Libere testimonianze

Home/Il Forum della Schola/Libere testimonianze
Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 70 totali)
  • Autore
    Post
  • wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 301

    Porto la testimonianza di un aiuto terapeutico ricevuto da una persona che non conosce la Miriam, ma nel momento del bisogno si è rivolto senza alcun tentennamento, ottenendo sollievo e beneficio e la definitiva risoluzione di una situazione molto delicata. In breve, caduto in grave stato di prostrazione e depressione per essere stato accusato ingiustamente di un reato penale, da cui era completamente estraneo, ha deciso di rivolgersi alla Miriam: nel giro di qualche giorno, la situazione che sembrava precipitasse, si è ribaltata completamente e laddove la prima difesa interpellata,era risultata del tutto insufficiente e inadeguata,repentinamente la nuova difesa è riuscita a dimostrare in breve, l’estraneità dei fatti e la completa innocenza della persona, la quale ne è uscita completamente integra ai sensi della legge. La sua condizione psico/fisica è migliorata poi velocemente, accompagnata da un sentimento di gratitudine profonda,ristabilendo in breve tempo, il suo stato di salute. (P.S.Un particolare curioso: una settimana prima degli accadimenti,il sogno di un’onda altissima che si stagliava all’orizzonte e si avvicinava minacciosa; a protezione, solo una porta alta e bianca, che avrebbe dovuto fermarla, ma, secondo la logica comune, con esito del tutto improbabile…senonché all’infrangersi dell’onda, la Porta Bianca , inaspettatamente ha tenuto’ ermeticamente’, senza provocare la benché minima incrinatura!) Un caro saluto a tutti

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 211

    È proprio vero cara Wiwa che l’aiuto della Miriam si manifesta inesorabile, laddove ci attiviamo per giusta causa e questo in ogni campo della vita! Nello specifico, ho osservato, nel tuo caso ma anche in altre situazioni analoghe,che l’intervento terapeutico nelle questioni di ingiustizie legali, si manifesta fulmineo e implacabile …come un uragano spazza via l’abuso, i cavilli, che spesso sono tranelli veri e propri,le lungaggini burocratiche, le calunnie…Nessuno passa indenne da esperienze legali ingiuste, ma ci sono persone che particolarmente soffrono e si ammalano, spesso anche in tempi brevissimi. La giustizia umana è una macchina, un automa, che quando si mette in moto, non sempre porta dove deve. La Giustizia di Miriam, però, è una Legge che tutto comprende e prevede, anche le ingiustizie e le storture: sarà per questo che riesce a prevenire le conseguenze più disastrose. Buon lunedì a tutti!

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 669

    Direi che l’intervento terapeutico ha coadiuvato la persona in questione “caduta in grave stato di prostrazione e depressione…”. Quindi lo ha supportato nella suo stato di salute psico-fisica divenuto precario e in difficoltà. Perché la nostra finalità è terapeutica. Il resto è venuto da sé perché si è sempre detto che l’aiuto della Miriam è a 360°.

    Cingallegra
    Partecipante
    Post totali: 25

    Volevo condividere un’esperienza interessante che mi è capitata sperimentando le erbe raccolte la sera di San Giovanni.
    Letto il post dedicato, avevo deciso di girare per le pinete della città alla ricerca di erbe selvatiche; non avevo molte speranze perché in quei giorni era tutto secco, qui avevano toccato i 45 gradi. Il mio compagno si è offerto di accompagnarmi, sfonderando una meravigliosa applicazione che riconosceva le erbe semplicemente inquadrandole! E così a suon di “questa è’ artemisia” e “questa è’ malva selvatica”, abbiamo messo su’ un bel sacchetto e l’ho lasciato alla luna. All’indomani, valorizzata l’acqua profumata di erbe, mi sono lavata e mi sono resa conto che me n’era avanzata un sacco. Quant’era profumata quell’acqua!!! Dava di rose, di rosmarino, di fresco! Un profumo buonissimo!
    Ho chiesto consiglio a una sorella e ho congelato l’acqua avanzata. Qualche settimana fa il mio compagno e’ andato ad una partita di calcetto e si è fatto male al ginocchio (quello senza menisco, cosa che dovrebbe indurlo a non giocare in realtà…) e così metti il ghiaccio e togli il ghiaccio, dopo un’intera sera aveva ancora dolori. Poi ad un certo punto gli ho chiesto se volesse sperimentare altro, così oltre al p.s., ha applicato l’acqua di San Giovanni congelata. Nel giro di un quarto d’ora non aveva più dolori!!!
    Ho ricongelato l’acqua prima che si sciogliesse del tutto, e aspetto la prossima partita di calcetto, sperando che ne’ p.s. ne’ acque servano di nuovo per il grande sportivo!

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 669

    Grazie di queste bellissime testimonianze, ultima quella di Cingallegra, che danno respiro e fiducia, facendo letteralmente evaporare la bruttura di questi ultimi tempi. Il BENE TRIONFA GRAZIE ALLA MIRIAM.
    A me sta capitando spesso di operare con urgenza in casi gravi, per far cessare il dolore. Grazie alla Catena miriamica, e alle Gerarchie che la presiedono il dolore cessa, scompare ed è più che commovente sentire la persona rinfrancata, restituita a se stessa dalla corrente di BENE di cui siamo tramiti, per la grande Generosità delle Forze che ci governano.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 211

    Oggi ho camminato a lungo in un bosco e,immersa nel silenzio e nei profumi di abeti e muschio, riflettevo sull’aiuto terapeutico che la Miriam ci elargisce.A richiesta, ma sempre. Direi:” puntualmente “, laddove, mi sono detta, riusciamo a coglierne la portata. Quante volte ci siamo accorti che quell’aiuto era arrivato su più piani, a più livelli e noi a ringraziare, certamente grati, ma stupiti di tanta ” abbondanza”? Poi mi sono detta, che se la Miriam è Bene Assoluto, se è una Legge, se è Matrice, non può operare diversamente, ovvero se non in maniera completa, a 360 gradi, toccando tutti gli ambiti, tutte le sfaccettature dell’esistente! A chi, come me, è in cammino, sfugge talvolta, questa visione di insieme e si tende a guardare la vicenda singola, il problema specifico…Insomma, si guarda il dito e non la Luna che sta indicando…Anche il Tempo,dimensione misteriosa,rientra nella Legge e sfugge quindi anch’esso alla nostra percezione: mi è capitato spesso di chiedere un necessario e sincero aiuto… con le parole sbagliate. Tempo dopo, la risposta è arrivata – quasi dimenticavo che l’avevo chiesto! – e ho capito di aver ricevuto aiuto oltre anche la mia consapevolezza di allora.E sempre per ciò che era il mio vero Bene. Sentivo una frase di un film, tempo fa:” Chi ti Ama, c’è prima.” L’Amore della Miriam ci immette in una giusta corrente di Bene e, per fare questo, travalica tempi e ignoranza. È un Sole che splende per tutti, sempre, indistintamente.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 211

    E vorrei esprimere un’altro pensiero, un ” moto dell’anima”: a costo di sembrare mistica, ma non mi importa. Mi apro e chiedo scusa alla Miriam per essere cieca, sorda. Perché,nonostante tutto il Bene ricevuto, mi faccio soffocare dalle mie sovrastrutture, dalle paure, dagli incaponimenti che, pur sbattendo la testa contro il muro una infinità di volte, stanno lì e non si smuovono. Per tutte le volte che ho creduto di poter far da sola, per aver lasciato intendere che fossi meglio di come sono in realtà…Ma una cosa la comprendo bene: ho paura di sbagliare, di non accorgermi degli errori che faccio, di essere spazzata via e di essere respinta dalla Madre Miriam. Che non possa più seguire questo cammino, vero ossigeno e vera speranza per me. I Maestri e i fratelli mi vorranno scusare se ho portato tanto a livello personale. Forse è meglio che per un po stia lontana dai boschi!!

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 520

    Cara seppiolina74, ti ringrazio della tua testimonianza, nella quale riconosco stati d’animo, dubbi, contraddizioni, aneliti, certezze e altro che evidentemente fanno parte di un percorso condiviso in Miriam.
    E’ bella l’immagine del bosco fonte di certezza e di inquietudine. E’ bello ancor di più quando dici che “L’Amore della Miriam ci immette in una giusta corrente di Bene e, per fare questo, travalica tempi e ignoranza. È un Sole che splende per tutti, sempre, indistintamente.”
    Anch’io lo credo…
    Fraternamente…buonanotte a tutte/i.

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 451

    Anche io ,cara seppiò Lina, ti ringrazio per la tua testimonianza, mi hai riportato a sensazioni che a volte ho provato anche io e che, probabilmente, come dice mandragola, fanno parte del cammino evolutivo.Su una cosa sento di poterti rassicurare, la Miriam è li, da sempre e per sempre lo sarà, non respinge e non attira, non giudica e non coercisce, allontanarci o avvicinarci a Lei dipende da noi, più riusciamo a convibrare della Sua sostanza più ne veniamo attratti e più entriamo nella sua orbita. Anche nei momenti più difficili dobbiamo tenerlo a mente

    holvi49
    Partecipante
    Post totali: 107

    Parole sante,(mi si perdoni l’espressione),m_rosa.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 211

    Care Sorelle! Vi ringrazio per le vostre parole perché ancora una volta mi aiutano a capire che in questo cammino possiamo comprenderci e sostenerci a vicenda, nonostante il percorso sia individuale…e vi dirò, ogni tanto fa bene “far tabula rasa” e ricominciare, perché così facendo riusciamo persino a fare da specchio a noi stessi, osservandoci da vicino e correggendo la rotta. Sempre con l’obbiettivo di capire e procedere,senza paura, ma anche senza fretta. Vi abbraccio fraternamente!

    Dafne
    Partecipante
    Post totali: 33

    Posso portare un esempio di una cosa che mi è capitata per caso. Nel mio girovagare, un giorno volevo vedere un piccolo castello nella valle del Fiume Aso, lungo una piccola strada. Purtroppo ho trovato una catena per lavori di restauro che stavano facendo. Allora ho proseguito a piedi, quando a un certo punto sulla destra c’era un albero grande, molto grande, tanto che in due persone non lo abbracciavi.Guardando questo albero che credo fosse un tiglio, a un certo punto io vi assicuro che ho visto una cattedrale, una vera cattedrale fatta dei rami di questo grande albero… mi sono messa lì sdraiata per terra a godermi questa visione…e sono stata bene, felice… non ho mai visto una cosa così…con i rami che toccavano quasi terra come se fosse la volta di una chiesa che mi ha avvolta tutta. In ogni caso era un luogo sacro, vedevo un qualcosa di sacro e questa sacralità l’ho sentita dentro di me come se mi avesse fatto qualcosa di bene … nonostante non avessi chiesto niente, nulla, perché ero talmente incantata che non ho detto manco ahh! A dimostrazione che il mio stato d’animo che era triste e amareggiato mi ha portato lì per avere un aiuto che davvero me l’ha dato. Una spiegazione di questo è certamente nel mio essere una miriamica in Catena, perchè la Miriam mi ha riarmonizzato tramite l’albero e il Genius loci del luogo. Purtroppo non ho potuto fare foto, perché il mio telefono è di quelli vecchi. Un abbraccio affettuoso al +++++Maestro e a tutti i Fratelli.

    kridom
    Partecipante
    Post totali: 168

    Cara seppiolina74, mi rifaccio al tuo post del 5 agosto, per testimoniarti che anche io mi sento come te certe volte.
    Pensa che un pò di settimane fa mi è venuto il mal di testa, allora ho preso l’ibuprofene la mattina e, visto che non era passato, ho preso il paracetamolo la sera e poi di nuovo l’ibuprofene la mattina seguente, però il mal di testa restava lì. Finalmente mi sono convinto a farmi un pronto soccorso il pomeriggio del secondo giorno e il mal di testa è andato via. Mi sono detto, ma perchè non l’ho fatto prima? perchè non sono coerente con il percorso che ho liberamente scelto di fare? Mi rispondo che il nostro percorso richiede tempo, ma piano piano delle cose in noi si modificano, se siamo costanti nelle pratiche e ci impegniamo attivamente.
    Inoltre, con riferimento ai boschi, generalmente quando faccio un sogno che è correlato alla Miriam mi trovo in un bosco con prati e ruscelli. Credo che sia più facile sentire la Miriam in un contesto naturale che in un vialone trafficato di città, tuttavia la Miriam rimane sempre un luogo interiore.

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 211

    Buongiorno! Dafne hai avuto davvero una gran fortuna ad imbatterti in un Albero così antico e maestoso! Purtroppo mon è facile trovarli…Tempo fa si parló sul Sito di grandi Creature arboree, spesso nominate nei libri fantasy e nei films…Gli studiosi ne parlano come alberi ” Matriarche” perché spesso, all’interno di una foresta, nutrono e proteggono quelli più giovani. Inoltre, il bosco, come facevano notare Mandragola (” …fonte di certezza e di inquietudine…”) e Kridom, che i boschi li sogna come un luogo in cui ritrovarsi in comunione con la Miriam, è un archetito presente sovente nelle fiabe. C’è quasi sempre un bosco da attraversare, dei fitti rovi di spine da districare: luogo spaventoso e buio in cui ci si perde durante il viaggio, ma che può dare anche riparo e conforto ( vedi la casetta dei nani in Biancaneve). Insomma, si entra sempre in un bosco per imparare a starci in mezzo e per trovarne l’uscita! In questo, ritrovo il mio percorso e quello di tanti fratelli che, temerari, hanno scelto di imboccano il cammino. Buon viaggio a tutti noi!

    Dafne
    Partecipante
    Post totali: 33

    E’ vero seppiolina74, condivido che ho avuto fortuna e condivido anche le tue idee. Spero una cosa: che anche altre pian piano comprendano questo cammino che ha delle simbologie molto importanti.

Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 70 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy