Il Silenzio

Stai visualizzando 10 post - dal 46 a 55 (di 55 totali)
  • Autore
    Post
  • Angelo
    Partecipante
    Post totali: 153

    E’ una canzone bellissima m_rosa, mi ricorda la mia gioventù in questa vita. Acoltarci, e non profanare con la parola il nostro cammino, è fondamentale.
    Io lego il pensiero all’immaginazione, collegati fra loro e potenza in atto, quando finalizzati. Auguro a tutti i Maestri, i Fratelli e le Sorelle un Novilunio fonte di continua rigenerazione.
    Vi abbraccio.

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 421

    Come dice ad un certo punto Andrea Bocelli nella canzone postata da m_rosa, il silenzio libera i ricordi, e credo, che se adeguatamente coltivato questo silenzio, magari così, di straforo, si possa di tanto in tanto ascoltare qualche fugace lampo del Nume interiore. Nel buio, condizione analogica al silenzio, lì le cose vengono incubate e poi, se i semi sono buoni, inevitabilmente prenderanno forma. Anche un digiuno mi pare sia una condizione simile al silenzio, si stoppano input esterni in campo alimentare e così si concentrano meglio le forze dell’organismo assopite.
    Un caro saluto ed una Buona Festa a tutti

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 246

    Il Silenzio lo sento come un punto fermo rispetto all’avanzare incessante dei pensieri, delle domande, dei propositi. In questo periodo di pericolose incertezze, spesso mi sveglio al mattino con una sensazione di angoscia nello stomaco dovuta al non sapere come evolverà la situazione della guerra. È difficile fare ” silenzio” quando hai paura. Il pensiero vola ai Maestri e in particolare al Delegato Generale e con occhi immaginari li guardo,aspetto con fiducia la prossima riunione on line e nella protezione della Miriam confido! L’esercizio del Silenzio aiuta a buttare via il superfluo e a fare spazio a qualcosa di nuovo,magari migliore e più sano. Spero di potervi presto rivedere tutti, un caro saluto e buona domenica!

    Mercurius3
    Partecipante
    Post totali: 188

    E’ vero Seppiolina, è una condizione che ho scoperto da un anno, uno spazio meraviglioso che parla molto piu’ delle parole emesse. E’ una scoperta che resetta tutto il superfluo, tutto cio’ che inutilmente si sarebbe detto e che il non detto riesce ad ampliare lo spazio del “sentire”. Potevo pensarci prima, mi son detta, ma poi, come spesso i Maestri ci hanno insegnato, tutto arriva quando deve arrivare, quello che si chiama, il momento giusto. E ora è il momento di gustare le parole del “Silenzio”.

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 623

    Il richiamo al Silenzio fa bene, ci deterge dal frastuono del mondo (tra bombe e “bufale”)…
    …grazie cara m_rosa e buona Luna 🌑 a tutte/i!🖐

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 538

    Forse il momento giusto, cara Mercurius, è quando “tutto il materiale volatile che hai raccolto si condensa”, questa frase che non è mia, esprime una modalità di crescita e acquisizione di nuove consapevolezze che tutti coloro che sono impegnati in un cosciente cammino evolutivo, e dunque più attenti ai propri processi interiori, avranno riscontrato nella propria esperienza, così come tu ci riporti
    Auguro a tutte/i una notte ricca di bei sogni

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 743

    Vale a dire, m_rosa, quando ci si avvicina alla concretezza del cammino evolutivo?
    e si inizia a vedere concretamente in se stessi al di là delle belle favole?
    Per me esistono molti momenti giusti, molti passi, perché tutto è in progressione.
    E, di solito, come è capitato anche a me, quando si crede di aver raggiunto qualcosa, dopo poco ci si accorge del cammino che è ancora da fare.
    Ma, come sappiamo, mille mani ci aiutano in questo, e cara seppiolina, come per tutti noi, questo aiuta a vincere la paura, perché abbiamo avuto gli strumenti per difenderci dai pericoli e siamo amati e protetti.

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 538

    Si intendevo questo, è una modalità che mi è capitato di vivere, si comincia ad avere delle sensazioni, a percepire dei modi un po’ diversi di vivere la vita, piccole cose, piccoli segnali, che a un certo punto diventano delle certezze e cambiano concretamente la nostra vita. Buona giornata

    Angelo
    Partecipante
    Post totali: 153

    Cara m-rosa e cara tanaquilla, non sò se si tratta di essersi avvicinati alla concretezza del cammino evolutivo, ma certamente quelle che noi definiamo, per convenzione, delle “sensazioni”, credo che siano le risposte alle nostre richieste. Molto spesso ci arrabbiamo per fatti negativi che ci capitano, ma se poi, nel nostro silenzio, ci rapportiamo a loro, ci accorgiamo che sono i segnali che ci pervengono per indicarci quali sia la strada da percorrere. Ultimamente, da ogni evento negativo, ritrovo in esso la spiegazione di un mio nodo, l’indicazione concreta che mi riporta al mio cammino. Senza i nostri errori, non saremmo quello che siamo, e se lo siamo, lo siamo anche grazie a loro. Solo dal silenzio si traggono queste indicazioni, perchè è il solo momento nel quale ci ascoltiamo. Poi, piano piano, si arriva ad ascoltarsi anche nel frastuono, ma è dura, è difficle. Ma si riesce. Il silenzio è ritrovare noi stessi per ritrovare il collegamento alla Catena, ai Maestri, ai Fratelli e alle Sorelle. In quel punto tutti ci incontriamo, sempre.
    Vi abbraccio.

    Dafne
    Partecipante
    Post totali: 39

    Sono d’accordo sul tuo pensiero angelo. Speriamo di incontrarci presto tutti!

Stai visualizzando 10 post - dal 46 a 55 (di 55 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy