La legge del Do ut Des

Home/Il Forum della Schola/La legge del Do ut Des
Stai visualizzando 4 post - dal 16 a 19 (di 19 totali)
  • Autore
    Post
  • tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 668

    Io credo che quando si ama, si ama e basta. Senza distinzione tra il ricco e il povero tra il bello e il brutto, ecc.

    catulla2008
    Partecipante
    Post totali: 218

    Do ut des è una formula che esprime corrente: DO è il nostro polo negativo, quello da cui prendiamo l’impulso del Centro; DES è quello positivo, quello da cui trasmettiamo l’impulso ricevuto. Più ci attiviamo e più ci strutturiamo come pile, affiniamo le polarità e partecipiamo dell’energia che muove la Vita.
    Io credo che quello che noi chiamiamo Amore sia appunto questa Energia. E il DES non è qualcosa che restituisce ma semplicemente l’altra faccia della medaglia. Partecipare della Vita universa, averne coscienza: questa è la Luce che è in uno con la Salute, questo è il fine ultimo dell’esistenza che vedo come miriamica nell’arco di chissà quante e quante vite.
    La terapeutica ne è il naturale respiro…da acquisire.
    Fraternamente.

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 449

    Credo che Amore, con la A maiuscola, sia uno stato di essere molto difficile da raggiungere se lo stesso Maestro Kremmerz dice “in certi istanti potrei dire: io sono Amore”. Quello che possiamo fare è cercare di avvicinarci il più possibile. Come riconoscerlo, chiedi Buteo, per esempio guardando alla nostra vita per vedere se c’è stato un momento in cui abbiamo provato qualcosa di così profondo da non lasciare spazio a nessuna domanda, a nessuna metariflessione su ciò che stiamo provando, perché non c’è spazio tra noi e l’oggetto amato. A questo proposito è bello leggere le parole del Maestro sugli “Amanti” in Oracoli (pag 145-155)Buona domenica

    chicco59
    Partecipante
    Post totali: 6

    Ho letto il commento del partecipante e desidero riportare quello che un giorno il Maestro ci disse in Accademia: il punto di origine, il punto di partenza si conosce ma la parabola di questa linea dove si fermi non si sa. Ho sempre intimamente creduto in questa affermazione: il Fr si avvia e inizia. Opera con gli strumenti che sono a lui concessi di avere per una Legge Suprema di Giustizia come ha scritto il Maestro Kremm-Erz.
    E l’aiuto arriva SEMPRE anche nei momenti più insperati.
    Esiste in natura questa regola del ricevere e dare – dare e ricevere. E’ semplicemente meravigliosa quanto complessa da intuire e capire.
    Non trovo altre parole per esprimere meglio tale concetto.
    Ma so solamente che è tutto vero.

Stai visualizzando 4 post - dal 16 a 19 (di 19 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy