Rispondi a: Il Silenzio

Home/Il Forum della Schola/Il Silenzio/Rispondi a: Il Silenzio

Home Page Forum Il Forum della Schola Il Silenzio Rispondi a: Il Silenzio

BELL
Partecipante
Post totali: 71

Ho letto l’articolo citato da Mandragora sulla rivista Le Scienze del 15 Dicembre u.s. Quello che i ricercatori hanno riscontrato e analizzato è che le aree della corteccia uditiva hanno una mappatura ben precisa di ricostruzione degli stimoli sonori che giungono all’apparato uditivo. Come ho detto nel mio post del 12 Dicembre (cui ti rimando) a proposito della ricostruzione molto dettagliata dell’immagine a livello della corteccia visiva così avviene per quella uditiva anche se meno conosciuto; in sintesi il suono viene, a livello dell’apparato uditivo, scomposto nelle sue caratteristiche peculiari (lunghezza d’onda, frequenza, intensità), poi viene ricostruito a livello della corteccia uditiva in suono semplice, complesso o rumore. In questa opera intervengono anche i Centri Associativi del riconoscimento e apprendimento di cui abbiamo parlato nel post citato e che determinano anche un’attenzione, se richiesta ed entro certi parametri, a determinati suoni rispetto ad altri. Tramite indagini radiologiche sofisticate i ricercatori hanno fatto prima una mappatura della stimolazione delle diverse aree della corteccia uditiva in funzione della frequenza del suono e poi hanno messo in correlazione questi dati con le caratteristiche dei singoli neuroni giungendo alla conclusione che il livello di mielina dei neuroni (presente normalmente e di fondamentale importanza nelle cellule nervose per la conduzione dello stimolo v.la grave alterazione nelle malattie demielinizzanti), in alcune regioni corticali uditive è simile e permette a quell’area di rispondere ad una frequenza del suono selettiva. Questo è importante per comprendere i meccanismi di attenzione e ricezione selettiva dei suoni che sono alterati in determinate condizioni patologiche.
Gli organi di senso fanno affluire al Cervello (Corteccia e Aree associative) in contemporanea molteplici stimolazioni durante una particolare azione dettate dai profumi,lettura,suono delle parole espresse ecc. Quindi, secondo me,il silenzio è uno stato di essere a cui partecipano tutti questi stimoli con una valenza ben precisa e importante.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy