LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE

Home/Il Forum della Schola/LA PANDEMIA DA CORONAVIRUS TRA DATI OGGETTIVI E OPINIONI SOGGETTIVE
Stai visualizzando 15 post - dal 736 a 750 (di 771 totali)
  • Autore
    Post
  • m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 556

    Appoggio in pieno il tuo post, Angelo, soprattutto quando ti chiedi perché il vaccino è imposto come cura non sostituibile, mi auspico che al più presto siano ufficializzate cure specifiche per chi si ammala di Covid. Ho sentito che da ottobre dovrebbero essere messe in commercio, speriamo! Intanto, mi diceva una ex collega insegnante, che, nella prima circolare ricevuta dalla sua direzione, si dice che la green card sarà necessaria fino al 30 settembre dopo di che ne decade l’obbligatorietà. Qualcuno ne sa qualcosa?

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 238

    Confermo quanto detto dalla ex collega come misure di controllo predisposte dal Ministero nelle istruzioni ai Dirigenti Scolastici, tuttavia, quanto alla obbligatorietà, sarà (circolare MIUR) “fino alla fine dello stato di emergenza” cioè fino al 31 dicembre.
    Insomma si naviga a vista, con test salivari dai 6 fino ai 14 anni, vaccinazioni d’obbligo per tutto il personale della scuola e studenti universitari, campagna vaccinale capillare sui giovani dai 14 ai 19 anche a cura dei docenti.
    Personalmente ho rifatto scorta di FFp2, Amuchina, dusinfettante per borsetta, e… strumenti nostri.
    Oltre a rispettare la Legge, ovviamente.
    Insomma, aiutati ché la Miriam ti aiuta.
    E buon Settembre alle porte.

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 650

    Forse m_rosa invece di green card intendevi green pass? che mi risulti le circolari scolastiche diramate si rifanno al decreto legge del 6 Agosto 2021 (vedi Gazzetta Ufficiale della Repubblica: https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2021-08-06&atto.codiceRedazionale=21G00125&elenco30giorni=false):
    “Art. 9-ter – Impiego delle certificazioni verdi COVID-19 in ambito scolastico ed universitario: “Dal 1° settembre 2021 e fino al 31 dicembre 2021, termine di cessazione dello stato di emergenza, al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione in presenza del servizio essenziale di istruzione, tutto il personale scolastico del sistema nazionale di istruzione e universitario, nonché gli studenti universitari, devono possedere e sono tenuti a esibire la certificazione verde COVID-19.”
    Quindi da domani fino a tutto dicembre green pass obbligatorio con una delle seguenti modalità: esenzione (motivi di salute ecc), guarigione da covid (durata 12 mesi), vaccinazione (dal 15° giorno della prima dose durata 12 mesi), tampone negativo (durata 48 ore).
    Se qualcuno ha notizie diverse…

    kridom
    Partecipante
    Post totali: 177

    Cara m_rosa, prendendo spunto dal tuo post, sono andato a cercare qualche informazione in più sui farmaci che potrebbero essere autorizzati ad ottobre per il trattamento dell’infezione da Covid19, che condivido con voi che leggete questi post.
    Si tratta di 5 prodotti:
    – n.1 immunosoppressore, che è il baricitinib. si tratta di un farmaco già esistente (come il tocilizumab) che verrebbe esteso nelle sue possibilità di uso anche allo stato infiammatorio causato dal Covid
    – n.4 anticorpi monoclonali prodotti da varie case farmaceutiche. In questo caso si tratta di prodotti oggetto di nuovo sviluppo che sono al momento oggetto, come è stato per i vaccini autorizzati in emergenza, di rolling review da parte dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA).
    Non è sicuro che tutti e 5 saranno approvati ma probabilmente alcuni di questi passeranno l’esame già a ottobre. La definirei una notizia molto buona!
    Fonte: https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/it/IP_21_3299

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 556

    In relazione al drastico calo dei contagi COVID in Giappone il Prof. Itsuro Inoue, ricercatore capo dell’Istituto Nazionale di Genetica della Niigata University ha dichiarato al The Japan Times “La variante Delta in Giappone era altamente trasmissibile e aveva soppiantato le altre varianti. Ma crediamo che, man mano che le mutazioni si accumulavano, alla fine il virus sia diventato difettoso e non sia stato più in grado di replicarsi. Considerando che i casi non sono aumentati, pensiamo che a un certo punto sia andato verso l’estinzione naturale a causa delle mutazioni” L’immunologo italiano Mauro Minelli così spiega il fatto “Sembrerebbe che la variante Delta abbia accumulato troppe mutazioni a carico della proteina nsp14, responsabile della correzione degli errori di copiatura durante la replicazione virale. Il malfunzionamento della proteina avrebbe innescato l’autodistruzione dell’agente virale. Non è una novità assoluta: è un meccanismo conosciuto ma che in questo caso, se l’ipotesi fosse confermata, avrebbe il primato di aver reso manifesti i punti deboli del coronavirus”.
    A me sembra una buona notizia!

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 650

    Speriamo, cara m_rosa, ma nel frattempo è arrivato Omicron, la variante dicono più temibile!
    Pare strano, ma in pochi giorni abbiamo visto che molte delle nostre discussioni piene di riserve sui comunicati scientifici e sulle strategie adottate verso il covid, sull’efficacia dei vaccini e altro (vedi bambini e vaccini), erano giuste e avevano un senso. Ora gli addetti ai lavori, virologi ecc, rivedono il tutto, ora ci sottolineano che la scienza loro non è la scienza esatta, ma noi lo sapevamo già ed è per questo che nutrivamo dubbi sulle tante certezze e sulle sparate che ci siamo dovuti subire, a livello mediatico e non…
    Vigili accorti e attivi, seguiamo le strategie ermetiche che ci arrivano dalla Schola e dalle Gerarchie, che prima o poi trovano sempre conferma!

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 763

    Anche su omicron in poche ore se ne sono già dette molte, e sembrerebbe, invece, che produca sintomi molto lievi.
    Può darsi e speriamo che alla lunga e dopo alcune varianti il virus stia perdendo di virulenza.

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 350

    Condivido il fatto che l’informazione del comitato tecnico scientifico ancora una volta è lacunosa, per i soliti motivi che stanno cercando di capire, in primis loro, come funziona…si è appena cominciata la somministrazione della terza dose che già si parla in primavera della quarta…ma nessuno dà indicazioni su quando è bene farla a beneficio della salute di tutti? Non si conoscono i tempi oggetivi della durata dell’ immunità e quindi, l’unica certezza su cui ripiegare è che la risposta è soggetiva ma questo lo sapevamo già….forse con un’analisi anticorpale potremmo capire meglio, onde evitare di continuare a immunizzarsi all’infinito come fossimo oche da rimpinzare per fare il fois gras a Natale, a cui allegare in dono sotto l’albero il green pass super rinforzato?? Perdonate l’ironia ma è dovuta al fatto che quando non ci aiutano a capire,e per di più in questioni di salute, si rimane, a dir poco, perplessi!

    Daniel56
    Partecipante
    Post totali: 39

    Nel sito ARTE.TV ho trovato un curioso video intitolato: “Il Camerun degli stregoni anti Covid” dal titolo fuorviante perché tratta delle pratiche naturali e di medicina tradizionale da parte di guaritori, clinici, erboristi e di magia non c’è proprio traccia. In effetti non ci sono molte spiegazioni e, secondo me, va preso per quello che è: si avanzano alcune ipotesi sul perché nel Camerun l’impatto della pandemia sia stato molto contenuto (solo l’uno % della popolazione è vaccinato).
    Mi ha colpito che un Vescovo, oltre a proporre un rimedio di origine erboristica, ha organizzato una processione con l’immagine della Madonna il che mi ha ricordato quanto ci ha raccontato il Del+ Gen+ su di un episodio simile a Roma nel VII secolo e, altra coincidenza, in una bancarella del mercato locale si vendeva “L’epee da Saint Michel” (o Sword of Holy Michel) ovvero l’incenso dell’arcangelo Michele (si vede al minuto 6.53). Non ho potuto fare a meno di associare il tutto alla recente visita alla Grotta e al Santuario di Cagnano Varano…insomma tutto il mondo è paese ma non mi sarei mai aspettato di trovarlo in Camerun.
    Ecco il link: https://www.arte.tv/it/videos/105723-000-A/il-camerun-degli-stregoni-anti-covid/

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 209

    Per provare a comprendere l’evoluzione della pandemia guardo i dati italiani (con cadenza settimanale) in maniera distaccata e senza ascoltare alcun esperto: si stanno impennando i contagi ma i decessi quotidiani sono un ordine di grandezza al di sotto dei dati di un anno fa. Non mi sembra ci siano motivi per preoccuparsi più del dovuto al momento. Ovviamente la situazione potrebbe cambiare: speriamo in meglio come auspicato da Tanaquilla.

    Molto interessante l’esperienza condivisa da Daniel56 con il suo post: grazie.

    Vi Abbraccio

    Alef

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 763

    Ho visto l’interessante reportage sul Camerun che hai linkato, Daniel. L’impatto della medicina endogena e tradizionale in quel paese sembra abbia funzionato bene. In ogni caso è stato confortante vedere qualcosa di diverso da quanto tutti gli altri fanno e impongono.

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 556

    Anche io ho visto il servizio sul Camerun, l’ho trovato interessante, la cosa che mi è balzata agli occhi è la fiducia con la quale i Camerunesi si affidano alla loro medicina tradizionale e ai loro medici o “curatori” in senso lato, forse anche questo conta per gli effetti positivi della cura

    guglielmo tell
    Partecipante
    Post totali: 202

    bellissimo il video sul Cameroun.. chissa’ che un po’ di timo non possa andare bene nel minestrone che sto cuocendo.. cari saluti

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 650

    News anti-covid: risultato di una ricerca congiunta italiana, l’APTAMERO sarebbe la terza via dopo vaccini e monoclonali per combattere il covid a livello farmacologico.
    In:https://www.huffingtonpost.it/entry/aptamero-la-terza-via-per-combattere-il-covid-la-indica-litalia-ora-tocca-a-big-pharma_it_61ae2808e4b044a1cc266608
    “…L’aptamero, ci spiega il professore, si comporta come una mascherina, che rende invisibile la toppa e impedisce alla chiave di entrare. In questo caso la toppa è K353, la mascherina l’ACE2 e la chiave è la proteina spike del virus. L’aptamero si va a legare con grande affinità a questa piccola tasca, rendendola indisponibile al virus. …”

    Incrociamo le dita!

    Buteo
    Partecipante
    Post totali: 218

    Ho rivisto ieri ‘Don’t look up’: spesso scelgo i film in base all’interprete. E Di Caprio è una garanzia.
    L’ho rivisto perché in una recensione leggo che ci sarebbe stata una corsa da parte degli attori al film, per le tematiche ambientalistiche sottese, ora molto in voga. Che abbia perso qualcosa?!? Boh, non trovo tematica ambientalista in una cometa che nella sua orbita si trova a centrare la Terra… Invece ciò che mi appare tristemente meraviglioso nel film è la fotografia sulla nostra società: quelli siamo noi, siamo noi oggi. Perché solo 40 anni fa eravamo diversi: banalmente non avevamo accesso, se non limitato, alle informazioni e ai dati e non eravamo commessi all’universo social, dove trovare ed esprimere ogni pensiero o elucubrazione della mente. Ci illudevamo allora che, se avessimo saputo e conosciuto, ci saremmo liberati dalle catene di sottomissione, ignoranza, manipolazione…

Stai visualizzando 15 post - dal 736 a 750 (di 771 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy