Subreply To: La Costellazione del Cancro e il Solstizio d’estate … in attesa dell’Agape di Solleone

Home/Il Forum della Schola/Solstizi d’Estate/La Costellazione del Cancro e il Solstizio d’estate … in attesa dell’Agape di Solleone/Subreply To: La Costellazione del Cancro e il Solstizio d’estate … in attesa dell’Agape di Solleone

Home Page Forum Il Forum della Schola Solstizi d’Estate La Costellazione del Cancro e il Solstizio d’estate … in attesa dell’Agape di Solleone Subreply To: La Costellazione del Cancro e il Solstizio d’estate … in attesa dell’Agape di Solleone

fulva11
Partecipante
Post totali: 18

Una news scientifica che fa riflettere sull’azione terapica delle piante.
Spiega il prof. Mancuso (Università di Firenze, uno dei fondatori della neurobiologia vegetale): “Le piante imparano. E ricordano. Niente punti interrogativi alla fine di queste frasi, perché non si tratta più di teorie, ma dei rivoluzionari risultati di un esperimento internazionale a guida italiana, condotto al Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale (Linv) dell’Università di Firenze in collaborazione con l’University of Western Australia e pubblicati pochi giorni fa dalla rivista scientifica «Oecologia»…una delle teorie più interessanti è quella che ipotizza per l’uomo la presenza di una memoria distribuita. Quindi di una memoria non basata sul solo cervello, ma che risiede anche in altre parti del corpo. Se questa teoria fosse verificata, dimostrerebbe che da questo punto di vista siamo esattamente come le piante»… (tutto l’articolo, molto interessante, in http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2014-01-19/le-piante-imparano-e-ricordano-come-noi-081621.shtml?uuid=ABvsJjq )

Un ulteriore tassello per comporre il grande puzzle analogico fra tutto ciò che esiste?
E se il Maestro Kremmerz ci indica che “Tra i minerali, tra le piante, tra i batteri e gli animali di tutte le specie, questo piccolo dio vecchio, che si chiama Amore Con l’A maiuscola, è la causa delle mutazioni delle forme e il generatore di tutto ciò che è nuovo o rinnovato…” (Dialoghi) vuol dire che la chiave di tutto che collega il tutto è questo amore che bisogna nutrire e coltivare dentro e coerentemente fuori di noi?
Se lo è sarà un amore fatto soprattutto di rispetto ed educazione per il diverso, ma apparentemente diverso, da noi. Come le piante, verdi come il colore dedicato a Venere.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy