Reply To: Comunicazioni flash

tanaquilla9
Moderatore
Post totali: 457

Ho appena finito di leggere la traduzione della recensione del Dr. Hans Thomas Hakl de “La Pietra Angolare Miriamica” – Vol I – opera a cura di M.A. Iah-hel (Anna Maria Piscitelli), apparsa sulla Rivista Gnostika. Mi ha favorevolmente colpita lo spirito di benevola neutralità col quale il dr. Hakl ha concepito la recensione (doti davvero non comuni almeno nel panorama esoterico italiano) ed anche il suo rispettoso interesse per il Maestro Kremmerz, a suo dire, di limitata influenza oltre l’Italia e poco conosciuto nei paesi di lingua tedesca, nonché per lo stesso materiale messo a disposizione da Anna Maria Piscitelli “che rende più trasparente la complessa storia dell’Ordine”, come giustamente osserva.
Probabilmente nei paesi europei di lingua tedesca si è sereni nell’analisi perché estranei a motivi d’interesse che invece hanno ispirato molti degli autori che hanno investigato sul Kremmerz e sull’Ordine fino ad oggi, almeno qui in Italia (e da quel che mi risulta per buona parte anche in Francia ove le false iniziazioni alla Miriam pare che abbondino) i quali, pur sapendo di archivi originali, non hanno mai ritenuto di dovervi attingere per cercare verità storiche. Tuttavia l’eco di menzogne è comunque trapelato e ne scorgo le tracce anche nella seria recensione del dr. Hakl.
Ad esempio nel I Volume de La Pietra Angolare Miriamica non si parla delle “malfamate pratiche magico-sessuali interne kremmerziane”, perché semplicemente non esistono. Perché altrimenti Jesboama non ne avrebbe dovuto trattare e citarle se fossero esistite, lui che risulta – dalla lettura dei suoi stessi documenti presenti su La Pietra Angolare Miriamica – preciso e puntale nella descrizione dei fatti?
Il dr. Hakl, inoltre, riporta che “a detta degli esperti, ci sono differenze essenziali nelle pratiche interne della linea di Piscitelli e quelle di Vinci Verginelli e Gino Muciaccia…”, ma le ultime due linee di questi discepoli dell’ultima ora del Kremmerz, rimasti orfani senza che fosse accettata o convalidata la loro iscrizione all’Ordine Egizio e senza che fosse conferito loro alcun mandato per la Miriam, cosa hanno a che vedere con la S.P.H.C.I. Fr+ Tm+ di Miriam e la sua continuità ortodossa fino ad oggi?
Non voglio dilungarmi troppo ma da miriamica con un percorso quasi quarantennale alle spalle non ho potuto far a meno di fornire la mia testimonianza su fatti a me ben noti e, per terminare, come è giusto che sia, voglio ringraziare il dr. Hakl per la sua recensione e la Direzione del sito per averla resa nota a tutti noi Fratelli, Sorelle e utenti più disparati. Buon anno e buon lavoro a tutti.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy