NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home/Il Forum della Schola/NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Home Page Forum Il Forum della Schola NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

Stai visualizzando 15 post - dal 436 a 450 (di 470 totali)
  • Autore
    Post
  • kridom
    Partecipante
    Post totali: 109

    Grazie Buteo per averci fatto conoscere questo importante documento, che coincide con le dichiarazioni effettuate dal sindaco di Bergamo alcuni giorni fa. è fondamentale che diventiamo pienamente consapevoli della situazione in cui siamo senza al contempo farci prendere dal panico e dalla disperazione. Anche questa è la Vita e fa parte della Natura, come giustamente ci fai notare.

    m_rosa
    Moderatore
    Post totali: 291

    Indagando per le nostre ricerche, mi sono imbattuta in una notizia che mi sembra interessante, riguarda la possibilità, anche per gli esseri umani, di percepire la luce polarizzata che è quella capacità che permette a molte specie animali di potersi orientare. Provo a riassumere l’articolo. La luce possiede, oltre ad ampiezza e lunghezza d’onda, anche la polarizzazione, che indica la direzione in cui oscillano le onde luminose che, come una corda che viene agitata, possono muoversi orizzontalmente o verticalmente.
    In particolari condizioni, un’alta percentuale di raggi luminosi può viaggiare con un medesimo orientamento, in questo caso si parla di luce fortemente polarizzata e può succedere, guardando immagini riflesse in uno specchio d’acqua o il cielo limpido con un angolo di 90° rispetto alla posizione del sole (sono fenomeni molto rari) che l’osservatore percepisca una doppia macchia giallastra: è il cosiddetto Haidinger’s brush (spazzola di Haidinger) cioè la capacità del sistema visivo umano di percepire la polarizzazione della luce. Questo fenomeno è stato confermato da uno studio della Britistol’s School of Biological Sciences pubblicato su Proceedings of the Royal Society B nel 2015 (?), che rivela che la specie umana può percepire la luce polarizzata così come capita a diverse specie animali che la usano per orientarsi nei viaggi migratori o per gli spostamenti (sembra che le api e le seppie ne siano tra i più dotati)
    E’ una sorta di ulteriore senso di cui la maggior parte degli uomini ne è inconsapevole. La finalità dello studio che, a quanto pare era quella di indagare sulle capacità ancora poco sfruttate della mente umana, ha ottenuto anche una conseguenza pratica collegabile alle patologie oculari, in sintesi (chiedo venia agli esperti) pare che la capacità di percepire la polarizzazione della luce sia legata a particolari sostanze chiamate pigmenti carotenoidi e che chi possiede pochi di questi elementi sia ad alto rischio di sviluppare degenerazioni maculari.
    E’ “curioso” come ancora una volta scienza e coscienza procedano di pari passo, e fa riflettere su come le implicazioni della Terapeutica Ermetica travalichino il concetto di Salute comunemente inteso e siano molto più onnicomprensive. Buona domenica a tutte/i

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 239

    https://amp.padovaoggi.it/attualita/studio-tumore-polmone-glioblastoma-iov-padova-01-luglio-2020.html
    Ciao a tutti! Ho trovato interessante questa info che evidenzia nella ricerca medica per la cura oncologica, una visione sempre più orientata verso lo studio personalizzato del DNA dell’individuo anche in un discorso di terapia e per il glioblastoma ,in particolare, sembra essere stato già approvato un farmaco che risulterebbe essere particolarmente efficace e con questa buona nuova che lascia ben sperare, auguro una buona giornata a tutti i naviganti

    Talpa
    Partecipante
    Post totali: 5

    Buonasera a tutti.
    Ho avuto l’opportunita’di frequentare i corsi di studio presso questa Associazione.
    Terminati i corsi sto continuando a studiare i testi del Maestro Kremmerz e leggendo il quinto dialogo/Scienza dei Magi3 ho forse individuato una interessante corrispondenza.
    Il Maestro scrive “ tappezzate i vetri della vostra finestra con carta rossa, mutate le vostre lampade in vetro rosso, vivete tre giorni in questa luce rossa. Voi guarirete. Il rimedio per la via degli occhi e’ disceso al male, ha ridonato L’equilibrio.”
    Ecco, sul sito notizie scientifiche.it, oftalmologia, e’ presente un recente articolo, nel quale si afferma che il declino della vista, collegato all’eta’ potrebbe essere contrastabile mediante l’applicazione
    di brevi raffiche di luce rossa ad onde lunghe negli occhi.
    Il link: https://notiziescientifiche.it/declino-della vista-scienziati-scoprono-che-e-contrastabile-con-luce-rossa-negli-occhi/
    Ringrazio per l’attenzione

    tanaquilla9
    Moderatore
    Post totali: 476

    Benvenuta/o fra noi, Talpa.
    Interessante la notizia che riporti. Potrebbe essere molto utile.
    Che ne dicono i medici della Schola?

    m_rosa
    Moderatore
    Post totali: 291

    Benvenuta tra noi Talpa, è bello verificare come il pensiero del Kremmerz sia confermato dalle ricerche scientifiche e ancora di più mi da un senso di giustizia pensare che esistono in Natura i rimedi per i nostri mali

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 178

    Ho trovato a questo link il trattamento che una mia collega aveva avuto a fronte della sua maculopatia (peraltro non senile). Invece al mio anziano genitore era stata somministrata una cura diversa.
    La mia collega – per quanto ne so – ne aveva tratto giovamento e la maculopatia si era fermata.
    Curioso il fatto che la Luce blu sua invece considerata dannosa a questa patologia.

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 331

    Intanto un caro saluto a Talpa, di cui leggo oggi il post dei giorni scorsi. Interessante il contenuto del Sito scientifico a cui ci rimanda circa studi sperimentali in materia oftalmica presso l’Ateneo di Londra, vediamo se queste nuove modalità di intervento terapeutico mirato, mediante proiezione di fasci di luce colorata, prenderanno corpo in campo oculistico. Questo però, mi porta a rileggere quanto affermato proprio dal Maestro Kremmerz nella Scienza dei Magi, al Volume Primo, pagina 149, dove il Maestro, nell’elencare i consigli pratici agli aspiranti discepoli di allora, a proposito di colori e relative virtù così si esprimeva: “ I colori, a mezzo dell’apparato visivo, hanno un’azione diretta sul cervello, sul cervelletto e sui nervi proiettori … “! E poche righe più sotto : “ Il colore conferisce la sua virtù in ordine alla idea e qualità che gli si attribuisce ”. Ho letto da più parti, in più scritti, che il colore Rosso ha innumerevoli e Infinite Virtù, è il colore del Sole ma in determinati momenti astronomici per riflesso coinvolge anche la Luna, Marte è per antonomasia il Pianeta Rosso, la Pietra dei Filosofi, mi pare che al massimo grado di raffinazione, se così si può dire, sia caratterizzata proprio dal colore Rosso.
    Con l’augurio a tutti i naviganti di una buona domenica, e perché no, magari con un altro tramonto rosso fiammante come in queste sere sui cieli di Torino.

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 239

    https://www.ilmessaggero.it/AMP/salute/cervello_udito_morte_sentire_ultime_notizie-5336674.html
    In questo articolo,si parla del cervello umano e dell’udito come l’organo di senso che rimarrebbe attivo fino alla fine della vita, anche laddove il malato non è più cosciente:infatti, egli sembra essere in grado di recepire e ascoltare le parole del suo interlocutore. Gli studiosi stanno cercando di saperne di più sulla utilità della pratica di parlare ai malati non più coscienti ma comunque presenti in base al fatto se ci sia una reale comprensione del linguaggio o è solo un ricordo della persona amata. Mi sono chiesta se al di là delle parole, la cosa più importante forse non sarebbe quella di fare arrivare loro serenità e amore, attraverso uno stato di maggiore neutralità possibile, come viene peraltro ricordato nella Terapeutica Ermetica?

    guglielmo tell
    Partecipante
    Post totali: 140
    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 239

    https://notiziescientifiche.it/cancro-al-seno-nuovo-nanofarmaco-uccide-cellule-tumorali-senza-intaccare-quelle-sane/amp/
    Interessante Guglielmo Tell! Lo avevo letto anch’io e parimenti ho trovato un articolo sulla cura dei tumori che parla delle ricerche sui nanofarmaci,i quali in maniera selettiva attaccano le cellule malate, lasciando intatte quelle sane e ciò mi sembra vada a confermare il fatto che la medicina sempre più si stia orientando, attraverso l approccio preventivo dello studio del DNA e cure sempre più mirate e personalizzate,ai principi di medicina ermetica

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 85

    Intervengo sul tema delle nano-tecnologie per segnalare che sono allo studio delle nano-macchine impiantabili in grado di segnalare molto precocemente l’insorgere di gravi patologie (come ad esempio ischemie coronariche e tumori) utilizzando appositi sensori e meccanismi di comunicazione verso l’esterno del nostro corpo. Il paradigma di riferimento in letteratura è noto come “Internet of Nano-bio Things”. Non so quando queste nano-macchine saranno pronte ma, considerando la velocità con cui si sviluppano questo tipo di tecnologie, potremmo vederli presto in azione. Come al solito questa nuova tecnologia (come tutte le altre ideate dall’essere umano) potrà portare grandi benefici se utilizzata in modo idoneo (secondo il mio modesto parere). Il mio punto di vista è che la cosiddetta “Internet of Nano-bio Things” contribuirà ad innalzare ulteriormente l’aspettativa di vita.

    m_rosa
    Moderatore
    Post totali: 291

    Questi ultimi post mi hanno riportato alla mente i casi, di cui si è parlato tempo fa, di cani che con l’olfatto riescono ad individuare la presenza di tumori, sono andata a cercare e ho visto che nel sito dell’AIRC, si ammette che il metabolismo dei tessuti tumorali diverso da quello dei tessuti sani sprigiona molecole volatili odorose che possono essere intercettate dal raffinato sistema olfattivo di alcune razze di cani. Nonostante ciò, però, la ricerca non si è dimostrata nè migliore nè più economica delle analisi diagnostiche in uso, e dunque sembra si sia fermata, però, conclude l’Airc, “se un cane annusa con insistenza una parte del corpo del padrone può essere utile dirlo al medico”
    Certamente non è una novità questa che ho riportato, però fa riflettere sull’importanza e sulla necessità di “affinare i nostri sensi” in primo luogo per una questione di sopravvivenza, chi meglio di noi può capire come funzioniamo, chi meglio di noi può intercettare e leggere quei segnali che noi stessi produciamo e che molto spesso ci indicano cos’è che non va. Per questo il lavoro di Purificazione che andiamo facendo sempre, a tutti i livelli, è fondamentale, ma ancora più fondamentale è la Miriam, che ci da le coordinate e i suoi Maestri che ci aiutano a seguirle. Buon percorso a tutte/i e in particolare a tutti gli ammalati che si rivolgono a noi

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 239

    https://notiziescientifiche.it/tumore-al-seno-dieta-del-digiuno-potenzia-effetto-dei-farmaci-nei-topi/amp/
    A proposito di pratiche di purificazione , di cui parlava Mrosa, è allo studio anche per gli esseri umani,la valenza del digiuno controllato, di cui si era già parlato su questo sito, che andrebbe a potenziare le terapie ormonali delle pazienti oncologiche e che verrebbe usato in tal senso esso stesso come terapia. Ringrazio la Miriam e il Maestro Kremmerz che,in primis, ancora una volta, ci ha indicato una via di salute: ‘senza tempo’.
    P.S. avevo sentito che la capacità dei cani di fiutare le malattie(anche virali- vedi Covid) riguarda anche i gatti che in molti casi, hanno salvato le vite dei propri umani,mettendoli in guardia!

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 239

    https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/07/26/chernobyl-scoperto-nel-reattore-nucleare-un-fungo-che-protegge-dalle-radiazioni-e-la-chiave-per-vivere-su-marte/5880991/amp/
    Ciao a tutti! Riporto una notizia interessante sul piano terapeutico che potrà risultare molto utile in particolare per proteggere malati oncologici dalla chemioterapia e tutti coloro che devono lavorare o abitano presso reattori nucleari….la scoperta potrebbe risultare rivoluzionaria ma anche ancora una volta sorprendente davvero… è proprio il caso di dire che la Natura/ Una “tutto in Sé contiene”.

Stai visualizzando 15 post - dal 436 a 450 (di 470 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy