Reply To: Eventi e Segnalazioni

garrulo1
Partecipante
Post totali: 324

Il post di Wiva 70 sul potere della musica nella vita dell’essere umano, parte dal presupposto che la Vita Universa segua dei ritmi che si ripercuotono a scalare dal Macro al micro, permeando e condizionando ogni forma di vita. Ne scaturisce parimenti che la musica, possa essere considerata da singoli esponenti dell’avanguardia scientifica, un potente farmaco a base non chimica. Di conseguenza, il riflesso terapeutico in gioco è racchiuso nell’armonia di determinate vibrazioni che le note musicali vanno ad attivare, le quali, studiate ad arte nella terapeutica, credo proprio vadano a creare una forma di compensazione e quindi di riequilibrio dell’armonia perduta, di cui la malattia ne è diventata l’espressione oggettiva. A questo proposito, un Filosofo Ermetico per eccellenza, Giordano Bruno, ripreso da F.A. Yates in Giordano Bruno e la Tradizione Ermetica, in cui viene fatto espresso riferimento alle opere “De Imaginum Compositione” e “De gli Eroici Furori”, nelle quali Giordano Bruno inquadra l’arte nelle sue svariate sfaccettature, come espressioni geroglifiche del mondo divino, o meglio come dei tentacoli che l’artista tende al fine di creare il contatto con il mondo delle cause. Nel libro anzicitato, compare una traduzione della seguente frase del Filosofo Nolano, che tengo letteralmente a trascrivere: ”La vera filosofia è musica, poesia o pittura; la vera pittura è poesia, musica e filosofia; la vera poesia o musica è sapienza divina e pittura”. D’altronde, come compare anche nello “Spaccio della Bestia Trionfante” è dalla conoscenza (identificazione?) per la vita rilucente nelle cose naturali (tra l’altro tutte regolate da determinate modalità vibratorie e simboleggiate nella Lira di Apollo o Spirito dell’Universo), che si monta progressivamente alla vita che soprasiede a quelle.
Un caro saluto.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy