dal premio nobel luc montagnier su memoria dell’acqua ed omeopatia..

Home/Il Forum della Schola/ELICOIDE: notizie dal web/dal premio nobel luc montagnier su memoria dell’acqua ed omeopatia..

Home Page Forum Il Forum della Schola ELICOIDE: notizie dal web dal premio nobel luc montagnier su memoria dell’acqua ed omeopatia..

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Autore
    Articoli
  • guglielmo tell
    Partecipante
    Post totali: 54
    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 177

    Non sono in grado di approcciare l’argomento su nuovi orizzonti della fisica dell’acqua, delle strutture informative dell’acqua circa patologie e relativo metodo terapeutico. Sicuramente, come anticipato nella sintesi di inizio articolo dal Premio Nobel per la medicina, Prof. Montagnier, vi entra la fisica quantistica, la biologia stessa dell’acqua approfondita sicuramente in modo raffinatissimo, altre considerazioni di merito delle Scienze di avanguardia che non sono assolutamente in grado di avvicinare. Mi limito ad una riflessione relativa alle proprietà dell’acqua nell’ottica della Tradizione comune a tutti i popoli: ogni santuario ha una sua fonte, ogni Sacro Monte idem, tra l’altro, alle diverse acque, vengono attribuite proprietà terapeutiche diverse. Allora, può benissimo darsi che l’elemento acqua funga da veicolo di informazione una volta ingerita all’interno dell’organismo, e potrebbe darsi anche che, in diversi punti logistici, le relative fonti siano intinte da un determinato magnetismo del luogo che determina poi le caratteristiche piuttosto particolari della fonte stessa, ed il magnetismo, del quale ogni angolo della terra è intriso, potrebbe essere particolarmente ricco e raffinato, in determinati luoghi ad esempio di altura, nei quali sgorgano naturalmente le fonti, entrando direttamente nella memoria costante di quella specifica acqua.
    Un caro saluto ed una buona serata a tutti.

    garrulo1
    Partecipante
    Post totali: 177

    Ancora a proposito dell’acqua, la mineralizzazione particolare presente in certe fonti, l’azione potentissima di un determinato magnetismo tipico di un luogo, ripeto, in specialmodo se in aree montane caratterizzate da isolamento e boschi copiosi, quindi natura in fermento potemmo dire, sicuramente entrano nella memoria costante e quindi anche nelle caratteristiche degli oligoelementi di quella specifica acqua.
    Se poi tutte queste componenti diventano di dominio pubblico, le proprietà terapeutiche conosciute da coloro che vanno ad approvvigionarsi, magari recitando una preghiera di invocazione di aiuto provvidenziale, il luogo credo proprio possa avere tutte le carte in regola per la manifestazione di un Genius loci, che caratterizzerà ulteriormente le proprietà della fonte.
    Un caro saluto ed una buona giornata a tutti.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)
Rispondi a: dal premio nobel luc montagnier su memoria dell’acqua ed omeopatia..
Le tue informazioni:




Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy