ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home Page Forum Il Forum della Schola ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Stai vedendo 10 articoli - dal 226 a 235 (di 235 totali)
  • Autore
    Articoli
  • Maria
    Post totali: 0

    Tranquillo Alessandro, non solo io ma tutti gli altri iscritti praticanti alla Schola (anche da 30-40 anni) possiamo testimoniare che MAI ci sono state proposte pratiche delle quali potevamo minimamente vergognarci col mondo che ci circonda e men che meno quelle alle quali ti riferisci. Ma non lo sapevi anche tu che la madre degli imbecilli è sempre incinta?

    tanaquilla9
    Moderatore
    Post totali: 269

    Ciao Alessandro, ti sei inserito nel thread giusto, aperto anche per ridere fra di noi proprio dei siti di gruppi pseudo kremmerziani e delle loro assurdità. Mi associo a Maria nel testimoniarti che tutto ciò che proviene dalla Schola ortodossa del Kremmerz è diretto al Bene e mai, in nessun caso, ad azioni poco edificanti.

    Alessandro Bellucci
    Partecipante
    Post totali: 5

    Grazie per le risposte e scusate se ho riportato qualcosa di non attinente, spero che possa aver fatto chiarezza anche per chi, come me, cerca di avvicinarsi a qualcosa di puro ma che, non facendone ancora parte, può essere fuorviato o addirittira scoraggiato da ciò che si trova in rete.

    Diogenonn–
    Moderatore
    Post totali: 50

    Nella nostra Schola in quarant’anni di vita, dai Maestri, non ho ricevuto solo la trasmissione ortodossa di un corredo rituale ma avuto la grande fortuna di condividere con loro esperienze segnate da una ineccepibile coerenza miriamica. Perché è facile x molti imbonitori inventar chiacchiere su presunti massimi sistemi e dare la stura a pensieri infarciti di immagini roboanti frutto della propria impurità, in cui uno se la canta, uno se la suona (il web è pieno di questa spazzatura) e i malcapitati sono messi in vera difficoltà e a volte abboccano pagando un prezzo veramente alto. Difficile arrivare a vivere secondo natura, umilmente, senza il minimo interesse messianico e con spirito di vera caritas, al servizio della salute psico fisica nostra e del prossimo. I nostri Maestri ce lo hanno sempre testimoniato irradiando verità e amore negli atti e nei fatti. Ed io a questo tendo con il mio impegno, continuamente rettificando e in un miriamico work in progress, sempre più luminoso …

    ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 68

    Condivido in toto, senza riserve, quanto testimoniato da Diogenonn perché anche la mia esperienza vissuta nel seno della Miriam ortodossa, seppure svoltasi lungo un arco temporale un po’ più breve, racconta le stesse cose e parla della identica “tensione”, nonostante le tante resistenze e gli innumerevoli ostacoli frapposti dalla nostra condizione di esseri umani in itinere. Il Faro che ci guida sul cammino è sempre quello: anteporre l’ideale di Bene, altrui e nostro, alla vacuità dei personalismi sempre in agguato e sempre pronti a intrappolarci in una malintesa quanto sterile difesa della nostra individualità.
    Un caro saluto ai naviganti.

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 177

    Già il Maestro Benno, nelle due lettere del dicembre 1947 e gennaio 1948, pesantissime nella sostanza da non lasciare dubbio alcuno, hanno chiarito e sigillato la differenza Fondamentale tra la linea Ortodossa e la restante parte dei gruppi non più agganciati all’intera struttura, ammonendo dei pericoli di operazioni rituali al di fuori di una Catena Iniziatica, il prezzo decisamente alto a cui fa riferimento il post di Diogenonn. Nella prima Pietra Angolare Miriamica del 1989, tali lettere erano contenute per esteso. Un lavoro incessante negli anni, in primis ad opera del Maestro M.A. Iah-Hel, di presentazione della Schola, di divulgazione dell’Ideale di Bene pro salute populi, della finalità Terapeutico-Evolutiva, con pubblicazioni, conferenze itineranti, momenti di incontro e condivisione, potenziamento progressivo del Sito fino all’attuale impostazione (all’interno, perfettamente documentato e con dovizia di particolari, vi è tutto quello che si voglia cercare in materia), non può non allertare l’attenzione di qualunque sincero e libero ricercatore che voglia formarsi un’idea precisa, purchè scevra da personalismi o pre-giudizi.
    Una buona domenica a tutti i naviganti.

    Jeliel
    Moderatore
    Post totali: 3

    La Tradizione Iniziatica, fluita attraverso i millenni, di volta in volta veicolando sé stessa in contenitori idonei alle finalità predisposte per i tempi contingenti, si è sempre manifestata con la purezza cristallina della Fonte dalla quale promana. Così è stato in passato, così è nel presente e così sarà per il domani. Il Suo contenitore di oggi, la Schola – e in uno con essa, la Fratellanza Terapeutica Magica di Miriam – è il custode rigoroso e inflessibile dell’integrità della Tradizione e degli strumenti operativi che essa affida a coloro che intendono usufruirne per attivare in sé e pro salute populi quei meccanismi evolutivi convergenti, per intrinseca natura, verso la finalità del Bene. Non per nulla, sin dalla fase iniziale del proprio percorso, il novizio è chiamato all’espletamento di pratiche purificatrici che lo coinvolgono su ogni piano del proprio mono corporale e mentale: purificazione sul piano fisico (attraverso digiuni scanditi sui ritmi della natura e periodi di castità circoscritti e coniugati ai dettami dei tempi e dell’operatività rituale); purificazione sul piano animico-emozionale, attraverso la presa di consapevolezza delle tendenze innate e l’esercizio al controllo progressivo dei propri stati passionali ed emotivi); sul piano mentale (con la disarticolazione delle sovrastrutture e dei condizionamenti che offuscano la manifestazione dell’Ermes divino).
    Nulla, dunque, che abbia a che fare, né da vicino né da lontano, con quanto di sudicio, di volgare, di riprovevole circola su web ed è accostato, per ignoranza o per malafede, alla nostra Schola. Chi a Essa si avvicina deve sapere che la finalità di Bene, pragmatizzata nel suo statuto costitutivo, si traduce operativamente in una Regola che non ammette eccezioni, non ammette deroghe e non ammette deviazioni.
    Un fraterno saluto a tutti gli Aspiranti alla Luce.
    ●Jeliel

    m_rosa
    Moderatore
    Post totali: 119

    Caro Alessandro sono contenta che le voci degli iscritti alla nostra Fratellanza ti abbiano aiutato a fare chiarezza nei tuoi pensieri e se, come dici, è qualcosa di “puro” che stai cercando, posso testimoniare che nella Miriam lo si trova.Buon cammino!

    mandragola11
    Partecipante
    Post totali: 112

    Perfettamente d’accordo con la sintesi efficace di Maria, anch’io caro amico Alessandro,testimonio che mai e poi mai mi è stato chiesto od ho visto nella Schola qualcosa di disdicevole, indecente o di cui vergognarsi. Anzi, al contrario, spicca un senso pratico di etica ed estetica molto profonde, di rispetto per la Vita, per la Natura e per l’Essere. Quando mi sono iscritta internet non esisteva, tuttavia i detrattori e i mistificatori di Kremmerz e della Miriam utilizzando mezzi e modalità diverse producevano fango in cui far sprofondare i sinceri cercatori del Vero. E in quel nero caos qualcuno è stato risucchiato…
    Ma oggi, mentre penso alle parole di Kremmerz quando invoca lo spirito italico del buon senso, confido che si sia più svegli nel riconoscere l’aria diversa che tira in un Sito come questo: ortodossa, genuina, pura.
    Buon lavoro con gioia per tutte/i

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 8

    Ciao Alessandro, se resisterai al canto delle “murene”… riuscirai ad apprezzare quello delle Sirene… cari saluti navigante

Stai vedendo 10 articoli - dal 226 a 235 (di 235 totali)
Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM
Le tue informazioni:




Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy