Reply To: La Terapeutica Ermetica della S.P.H.C.I. di Giuliano Kremmerz tra sperimentazione ed empirismo.

Home/Il Forum della Schola/La parola al taumaturgo/La Terapeutica Ermetica della S.P.H.C.I. di Giuliano Kremmerz tra sperimentazione ed empirismo./Reply To: La Terapeutica Ermetica della S.P.H.C.I. di Giuliano Kremmerz tra sperimentazione ed empirismo.

Home Page Forum Il Forum della Schola La parola al taumaturgo La Terapeutica Ermetica della S.P.H.C.I. di Giuliano Kremmerz tra sperimentazione ed empirismo. Reply To: La Terapeutica Ermetica della S.P.H.C.I. di Giuliano Kremmerz tra sperimentazione ed empirismo.

admin Kremmerz
Amministratore del forum
Post totali: 839

“Credo nella morte, principio di Vita Nova”… Questa la frase che mi è venuta in mente leggendo il libro di Umberto Curi “Il volto della Gorgone: la morte e i suoi significati” anche disponibile gratuitamente online. Infatti, l’autore parla dell’ambivalenza delle parole greche, sempre interpretabili – un poco come il binario di cui si parla nelle immagini autunnali del sito – sia in un senso che nell’altro. Così, PHARMAKON è (cito Curi) “bevanda la cui dynamis è doppia, la cui valenza è duplice,,, e allo stesso modo doppia è anche la divinità, Asclepio, cui si immola il gallo… indicatore di quell’incerta area… nella quale convivono il giorno e la notte”.
Ad esempio, forse non è molto risaputo che lo scoppio di una malattia si verifica a causa di un difetto enzimatico: quando una reazione enzimatica alterata è presente un danno. (L’inibizione enzimatica può avvenire mediante un inattività genetica acquisita o l’assenza di un enzima). Orbene, negli anni trenta il farmacista biochimico tedesco Waldemar Diesing riuscì a “depurare” il veleno dei serpenti in modo da conservarne quegli enzimi tanto necessari al nostro organismo e propedeutici a una varietà di reazioni metaboliche, così che da ciò che era veleno sono derivate cure per le malattie reumatiche, della pelle e anche dell’occhio. (Già lo sapevano gli antichi Cinesi, Indiani, Egizi, Romani…). Kremmerz si interrogava: “Dove si fanno, in qual paese del mondo studi della storia dell’antica medicina anteriore a Ippocrate che siano immuni dal pregiudizio che tutti i tempii di Esculapio non erano che conventicole di imposture sacerdotali? Eppure non una voce si è levata, nella storia dell’oculistica per esempio, a richiamare l’attenzione dei nostri contemporanei sull’uso sacerdotale di aver serpenti che leccavano la cornea dei malati e ridavano la vista…”.
Ricordo quel passo, menzionato in questo sito, in cui si racconta del dio Kons che “compariva volando o camminando sopra i malati, circondato da serpenti…”.
I serpenti e il volo, il veleno e la terapia.
Così, credo cha pure nell’autunno, come nel mortifero siero, vi sia doppia valenza: di morte e di vita, di risveglio e di sonno e – magari – di sonno per risvegliarsi o cangiare… in aurora lucente.
Original author: sal

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy