Reply To: Introduzione del dott. Giuliano Kremmerz ad una conferenza sulla Medicina Mistica di Salvatore Catalano

Home/Il Forum della Schola/La parola al taumaturgo/Introduzione del dott. Giuliano Kremmerz ad una conferenza sulla Medicina Mistica di Salvatore Catalano/Reply To: Introduzione del dott. Giuliano Kremmerz ad una conferenza sulla Medicina Mistica di Salvatore Catalano

Home Page Forum Il Forum della Schola La parola al taumaturgo Introduzione del dott. Giuliano Kremmerz ad una conferenza sulla Medicina Mistica di Salvatore Catalano Reply To: Introduzione del dott. Giuliano Kremmerz ad una conferenza sulla Medicina Mistica di Salvatore Catalano

admin Kremmerz
Amministratore del forum
Post totali: 839

Il Carnevale, come molte altre usanze popolari, si rifà a logiche antiche, basate sulla concretezza della pratica e tradotte dal simbolismo sacerdotale come sempre articolato a più livelli: da quello riservato agli “addetti ai lavori” a quello popolare. Diogenonn ricordava le usanze dell’antica Roma col Navigium Isidis: presente anche nei libri dei moderni ricercatori come lo scomparso giornalista Cattabiani, il Carro navale di babilonese memoria recava il simulacro del dio Luna e dio Sole che veniva trasferito al santuario, culla della rigenerazione. Morti mescolati ai vivi e animali benedetti insieme agli esseri umani, caratterizzavano e caratterizzano nelle usanze la rimescolanza tipica del Caos ricordato dalla Direzione della Schola.
I coriandoli, confetti multicolore tipici del Rinascimento italiano poi ripresi in veste cartacea nel XIX secolo, vanno nel senso del medesimo sgretolamento gioioso. Sottolinea Kremmerz “la fine di un mondo non è sempre la frantumazione del pianeta tanto piccolo che noi abitiamo …la fine del mondo può essere la morte di tutta la rancida vecchiaia, sommersa da un ringiovanimento di luce e di pensieri che, sorti dai sepolcreti fatidici, riprendono la missione già anticipata, e rinnovano, rigenerano idee e visioni nel mondo esteriore”.
La maschera di Arlecchino trasferisce nel costume questa trasposizione multicolore. Nella commedia dell’arte, l’abito di Arlecchino ha forma e foggia eguali a quello di Pulcinella, suo fratello minore. Si dice infatti che quest’ultimo nasca quaranta o cinquanta anni dopo il primo, come ne fosse la trasformazione o continuazione naturale. Forse che come tutti i colori risolvono nel bianco anche Arlecchino risolve in Pulcinella?
Bianco come la neve e le colombe, Pulcinella è però nero sotto il cappuccio. Le sue tinte sono le stesse dell’esoterico Jupiter fattosi cigno per ingravidare Leda e quindi indicante l’umanazione della divinità. La fiaba del brutto anatroccolo racconta ai bambini di ogni generazione come spesso ciò che appare diverso e sproporzionato deve solo fare il proprio tempo prima di mostrarsi in tutta la propria magnificenza, capace di dispiegare le ali e volare…
“Che cosa è la vita e lo spirito vitale?” Kremmerz invita a chiedersi. E ancora: “se non fossimo civilmente educati a stimar la morte come un istante solenne di una gravità sublime, ci metteremmo a ridere…”.
L’ultimo giorno di ‘grasso’ è martedì, giorno di marte che trova il suo grafema in un sole che lancia una freccia: è il trapasso?
Al martedì, ultimo giorno del Carnevale, segue infatti il mercoledì delle ceneri: nel giorno di Mercurio-Ermete, messaggero tra l’umano e il divino, quando anche l’ultima umidità radicata nella materia vivente è evaporata, gli occhi spalancati della maschera volgono oltre il rigor mortis e “Ciò” che aveva corpo perde gradatamente nome e forma in un processo inverso a quello l’aveva individuato… Ma questa è un’altra storia.
Kremmerz conclude: “Le leggende dei culti, la passione di Mardruk, la passione di Osiride, la passione di Cristo, sono lacrime e martiri, morti e resurrezioni… Osiride rinasce nella vita vegetante e animale … La morte in Egitto è un mutamento di stato”.
Original author: sal

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy