Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …

Home/Il Forum della Schola/Emozioni lungo il cammino … ermeticamente inteso …
Stai visualizzando 15 post - dal 211 a 225 (di 253 totali)
  • Autore
    Post
  • seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 216

    Mandragola mi hai fatto venire in mente che non solo le api vengono sfruttate per le loro caratteristiche e capacità, ma anche i ragni! Sentivo in televisione una ipotesi, su cui stanno lavorando i ricercatori, secondo la quale la bava di ragno,estremamente elastica e duttile ma anche molto resistente,sarebbe usata come rete di salvataggio per attutire la velocità degli aerei in atterraggio sulle piste. Insomma, come paracadute orizzontale! Pare che i primi esperimenti abbiano dato ottimi risultati…Mah! Un abbraccio e buona giornata di settembre a tutti!

    Nico
    Partecipante
    Post totali: 17

    Pensa che l’esercito usa ha testato dei giubbotti antiproiettili fatti con seta di ragno, chissà se sarà una delle tante invenzioni inizialmente usate in guerra e poi passate anche in “mainstream”.

    Interessante che un prodotto naturale come la tela di ragno abbia delle proprietà insuperabili anche per i prodotti sintetici! Ho letto in un articolo che solitamente le ragnatele hanno uno spessore di 5/10 millesimi di millimetri, ma se fossero di 1 millimetro potrebbero fermare un elicottero!

    La vedo dura però fare una produzione intensiva di ragnatele, ve li immaginate quanti ragnetti ci vogliono?

    guglielmo tell
    Partecipante
    Post totali: 186

    a proposito di api di cui hanno parlato molte sorelle e fratelli nei giorni precedenti, ho trovato molto curiosa ed interessante questa notizia:
    abbracci e buona luna a tutti
    https://www.pule.si/it/esperienze/apiterapia-inalazione-di-aria-dell-alveare

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 531

    Tra la produzione intensiva di ragnatele di Nico e la terapia dell’arnia di guglielmo tell (come si fa a respirare in un’arnia …ammesso che si riesca a entrarci?) mi avete messo di buonumore, grazie!

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 180

    Care Sorelle e Cari Fratelli, questa volta la mia dedica è rivolta al Silenzio con una meravigliosa interpretazione di Mina.

    Spero vi piaccia: Vi abbraccio

    tanaquilla9
    Partecipante
    Post totali: 677

    Nel ricambiare gli Aguri alla Direzione, ringraziandola, estesi agli utenti del Forum, per un Buon Equinozio d’Autunno, sono andata a rileggere quanto la Stessa Direzione negli ultimi anni ha scritto al proposito di questo periodo dell’anno. Scritti importantissimi per viverlo in modo fruttuoso fedeli alla Schola e al Suo programma evolutivo.
    Perché, metaforicamente “all’autunno in cui si lavora la propria Terra, possa seguire la primavera con la sua fioritura” nella nostra vita miriamica.
    La Direzione ha citato una vecchia e bella canzone napoletana “Malinconico Autunno”. Eccola cantata da Sergio Bruni.

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 180

    Che brano magnifico “Malinconico Autunno”. Mi ha fatto immediatamente ricordare le foglie che cadono e quindi anche il brano “Autumn Leaves”. Questa è l’interpretazione di Chet Baker:

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 384

    Il post di Guglielmo Tell sull’apiterapia, basato sull’inalazione di aromi essenziali dall’alveare, apprendo dal sito di riferimento che ha ottimi riflessi sulle malattie respiratorie, oltre ad altri effetti benefici. Mi viene in mente che, un po’ tutti i prodotti derivanti dalla coltura delle api hanno effetti immunostimolanti sulle vie aeree: dalla vecchia propoli di faraonica memoria, ottimo antibiotico naturale in caso di infiammazioni alla gola, laringe e oltre, al miele, che in dosi generose nel latte caldo da ottimi “strattoni” al raffreddore, fino alla pappa reale che però è un ottimo tonico per tutto l’organismo, psichico e fisico (d’altronde è l’alimento per eccellenza della Regina dell’arnia). Ottimi rimedi per le vie aeree, chi lo sa se per analogia metabolizzati e prodotti da una specie che fa del volo da un pistillo (o gineceo) all’altro una modalità di alimentazione e di vita.
    Ancora un caro saluto a tutti.

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 180

    In quest’ultimo periodo alcuni post sul Sito hanno riguardato gli ambienti scolastici e ciò che accade nelle aule.

    Due giorni fa mentre passeggiavo nel disperato tentativo di far addormentare mia figlia è partito il brano che qui condivido: “la classe degli asini” interpretata da Renzo Arbore. Avevo ascoltato tantissime volte questo brano che mi ha sempre molto affascinato perché riesce a fondere in un equilibrio inatteso una situazione comica e imbarazzante (il prof. che non sa rispondere a una domanda posta da una gallina dopo aver interrogato i suoi studenti impreparati) a un interrogativo profondo: è nato prima l’uovo o la gallina?

    Ogni volta che ho provato a immedesimarmi nel prof. non sono riuscito che a produrre che risposte inutilmente complesse che ho definito bombe di fuffa. L’altro giorno invece forse sono riuscito a rispondere: le possibilità sono due. E’ nata prima una gallina androgina (dalla quale poi sono nati altri galli e galline) oppure è nato prima un uovo già fecondato dal quale è poi è nata la gallina androgina. Le due possibilità in realtà sono due solo in apparenza perché l’uovo fecondato da cui nasce la gallina è in realtà già la gallina in uno stato primordiale.

    A questo punto non so se devo camminare di meno oppure pensare di meno oppure cambiare musica.

    Vi Abbraccio Fraternamente

    Buon Novilunio

    wiwa70
    Partecipante
    Post totali: 310

    Ahahahah! Caro Alef, mi hai fatto sorridere e mi hai riportato all’ infanzia quando la mia nonna barese la cantava a noi nipoti per attirare la nostra attenzione e diventava il motivetto delle nostre scorribande in campagna durante i tanti giochi scatenati che facevamo instancabili fino a sera.. sono certa che avrai catturato l’attenzione della tua bimba e che un giorno se la ricorderà!
    Un caro saluto a tutti e buona serata

    seppiolina74
    Partecipante
    Post totali: 216

    Ciao Alef!! La gallina androgina è veramente spettacolare…stasera sono molto stanca per analizzare la questione del chi è nato prima, per altro sempre un grande classico su cui vale la pena interrogarsi. Ma mi riservo di rifletterci su! Intanto grazie per avermi messo di buonumore! Buona serata a tutti i fratelli e sorelle!

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 384

    Il brano postato da Alef mette di buon umore. Dopo la bella musica di Renzo Arbore, una breve riflessione: mi viene in mente all’istante una massima del Maestro Kremmerz: “Incipit ab ovo”. Si comincia dall’uovo, e poi ancora in altro passo “Il mondo, l’uomo, l’uovo sono tre….”, aperti gli spunti di riflessione. Una cosa mi viene da esprimere: l’uovo, dalla forma ellittica, rappresenta la manifestazione della vita, il foco centrale del cerchio, la Coscienza Universa, Madre e Padre nello stesso tempo della Creazione in embrione, si sdoppia in due fuochi, o meglio sposta il centro in due punti proporzionali alla curva della periferia, per cui l’avvicinamento oppure l’allontanamento dei fuochi rende la forma più circolare o più ellittica. D’altronde, il serpente (Ouroboros) che si mangia la coda, la cui impressione è quella dell’uovo quindi ovale, rappresenta un ciclo di trasformazione di qualunque fenomeno fisico. Anche lo zodiaco mi pare proprio venga rappresentato graficamente con questa forma. Pertanto, dalla dualità ben raffigurata nell’immagine dell’uovo, si sviluppa la Vita in ogni sua forma ed espressione. Quindi, per chiudere il discorso, è ben più datato l’uovo rispetto alla primigenia gallina. Ancora una frase che mi torna in mente sempre del Maestro, che ha a che fare con il serpente e con l’origine della Vita: “Uno è il serpente, Una è la Vita, ma la lingua si biforca nella proiezione dell’incanto”.
    Ancora un caro saluto a tutti.

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 531

    Al proposito, garrulo1, ricordo la cosmogonia raccontata dal Mestro Benno in La Fenice (N.1), qui in Biblioteca: vi si parla di Uovo e di Origini.

    m_rosa
    Partecipante
    Post totali: 469

    In vista della prossima visita al Duomo di Siena, rileggevo l’intervento di Anna Maria Piscitelli nel volume “Errante erotica eretica”, la sua disamina sulle Sibille del Santuario della Madonna delll’Ambro. mette in luce come queste figure rappresentino una modalità tutta femminile di trasmutazione alchemica dell’essere e come Esse siano in ogni epoca e in ogni luogo sulla terra, portatrici di un impulso evolutivo di Sanità e Amore per l’umanità tutta. Inoltre nel paragrafo “Le sibille alchimiche tra storia e leggenda” l’Autrice menziona anche il concetto di Uovo Cosmico e come nel suo stile, riporta tutto alla concretezza della materia e, siccome di Uovo si è parlato ultimamente qui, sul forum, ne riporto le parole”…l’uovo in cui è contenuto il tutto nella sintesi dei quattro elementi: il guscio è infatti la terra, il follicolo l’aria, la chiara l’acqua, il tuorlo il fuoco”

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 180

    grazie m_rosa sto leggendo proprio quel capitolo in questi giorni

Stai visualizzando 15 post - dal 211 a 225 (di 253 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy