Reply To: La Concezione Immacolata commentata da Giuliano Kremmerz

Home/Il Forum della Schola/Giuliano Kremmerz/La Concezione Immacolata commentata da Giuliano Kremmerz/Reply To: La Concezione Immacolata commentata da Giuliano Kremmerz

Home Page Forum Il Forum della Schola Giuliano Kremmerz La Concezione Immacolata commentata da Giuliano Kremmerz Reply To: La Concezione Immacolata commentata da Giuliano Kremmerz

tanaquilla9
Moderatore
Post totali: 457

Oggi una trasmissione televisiva ha fortemente colpito la mia immaginazione: raccontava una particolare e antica tradizione che si perpetua ogni anno il 28 Aprile a Castevenere sul Calore (Irpinia). Pare che nella data più vicina al 28 Aprile tutte le donne del paese si riuniscano per fare il pane della Madonna a forma di tarallo che chiamano tortano, e che è conservato poi sull’altare, formando una enorme costruzione rotonda fatta anche di 45.000 pezzi. Il giorno 28 poi vengono addobbate le bambine del paese di circa 8 anni (le spunziatrici, ossia le dispensatrici) con tutti gli ori che familiari ed amici prestano. L’oro (collane, bracciali, anelli, ecc.) viene cucito sui loro vestiti bianchi e le bambine (assolutamente native di Castelvenere), accompagnate da un cavaliere con bastone per la loro difesa e da una madrina portano il pane in ogni casa del paese, perché ognuno abbia il pane della Madonna. Ma non finisce qui perché i giorni successivi, qualunque sia il tempo atmosferico, le bambine lo distribuiscono negli agglomerati limitrofi, percorrendo a piedi chilometri e chilometri. Tra la raccolta delle fascine, della farina, la preparazione del pane, delle spunziatrici e la distribuzione dei tortani, il paese intero vive giorni di intensa partecipazione. Ebbene, non conoscevo questa tradizione che mi ha fatto venire in mente antiche ed essoteriche processioni in onore all’Iside purissima. Nei giorni passati avevo sentito di alcune nuove conquiste della tecnologia, come ad esempio l’hyperloop, il treno considerato il 5° mezzo di trasporto che sarà in grado di coprire la tratta San Francisco- Los Angeles (610 Km) in appena 30 minuti, senza condividerne a pieno il beneficio per l’umanità che va sempre più di fretta ma ha sempre meno presente il senso più autentico della sua vita. Ma sentire del perpetuarsi di antiche tradizioni che, come una eco di una sapienza antica, rinviano l’uomo verso mete più naturali, alte e profonde mi ha rincuorato.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy