Reply To: Il sesto senso, tra Medicina ufficiale e Terapeutica ermetica

Home/Il Forum della Schola/La parola al taumaturgo/Il sesto senso, tra Medicina ufficiale e Terapeutica ermetica/Reply To: Il sesto senso, tra Medicina ufficiale e Terapeutica ermetica

Home Page Forum Il Forum della Schola La parola al taumaturgo Il sesto senso, tra Medicina ufficiale e Terapeutica ermetica Reply To: Il sesto senso, tra Medicina ufficiale e Terapeutica ermetica

admin Kremmerz
Amministratore del forum
Post totali: 839

“Quando l’immagine del malato è chiara nella vostra mente, potete psichicamente agire anche per istrada, come se agiste su lui con un medicamento ideale. Questa è la forma di cura magica.” Trovo che non ci sia niente di più rincuorante di sapere che, in qualsiasi modo, in qualsiasi tempo o spazio, un pensiero di luce e di bene possa trasmutarsi in un’essenza fisica e concreta e che concretamente incida sulla nostra vita! A volte, questi concetti sembrano lontani dalla mia generazione… Negli ultimi quindici anni le grandi scoperte scientifiche e i poderosi avanzamenti tecnologici non hanno seguito la stessa evoluzione culturale; ho ascoltato favole nei mangiadischi arancioni, cantato i Queen in cassetta e cominciato l’università con i compact disk, ora appese alle chiavi di casa c’è sempre una pendrive da 8 giga…Non è facile, per una generazione figlia dell'”usa e getta” – sia emotivo che lavorativo – fermarsi ad ascoltare anche solo il proprio respiro. E’ vero, “la conoscenza delle verità è umanamente una presunzione a cui abbiamo fatto l’orecchio come a tanti convenzionalismi”, eppure la ricerca sembra relegata al semplice copia/incolla dell’identità individuale e collettiva; la medicina si ritrova a far fronte a nuove psico-malattie, risultato dei cambiamenti socio ambientali, ma anche a molte nuove patologie nate dalle malformazioni di pensieri poco costruttivi, poco matriarcali, poco naturali, antialimentari, realizzatrici di valori in cui non crediamo più. Se nell’immaginario culturale, cadere nella rete ci rimanda ad un’immagine di trappola senza vie d’uscita, c’è un’immagine lontana nel mito in cui, nel pericolo o in necessità, si ritrovi il capo tra le fila della rete e seguendo, per dirla con le parole del Maestro, con la mente umana la mente universale, trovare quella destrezza magnetica di conferire al pensiero la forza della materia.
Forse, per quelli della mia generazione, non tutto si risolve in un “click”!
Original author: Cingallegra

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy