Subreply To: Il simbolismo lunare e l’elettro-magnetismo nella Schola Philosophica Hermetica Classica Italica di Giuliano Kremmerz

Home/Il Forum della Schola/Giuliano Kremmerz/Il simbolismo lunare e l’elettro-magnetismo nella Schola Philosophica Hermetica Classica Italica di Giuliano Kremmerz/Subreply To: Il simbolismo lunare e l’elettro-magnetismo nella Schola Philosophica Hermetica Classica Italica di Giuliano Kremmerz

Home Page Forum Il Forum della Schola Giuliano Kremmerz Il simbolismo lunare e l’elettro-magnetismo nella Schola Philosophica Hermetica Classica Italica di Giuliano Kremmerz Subreply To: Il simbolismo lunare e l’elettro-magnetismo nella Schola Philosophica Hermetica Classica Italica di Giuliano Kremmerz

admin Kremmerz
Amministratore del forum
Post totali: 843

Alcune riflessioni tratte da studi dell’astrofisica Giuliana Conforto, a seguito del post di Fler95
La luna non ha campo magnetico e le rocce lunari sono magnetizzate.
Il campo magnetico si origina, stando alla geofisica, dalla rotazione, nel caso della terra, del pianeta e dallo slittamento della restante massa sul nucleo, ritenuto di ferro, anch’esso in rotazione.
Gli astronauti hanno lasciato sulla luna dei sismometri e così sappiamo che la luna è scossa da frequenti lunamoti. Sono l’equivalente dei terremoti, con la differenza che sulla terra durano pochi minuti e sulla luna ore. I lunamoti, circa tre mila l’anno, hanno raggiunto spesso il 5° grado della scala Richter.
La convinzione generale è che la luna sia un guscio vuoto, ma anche ammessa questa ipotesi, eretica, c’è un altro problema. Non c’è attività vulcanica sulla luna. Da che cosa dipende la sua sismicità? Due geofisici dell’università di Austin, in Texas, hanno notato che la maggior parte dei luna­moti avveniva allorché la zona della Luna, dove era stato collocato il sismometro, era diretta verso la costellazione del Cancro. La causa? Un intenso flusso di quark strange , provenienti dalla costellazione del Cancro, una massa imponente, miliardi di volte più cospicua di quella dei due quark, u e d, che compongono la materia normale, visibile.
La scoperta non ha avuto eco. Eppure è un chiaro indizio di un invisibile, ma concreto legame tra la luna e la Costellazione del Cancro. L’astrologia lo prevede mentre l’astronomia nega.

Un tempo, la Terra era senza luna.
Lo affermano Aristotele e Plutarco in Grecia, Apollonio e Ovidio a Roma antica, nonché vari altri autori. Le loro tesi coincidono con i simboli trovati nel cortile di una casa a Kalasasaya, vicino alla città di Tiahuanaco, in Bolivia. La luna sarebbe apparsa in cielo tra 11.000 e 13.000 anni fa…
Una mia riflessione:
Se ciò fosse vero, si potrebbe avanzare una ipotesi: la scienza sostiene che l’agricoltura e’ nata circa 12.000-13.000 anni fa. E’ possibile una relazione tra i cicli di crescita, rigenerazione e tutti i fenomeni legati alle fasi, e la comparsa dell’astro notturno?
Un’ultima, bizzarra considerazione: la grandezza del nostro satellite è una anomalia; inoltre, il suo diametro a la sua distanza dalla terra, sono tali che durante le eclissi di sole il disco lunare copra esattamente quello del sole. Nessun altro satellite, nel sistema solare, ha questa caratteristica.
Original author: holvi49

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy