Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica

Home/Il Forum della Schola/I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica/Rispondi a: I Luoghi del Sacro, della Magia e della Tradizione ermetica
garrulo1
Partecipante
Post totali: 456

Bello davvero il Tuo post Wiwa. Ben fa comprendere, anche ai più restii ad ammetterlo, l’importanza del Femminile in tutta la Storia dell’Umanità, e, mi spingo oltre, oserei dire della Creazione in generale dove, per come la metabolizzo e la vivo io, tutto fa capo ad una Coscienza Originaria (termini al Femminile), che poi, forse per necessità ontologica di contemplare sé stessa o forse per innumerevoli altre ragioni, si sdoppia, e da qui la frammentazione in parti infinitesimali dell’Universo/a dove ogni cellula o frazione infinitesima della Matrice Originaria conserva l’impulso del ritorno in grembo alla Divina Madre! Bene, scrivo mentre rifletto, chi è nel mondo che meglio interpreta l’impulso della Creazione cioè l’Amore? Chi sente la carne dell’altro come fosse la propria? La madre per il proprio figlio. Mi è sempre rimasta impressa l’intensità e la sincerità con la quale la mamma di un caro amico e collega colpito da un brutto male, guardando verso di me, ma vi erano anche altre persone presenti in quel frangente, disse: ”Perché non è successo a me”!! E poi ancora, nel celebre dipinto di Raffaello Sanzio “La Scuola di Atene”, quando Platone ha l’indice destro rivolto verso l’Alto, fa proprio riferimento al Mondo o Campo delle Idee Madri che se captate vanno poi vissute dai discepoli finchè letteralmente non si “innestano”, portando verso la Conoscenza, frutto però dell’esperienza, il vero obiettivo di tutte le Tradizioni e della vita umana a tutto tondo!!
Un caro saluto ed una buona giornata a tutti.

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Normativa Privacy