Subreply To: La concezione ermetica dei disordini nervosi

Home Page Forum Il Forum della Schola La parola al taumaturgo La concezione ermetica dei disordini nervosi Subreply To: La concezione ermetica dei disordini nervosi

admin Kremmerz
Amministratore del forum
Post totali: 839

“Per imparare l’arte magica, dopo la filosofia della magia, bisogna possedere tre cose:
1) La VOLONTA’ senza desiderio
2) La FORZA di fare senza fermarsi
3) La PRATICA di non sbagliare (…) Per le quali tre virtù, miei cari pitagorici e filosofi, dovete implorare prima di tutto al nome divino di Dio di fortificare il vostro spirito e fare che il vostro corpo si trasformi a volontà dello spirito
nel becco di uno sparviero per prendere
nella zampa di un leone per possedere
nella carne di una femmina per illudere i sensi
nella parole del serpente per produrre l’incanto

Questo scriveva Giuliano Kremmerz ne “Il Mondo secreto” (LA SCIENZA DEI MAGI, Vol. I, pag. 269).

Per parte mia ho notato che si riesce a disporre ‘fuori’ solo quanto si è imparato a disporre ‘dentro. Così, quel domandare al nome divino di Dio mi fa pensare che qualunque essere vivente che ne applica la Legge – più o meno scientemente, dall’uomo al cane, dall’uomo incosciente del terrestre paradiso sino all’uomo pseudo-cosciente di oggi – riesce.
Original author: laura

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy