ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home/Il Forum della Schola/ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Home Page Forum Il Forum della Schola ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM

Stai vedendo 15 articoli - dal 211 a 225 (di 273 totali)
  • Autore
    Articoli
  • ippogrifo11
    Moderatore
    Post totali: 78

    Chissà, caro Kridom, forse anche le profezie buttate lì “a casaccio”, se osservate un po’ più dall’alto, come da invito del Maestro L.J. Aniel, e quindi con un orizzonte spazio-temporale più ampio, magari si presentano con un filo connettivo e con una “ratio” che invece sfuggono alla visione circoscritta e limitata imposta dagli spazi angusti e intricati che concede il labirinto…E allora anche le scelte conseguenti potrebbero essere diverse… Purtroppo, ci muoviamo lungo il filo dei “se”, filo che serve poco anche per chi voglia, non dico cucire, ma almeno imbastire. Meglio allora, come tu dici, servirsi del Filo d’Arianna che con grande generosità ci viene affidato nella e dalla Schola e che ci consente di restare sul “percorso” anche quando questo, come è nel caso del percorso della vita, ci appare aggrovigliato e senza capo né coda.
    Raccolgo con piacere il tuo augurio di buon inizio, che estendo a tutti i naviganti del sito, così come faccio mio il tuo “grazie” ai Maestri, sempre con noi e per noi.

    • Questa risposta è stata modificata 2 mesi, 3 settimane fa da  ippogrifo11.
    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 200

    Caro Kohan Peter, quanto hai postato la sera del 23 dicembre sul Natale, stimola molti pensieri. Scintilla di Ri-Nascita in ogni essere. Occasione di unione aprendo il cuore all’amore. Inclusione del prossimo, anziché esclusione. Proprio in questo momento, la Vergine, dopo aver Concepito, dà al mondo il Cristo, se vogliamo, per analogia, uno stato di progressiva purificazione da passioni e desideri, quando raggiunto con chissà quanta fatica ma possibile, prepara alla nascita del Nume che poi si affaccia al mondo, consente di riavvolgere la matassa restando assolutamente sulla traiettoria, sostiene qualunque tipo di percorso, per quanto fatalmente possa risultare aggrovigliato ed inspiegabile.
    Buona serata a tutti i naviganti.

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 200

    Voglio agganciarmi alla mia nota dell’altra sera, in cui ho espresso un commento ad un post di Kohan Peter, proprio a proposito della Ri-Nascita tipica del momento astronomico del Natale. Un pensiero che mi viene spontaneo, è legato ad una sequenza temporale di feste religiose del mese di dicembre. All’inizio del mese, l’Immacolata Concezione, la Vergine (Vir-Agens), in stato di Purità Verginale Assoluta, concepisce (nel buio, dentro e fuori di sé), senza macchia (quindi,con piena Luce Mentale) il Numen, che, come detto, si affaccia poi al mondo. Dopo, il 13 del mese, festa della martire Lucia, nel momento più critico o di crisi di luce sulla terra, quando astronomicamente, il moto apparente del Sole lo pone (per chi lo osserva dal suolo), nel punto maggiormente distante appunto dall’almo suolo e da tutti i suoi abitanti. Dopo il Solstizio del 21 dicembre, con il Natale, questo Sole Bambino ricomincia il proprio trionfante percorso nel Cielo non celato, per tornare, al massimo dello splendore in giugno, con il Solstizio d’estate. Torno al punto di partenza: le tappe religiose e parimenti astronomiche di questo mese, penso ci vogliano indicare che la Concezione parte e matura nel buio, come il seme si innesta e quindi si sviluppa nella terra, per essere poi gradualmente proiettata, con costante tensione, verso la luce, la cui esaltazione è ugualmente motivo di festa.
    Un caro saluto ed una buona serata a tutti i naviganti.

    Alef2006
    Partecipante
    Post totali: 15

    Spero di essere ancora in tempo per augurare a tutti Noi di trascorrere Serene Festività in questa fase di Ri-Nascita e che il 2019 ci sia propizio

    m_rosa
    Moderatore
    Post totali: 145

    Certamente Alef, si è sempre in tempo per un pensiero di bene e poi il tuo augurio è proprio bello e dunque brinderò con te e con tutto il popolo di Miriam a che il 2019 ci sia propizio: per l’espansione della Rosa, per la concretizzazione di tutti i progetti che la Delegazione Generale ha in programma, per le realizzazioni terapeutiche e per la crescita personale di ogni numero della catena. Auguri!

    Kohan Peter
    Partecipante
    Post totali: 21

    In effetti solo una precisazione dell’uso di termini e aspetti di ambito religioso… Immacolata concezione sta per colei che è stata concepita immacolata, cioè al di fuori del condizionamento del Peccato, come lo fu anche la Eva originale prima della Caduta dallo stato e condizione di Eden.

    Ricambio tutti i saluti, cogliendo l’occasione, con cuore sincero.

    Vorrei continuare a fissare lo sguardo al principio di unità, che ci accomuna, restando in linea con la discussione del thread.

    Nessuno può prescindere dall’altro o da qualsiasi cosa, che ne sia cosciente o no. Questo è logico, al di là anche di tutte le dimostrazioni in linguaggio filosofico, quindi non credo sia necessario ribadire i diversi concetti sull’argomento e lo darò, in tal caso, per scontato…

    Ma noi ne siamo realmente consapevoli?

    Nel momento in cui la questione interessa il concepimento è sicuramente più facile comprenderlo o meglio percepirlo, sentire come parte di sé. Eppure questo dovrebbe avvenire anche in una unione matrimoniale, di amicizia, fraterna… Per l’aria che unitamente respiriamo, la luce che ci riscalda e illumina, il cibo è la carne fisica che condividiamo, lo spirito di vita, sapienza e intelligenza che ci anima e ci rende per-sonar (persona).
    Tutto intorno a noi è legato da un filo invisibile, ma attenzione… questo filo si chiama: Amore (non proprio o egoistico o personale, ma universale).

    Lavorare per sentire, non solo prendere tra virgolette “coscienza” di questo, è credo nostra incombenza verso il mondo, nostro compito e obiettivo comune.

    Non deve restare e non è fatto per rimanere nelle tenebre questo mondo, ma per tornare alla Luce.

    Mi chiedo e chiedo allora: diciamo questo perché lo sappiamo, perché lo facciamo, o perché lo viviamo…? Se lo viviamo senza sentirlo sarebbe come una persona che vive al buio e all’oscuro dei propri sensi. Anch’essi, se scollegati da tutto il resto, esistono nell’oscurità, prigionia e illusione di sé.

    Rrosalinda
    Partecipante
    Post totali: 22

    Volevo augurare a tutti i partecipanti un buon rinizio,come diceva un famoso comico inizio da 3, io credo nell’amore nella vita e nella morte, principio di vita nova. Un abbraccio fraterno.

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 200

    Estendo anch’io gli auguri a tutti per l’anno che sta arrivando: per l’espansione della Rosa, per i progetti in pectore, per la Terapeutica e l’Evoluzione di ognuno di noi. E poi, mi voglio ricordare che da stanotte siamo già al primo di gennaio: questo Divo, il Giano, guarda sia indietro con una faccia, ricordando, fin dove possibile, la metabolizzazione delle esperienze fatte, parimenti, con l’altra, guarda avanti, per metterle a frutto queste esperienze e non lasciarle neanche per un attimo nel limbo. Un augurio che in primis faccio a me stesso, è proprio quello di comprendere, un pizzico in più di prima, cause ed effetti degli accadimenti appena trascorsi, e, se così sarà, vuol dire che un po’ si sta camminando, ottima alternativa allo stare fermi (fa venire freddo ai piedi, non aiuta la digestione, e via di questo passo…..).
    Ancora Buon Anno a tutti

    guglielmo tell
    Partecipante
    Post totali: 61

    auguri a tutti

    mandragola11
    Post totali: 0

    Auguro alla Direzione della Schola e a tutto il Forum un Anno 2019 luminoso e fruttuoso!

    guglielmo tell
    Partecipante
    Post totali: 61
    ondina
    Partecipante
    Post totali: 35

    Grazie Guglielmo Tell per la bella poesia di Edoardo
    Mi unisco al coro di auguri dei Fratelli e brindo con tutti voi a un buon inizio e a quell’Anore che ci lega e unisce in una corrente di Bene
    W la Miriam!!!

    mandragola11
    Moderatore
    Post totali: 147

    Salutiamo la cara Befana, la Vecchia Signora, la maestra di saggezza!
    Puntuale, passate le 12 notti da che il Sole è risorto, assieme alle feste si porta via ogni strascico del vecchio Anno, liberando il campo … per il nuovo che avanza…
    Seguendo il coro del Forum, auguri per un N-UOVO anno ricco di Bene e di Gioia!

    Alessandro Bellucci
    Partecipante
    Post totali: 6

    Buonasera, premetto di non essere iscritto alla Schola ma di essere un aspirante. Spero di scrivere nel luogo giusto del Forum e mi scuso se è una ripetizione.
    Cercando informazioni mi è capitato leggere alcune informazioni che mi hanno sconcertato su “pratiche osiridee” vorrei, se possibile, delle delucidazioni in merito. Sono rituali realmente praticati o sono frutto di fantasie? Vengono praticate solo in alcuni gruppi? Ringrazio anticipatamente

     

    admin Kremmerz
    Amministratore del forum
    Post totali: 809

    Bentornato nel ns.Forum.
    Innanzitutto ci scusiamo per aver dovuto moderare il suo post eliminando la parte delle “informazioni” da lei riportate e che nulla ha a che vedere con le pratiche rituali trasferite da Giuliano Kremmerz nella ns. Schola ortodossa. D’altronde nello stesso sito da lei citato che, per quanto possa apparire autorevole è comunque di parte, è fatto presente che sono riferibili a un ben preciso “gruppo” pseudo kremmerziano spurio e, tra l’altro, ormai morto e sepolto da qualche decennio. Purtroppo alcuni epigoni di codesto “gruppo” esistono ancora e, riciclandosi sotto nomi diversi, circoli e accademie miriamiche o kremmerziane, riviste on-line, case editrici e quant’altro, continuano ad impestare il web nel tentativo di screditare la vera e unica Fratellanza miriamica di cui questo sito ufficiale è portavoce.
    La Schola ortodossa del Kremmerz, operante ininterrottamente da oltre un secolo, non è una setta , né una vecchia o nuova religione, né ha nel suo trasparente e pubblico statuto, di cui questo sito rispecchia on-line la forma e la sostanza, nulla che lasci solo sospettare le assurde quanto “sconcertanti” pratiche cui lei fa riferimento. E tutti i suoi veri appartenenti di ieri e di oggi sono dediti esclusivamente a un’opera evolutiva di solo Bene pro salute populi, fiduciosi che Bene, Salute e Verità trionferanno sempre e comunque, anche a vantaggio di quei navigatori del web che come lei, gentile Alessandro, sinceramente li ricercano.
    Auguri e buona navigazione.

Stai vedendo 15 articoli - dal 211 a 225 (di 273 totali)
Rispondi a: ECCE QUAM BONUM ET QUAM IUCUNDUM HABITARE FRATRES IN UNUM
Le tue informazioni:




Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy