuriosita perché ricordo che Giovanni Pontano (nell’ambito della manifestazione del 2011 Astra on line – Notte di Plenilunio di Solleone in Valnerina, a cura della SPHCI, come riportato in Attività e Curriculum dell’Associazione) nelle sue opere astrologiche scriveva sulla via Lattea e sui misteri legati all’uomo che essa nasconderebbe. Anche Giordano Bruno diceva che la via Lattea è di natura stellare. Secondo gli studi degli scienziati che citi la nostra origine e gli atomi di cui siamo composti si possono definire almeno in parte extra-galattici. Si parla di un potente vento galattico che trasporta il materiale sprigionato dalle supernove tra una galassia e l’altra, formando una sorta di miscuglio intergalattico. Questa teoria si scontra fra l’altro col Big Bang che propone la formazione locale delle galassie, e mi sembra più aderente all’idea di Universo-UNO.

    tanaquilla9
    Moderatore
    Post totali: 476

    Siamo al volgere dell’Estate, a meno di un mese dall’Equinozio di Autunno. Credo che tutti desideriamo il fresco autunnale e le sue tinte rosso-dorate. Ma anche il nuovo inizio che porta. Speriamo in buone notizie anche per il covid. Fra l’altro leggevo che nella tradizione popolare San Michele (a settembre) opera contro le epidemie. Ho riletto un po’ di pagine di questo forum e voglio esprimere ancora una volta la sua straordinaria importanza per noi: ci collega e ci unisce. E’ davvero uno dei molti DONI che ci è stato fatto.
    Si parlava qui, un po’ di tempo fa, di Giordano Bruno. Vitriol e altri esprimevano il loro entusiasmo per la figura di questo iniziato e la per la sua filosofia panteistica. Una domanda: era solo o si collegava a scuole e a insegnamenti iniziatici?
    Un saluto fraterno all’Admin e a tutti gli utenti di questo Forum

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 315

    Condivido la tua speranza e i saluti all’Admin Kremmerz e al Forum, tanaquilla9, settembre è alle porte e con esso la riapertura di situazioni che potrebbero rinfocolare la pandemia. Speriamo bene, perchè di buon senso se ne vede poco in giro (sob)!

    tanaquilla9
    Moderatore
    Post totali: 476

    E’ di questi giorni la notizia che l’università di Perugia sta studiando la correlazione tra l’emissione di anidride carbonica e i terremoti, partendo dall’analisi del CO2 sciolto nelle acque di falde appenniniche. L’analisi ha dimostrato che vi è la sua massima concentrazione in occasione di intensa attività sismica e questo nel nostro Appennino. Stiamo insomma studiando un fenomeno antico come il mondo di cui ancora non si sa abbastanza. Mi sono ricordata di alcune letture fatte sugli antichi abitanti della penisola che avevano precisi Numi che regolavano la modellazione del suolo e la sua protezione dalle scosse telluriche. Vi sono anche delle ipotesi che i monumenti megalitici e i luoghi di culto sorgessero ad hoc su particolari nodi elettromagnetici terrestri per cercare di neutralizzare i terremoti. Speriamo che si vada avanti nelle ricerche e che si arrivi a conoscenze atte a salvare la vita umana.

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 315

    Cara Tanaquilla, speriamo …

Stai visualizzando 15 post - dal 406 a 420 (di 486 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy