La legge del Do ut Des

Home/Il Forum della Schola/La legge del Do ut Des
Stai visualizzando 3 post - dal 76 a 78 (di 78 totali)
  • Autore
    Post
  • tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 770

    Ho ripreso in mano il Quaderno della Sebezia (Biblioteca on-line) ove da pag.50 a 51 si tratta della favola di Amore e Psiche, nonché della Voluptas, la figlia dell’unione di Psiche e Amore.

    Angelo
    Partecipante
    Post totali: 166

    Tutti bellissimi i vostri post, e pieni di preziozissime interpretazioni ed indicazioni. Io penso che l’Amore sia il fermento che inzia a stimolare la nostra trasformazione, se oggettivizzato, compreso e trasmesso al di la dei nostri sensi. Credo che molti racconti narrano proprio come l’Ampre, compreso male, conduca agli errori, perchè in qualche modo travisato. Se comprendiamo che il perdono è il più grande gesto d’Amore, forse ne comprendiamo il significato. Se è vero ed indubitabile che tutto è diretto dal principio del “giusto e necessario”, io credo che sia anche vero che il nostro Amore,se donato in maniera sincera, senza preconcetti e pregiudizi, ci possa portare a “perdonare” ogni cosa, e così a diventare un anello fondamentale della nostra Catena e del nostro quotidiano percorso. E’ facile sbagliare e perdersi, ma se teniamo acceso quel fuoco che piano piano arriva ad ardere, ma senza bruciare, il Cammino è intrapreso.
    Vi abbraccio forte.

    Orengo silvana
    Partecipante
    Post totali: 28

    Cara M.Rosa si, è necessario porgersi verso gli esseri che incontriamo con spirito Mirianico .E questo dovrebbe avvenire naturalmente ,spontaneamente .,come se fosse un richiamo a cui è impossibile resistere perché è tutto il nostro essere che lo vuole ,quell’essere che , è Amore e forse il fine del patto è proprio questo

Stai visualizzando 3 post - dal 76 a 78 (di 78 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy