Reply To: Eventi e Segnalazioni

garrulo1
Partecipante
Post totali: 329

Nella parte terminale sempre del Capitolo I, compaiono i riferimenti alle opere di Giuliano Inno al Re Helios e Inno alla Madre degli Dei. In sede di lavori accademiali, personalmente non avevo pensato all’analogia concettuale con i primi due versi del Credo della Schola, proprio in relazione per quanto riguarda il primo, all’espressione del Principio Maschile operante nel Cosmo mediante la Potenza/Virtù trasmutatoria della funzione Solare, ed il secondo in connessione alle potenzialità generative del Principio Femminile attivo nell’intero Universo, qui identificato nella matrice delle forme o utero lunare. Da queste poche righe, colgo però un altro spunto: proprio dall’Inno al Re Sole di Giuliano, dopo il verso 133 compare la seguente frase: “ Perciò la sua luce, penso, ha con il mondo visibile la medesima analogia che la verità ha con il mondo intelligibile”. Da qui l’accostamento coerente e anche rigoroso con l’Inno al Sole del Maestro Kremmerz (Unus, pollentissimus omnium), con più citazioni, tra le quali tengo a ricordare l’inizio del secondo passo che così recita: “ O Sole, tu, che spazzi le tenebre della gran notte dei fantasmi passionali, degli spettri delle concupiscenze più sfrenate, delle superbe creazioni dell’orgoglio umano…… chiudendo il periodo con la frase augurale, diretta, latu sensi, all’umanità intera, di avvertire il prima possibile il raggio divino ed in questo modo, preparare veramente l’avvento individuale, e di conseguenza anche sociale, del Cristo.
Un caro saluto ed al prox post

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy