Reply To: Accademia Giuliana – (Torino)

garrulo1
Partecipante
Post totali: 324

Il post del 17 u.s., conseguente all’ultima riunione dell’Accademia Giuliana, mi fa venire in mente un postulato, che per quanto ricordo potrei definire quasi dogmatico, del Maestro Kremmerz, e cioè che ogni patologia, di qualunque natura si tratti, trova il suo riscontro a livello causale in uno squilibrio fluidico, recente o lontano che sia. D’altronde, questa massima fondamentale viene riportata anche nella Pietra Angolare, Pagg. 371-372, che riscrivo testualmente: “ La Schola è scuola di miglioramento e perfezionamento dell’essere umano. Dico dell’essere umano, perché questa frase esprime una sintesi, cioè il complesso degli elementi costituenti l’individuo uomo in tutte le sue manifestazioni di vita, psichiche e fisiche. Miglioramento dunque psichico e fisico. Il valore della parola miglioramento sta nella importanza dello scopo pratico a conseguire. Questo scopo è una intensificazione e quindi un abbreviamento della evoluzione naturale individuale; sicchè miglioramento fisico deve intendersi come conseguimento di uno stato fisiologico di perenne armonia con lo sviluppo psichico, così da ottenere un continuo equilibrio psico-fisico, cioè lo STATO DI SANITA’ “. Da queste poche righe Magistrali, tento un aggancio al problema dello squilibrio fluidico a cui ho accennato prima: l’organismo umano nel suo insieme, credo sia animato nelle sue funzioni e nelle relazioni tra i vari organi e/o gruppi di organi, proprio da quel fluido magnetico o vitale che permea l’intero Universo, quell’Agente che nel Macrocosmo “muove il sol e l’altre stelle”, e che per ragioni oggi ignote alla Medicina Ufficiale, nel caso di difetto e/o di eccesso, tende a creare un quadro patologico manifestantesi secondo le modalità più diversificate. Di conseguenza, purificando l’organismo nel suo insieme, il fluido in questione circola di fatto man mano più liberamente, evitando pericolose deviazioni, e tale modalità di purificazione ha una prima base Etica (buoni pensieri, buone parole e di conseguenza buone opere), dopodichè, si può procedere oltre mediante la direzione terapeutico/evolutiva (azione terapeutica su sé stessi e naturalmente sulle altre persone che ne manifestino espressamente la richiesta) tipica della Schola.
Sul piano prettamente fisico, mi viene in mente l’analogia con la circolazione del sangue, in quanto più il sangue più circola liberamente e più libera vene ed arterie dalla presenza di grumuli e/o agenti patogeni, pertanto, più arterie e vene risultano libere e più l’intero flusso sanguigno compie il proprio naturale percorso senza pericolose deviazioni, quindi entrambe le modalità di epurazione anzi descritte, fluidiche ed ematiche, implicano come logica conseguenza innanzitutto un ottimo stato di salute nel suo complesso.
Un caro saluto a tutti.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy